Cosa vedere a Colmar

Adv.

Cosa vedere a Colmar - 20 luoghi da non perdere

 

Il visitatore sicuramente noterà che Colmar resta il luogo meglio conservato di tutta l'Alsazia. In uso sin dall'antichità per esempio il canale oggi conosciuto come Petit Venise (Piccola Venezia) rimane uno dei luoghi più caratteristici della città, tipico quartiere con vecchie case alsaziane, il porto turistico e la città vecchia pedonale dove affiorano tanti caratteristici negozi di souvenirs, giocattoli e gourment.

 La Piccola Venezia è meglio visitata nelle gite lungo il canale con le tipiche barche ‘bateau' che dal quartiere Tanners vi porteranno verso Rue des Tanneurs. Nella bella Place de l'Alsacienne troviamo il Koifhüs un tipico edificio che ospitava l'Antica dogana cittadina e che presenta belle decorazioni in tipico stile della popolazione dei Burgundi, un antico popolo tribale di origine germanica. Nelle vicinanze il quartiere di Place de la Cathédral ci offre diversi tipici e splendidi edifici del XVI secolo i quali ancora conservano le tipiche locandine di un tempo; qui inoltre troviamo la bella Eglise St-Martin, nella quale possiamo ammirare il suo ricco portale in stile gotico.

La Eglise Dominicains ospita invece la superba opera della ‘Vierge au Buisson de Roses' del 1473 del Schongauer, famoso pittore dell'Alsazia nato a Colmar. Nella Rue Mercière troviamo la famosa Maison Pfister dove si ammira le belle faciate floreali che continuano tradizionalmente a rappresentare la città.

Tra i musei il Museo Bartholdi ci offre una interessante visita nella vita di Frederic Bartholdi noto scultore e architetto del XIX secolo, nato a Colmar e famoso per aver creato la Statua della Libertà di New York e il 'Leone di Belfort', nonché per altre importanti sculture.

Il Musée Unterlinden situato in un suggestivo monastero dominicano ospita diversi dipinti della zona del Reno, in particolare la famosa Pala d'altare di Issenheim, un capolavoro di intensa bellezza, parte di un opera del XVI secolo dipinta da Matthias Grünewald. Nel museo inoltre si possono ammirare diversi dipinti del Monet, le opere di Martin Schongauer, e vari reperti archeologici.

Il Musée du Jouet altro non è che il Museo dei Giocattoli, sicuramente da non perdere!

Naturalmente Colmar è anche nota per i famosi Mercatini Natalizi che nel periodo di Natale inondano la cittadina di una emozionante e caratteristica atmosfera di luci, colori e prodotti tipici dell'Alsazia più vera. Vedere a tal proposito la pagina che abbiamo dedicato al Natale a Colmar.

Petit Venise

Petit Venise - ColmarAttraversata dal fiume Lauch, il quartiere della Petit Venise , la zona più succestiva di Colmar, con molte case antiche a graticcio che vanno dal XIV al XVIII secolo, in legno e muratura in gran parte costruiti a filo con il fiume. È possibile visitare la Piccola Venezia con piccole imbarcazioni, a immagine della famosa città italiana, per una passeggiata in campagna. Naturalmente, si può anche visitare le sue stradine a piedi o in bicicletta. La zona tipica si trova vicino al centro della città , e si trova qualche minuto di cammino per raggiungere a partire dalla Collegiata Saint-Martin, leggermente a nord rispetto alla stazione ferroviaria di Colmar. Continua a leggere sulla Petit Venise di Colmar.

Torna su

Città Vecchia e Place de la Cathédrale

Città Vecchia e Place de la CathédraleLa Città Vecchia di Colmar, specialmente in alcune ore del giorno, sembra venuta fuori da un libro di fiabe, un affascinante labirinto di tortuose strade acciottolate fiancheggiate da tipiche case a graticcio alsaziane. Questa zona storica ben conservata si trova tra la Rue des Têtes, la Rue des Clefs e la Rue des Marchands nei pressi di Place de la Cathédrale, la Piazza della Cattedrale. I visitatori possono iniziare la visita di Colmar proprio dalla Place de la Cathédrale, nel cuore del centro storico della città. Su questa piazza si trova la Chiesa collegiata di San Martino (Collégiale Saint-Martin), in origine chiesa gotica in gran parte ricostruita nel XVIII secolo. Un altro importante monumento storico sulla Place de la Cathédrale è l'Ancien Corps de Garde (ex Casa della Guardia) che è servito a molti scopi nel corso del tempo, da un edificio di mercato a tribunale a caserma. Questo edificio storico è un gioiello di architettura rinascimentale alsaziana. Sempre in questa piazza si trova la Maison Adolph, al numero 16. Costruita nel 1350 per la famiglia da cui prende il nome, questa bella casa è uno degli edifici più antichi della città. Accanto ad essa si trova un pozzo con due teste di leone che risale al 1592.

A breve distanza si trova la Grand Rue dove si trova la Chiesa di San Matteo (Eglise Saint-Matthieu), una chiesa protestante del XIII secolo. Un'attrazione da non perdere da queste parti è la Maison Pfister, all'angolo tra la Rue Mercière e la Rue des Marchands. Quest'ultima è un connubio di stili medievali e rinascimentali risultando uno degli edifici più belli e antichi di Colmar.  La casa fu costruita nel 1537 per Ludwig Scherer, un cappellaio che fece fortuna come banchiere. Sulla Rue des Marchands si trova il Museo Bartholdi che espone cimeli del famoso scultore Auguste Bartholdi che qui nacque. Passeggiate poi lungo la Rue des Boulangers e la Rue des Serruriers per ammirare le pittoresche case a graticcio ai lati delle strade. Fermatevi anche davanti a 19 Rue des Têtes, per vedere la Maison des Têtes (la "Casa dei Capi"). Questo edificio rinascimentale dispone di una facciata decorata con piccoli busti e facce di personaggi diversi, davvero particolare. L'edificio è ora occupato da un hotel a cinque stelle con un famoso ristorante al suo interno.

Torna su

Musée Unterlinden

Musée UnterlindenL'eccezionale museo Museo Unterlinden si trova nell' ex convento domenicano che risale al XIII secolo, con un chiostro ben conservato a doppia arcata. Il Museo Unterlinden ospita un'ampia collezione di sculture romaniche e gotiche, dipinti medievali, arte popolare e artigianato...Continua a leggere sul Museo Unterlinden.

Torna su

Chiesa dei Domenicani (Eglise des Dominicains)

Chiesa dei Domenicani (Eglise des Dominicains)La Chiesa dei Domenicani a Colmar è un eccellente esempio di architettura gotica del primo periodo. Fu fondata nel 1283 e la costruzione iniziò nel XIV secolo. Con la sua architettura semplice e serena, offre uno sguardo sulla vita dei predicatori dominicani. Questo ordine mendicante contribuì all'interesse per la filosofia mistica durante il XIV e XV secolo. Splendide vetrate colorate permettono alla luce di penetrare nel santuario e offrono ispirazione ai fedeli. Il coro espone la celebre "Vergine del Giardino delle rose", capolavoro dipinto da Martin Schongauer nel 1473. Una parte della chiesa occupa l'ex monastero domenicano, con un chiostro del XIV secolo utilizzato per concerti. Il chiostro ospita oggi la Biblioteca Comunale di antichi manoscritti. La Chiesa Dominicana si trova a pochi passi dalla Rue des Clefs, la principale via dello shopping della Città Vecchia.

La chiesa domenicana è una sorta di grande contenitore con un soffitto ligneo illuminato da vetrate del XIV secolo. Ha tutte le caratteristiche di una chiesa ad aula.

Il Convento dei Domenicani ha ospitato la biblioteca pubblica di Colmar per più di 50 anni, dal 1951 al 2017. Il magnifico chiostro di questo edificio storico è stato ampiamente modificato nel XVIII secolo. Tuttavia, può ancora essere visitato pagando un biglietto d'ingresso al Museo di Unterliden. Vera oasi di tranquillità nel cuore del centro città, questo luogo respira calma e relax, per una piacevole pausa durante una visita alla città.


Indirizzo: Place des Dominicains

Torna su

Antica Dogana (Koïfhus, Ancienne Douane)

Antica Dogana (Koïfhus, Ancienne Douane)Vicino alla Place du Marché-aux-Fruits (il sito dell'antico mercato della frutta), all'incrocio tra la Grand Rue e la Rue des Marchands, la Antica Dogana, la Koïfhus, aveva una posizione strategica in epoca medievale. Questo edificio del XV secolo era un tempo il centro economico e politico di Colmar...Continua a leggere sull'Antica dogana di Colmar.

Torna su

 

Quartiere dei Conciatori (Tanneurs)

Quartiere dei Conciatori (Tanneurs)A pochi passi dalla Vecchia Dogana si raggiunge il Quartier des Tanneurs, il Quartiere dei Conciatori, un bellissimo quartiere di pittoreschi canali e case a graticcio meravigliosamente restaurate risalenti al XVII e XVIII secolo. Il quartiere prende il nome dai conciatori che qui producevano le loro pelli e utilizzavano i piani superiori delle case per asciugarle. Tra le attrazioni degne di nota vi sono la Sala del Mercato e il Palazzo di Giustizia del XVIII secolo. Un' altra tappa da non perdere è l'Hôtel des Chevaliers de St-Jean (Casa dei Cavalieri di San Giovanni), costruita nello stile di un palazzo veneziano e costituisce una delle più insolite dimore rinascimentali dell'Alsazia.

Indirizzo: Rue des Tanneurs

Torna su

 

Quai de la Poissonnerie (Banchina dei Pescatori)

Quai de la Poissonnerie (Banchina dei Pescatori)Questo quartiere idilliaco di pittoreschi casali a graticcio si trova tra il Quartier des Tanneurs e il Quartier de la Krutenau. Come il Quartiere dei Conciatori anche questa zona storica di Colmar è un'altra testimonianza delle antiche professioni della città. Il Quartiere intorno al Quai de la Poissonnerie è il vecchio distretto di pescatori dove un tempo vivevano qui. All'epoca, i pescatori professionisti erano una potente corporazione a Colmar e avevano un'attività vivace. Il pescato veniva  immagazzinato in appositi stagni di pesce fino a quando non venivano venduti sul mercato.

Impossibile saltare una visita a questo coloratissimo quartiere che collega il quartiere dei conciatori con la pittoresca piccola Venezia. Il molo del pesce ha avuto una volta una grande influenza sulla vita a Colmar, perché è qui che la maggior parte dei pescatori viveva nel XVI secolo, dove si conservava e si vendeva il pesce. Nel 1706, un terribile incendio distrusse più di quaranta case. Importanti lavori di ristrutturazione hanno successivamente portato alla luce molte delle strutture a graticcio tipiche della regione. Oggi, il luogo è ideale per gite in barca sul fiume Lauch, insieme a case dalle facciate colorate e fiorite. Ogni anno, il Festival del Mercato Coperto attira un gran numero di visitatori e locali. E durante le celebrazioni di fine anno, è davvero un luogo magico.

Torna su

 

Chiesa di San Martino (Eglise Saint Martin)

Petit Venise - ColmarSulla Place de la Cathédrale nel centro storico di Colmar, la Chiesa Collegiata di San Martino è uno splendido esempio di architettura gotica. Costruita tra il XIII e il XIV secolo sui resti di una basilica più antica risalente al IX secolo, doveva avere due torri, ma per mancanza di risorse, ne fu costruita solo una. Questa torre fu distrutto durante un incendio nel 1572.  Tre anni dopo, è stata sostituita dall'originale lanterna bulbosa che conferisce all'edificio la sua caratteristica silhouette. I toni ocra e quasi dorati dell'arenaria di Rouffach gli conferiscono un'intensità luminosa molto particolare che va ammirata all'alba o al tramonto: la luce che gioca sulle sculture del portale di San Nicola è allora sontuosa. La chiesa ha un alto coro  gotico e altri bellissimi dettagli decorativi. La Porta San Nicola presenta un intricato disegno e il coro contiene splendide vetrate colorate del XV secolo e pregevoli lavori in legno intagliato. Gli abitanti di Colmar spesso si riferiscono a questa chiesa come a una cattedrale, ma tecnicamente fu effettivamente cattedrale solo per dieci anni dal 1790 al 1801. Tuttavia, lo stile architettonico riflette la grandezza di una cattedrale medievale. Secondo la leggenda, le cicogne che avevano preso dimora sul tetto della collegiata lasciarono la città durante l'occupazione tedesca e ritornarono solo nella primavera del 1945...

Indirizzo: Place de la Cathédrale

Torna su


Chiesa di San Matteo (Eglise Saint Matthieu)

Chiesa di San Matteo (Eglise Saint Matthieu)La Chiesa di San Matteo un tempo era la casa dei protestanti di Colmar. Simile alla Chiesa domenicana, l'edificio ha uno stile austero che è tipico degli ordini mendicanti dell'Alsazia. Fu costruito dai francescani a partire dal 1292 e completata oltre un secolo dopo. Quando il monastero francescano chiuse nel 1543, l'edificio fu trasformato in ospedale. Più recentemente, la chiesa è stata usata per il culto protestante.

Restaurata in più tappe dal 1982 al 1997, questo monumento ha tutte le caratteristiche dello stile gotico. La sua navata centrale è notevole per la sua semplicità e armonia, anche se squilibrata nelle dimensioni. La sua ammirevole vetrata del 1640 è la più antica della città. Da scoprire anche il soffitto ligneo decorato con vari motivi (sole, luna, fogliame) e il Mausoleo di General Rapp (un generale del periodo napoleonico). Costruito nel 1732, l'organo Silbermann testimonia l'incredibile qualità acustica di questo luogo, che ospita ogni anno numerosi concerti di musica classica, compresi quelli del Festival Internazionale di Musica di Colmar. Inoltre, la chiesa dispone di una biblioteca molto ricca di manoscritti e incunaboli.


Indirizzo: 9 Grand Rue

Torna su

 

Museo dei giocattoli e dei Trenini (Musée Animé du Jouet et des Petits Trains)

Museo dei giocattoli e dei Trenini (Musée Animé du Jouet et des Petits Trains)Il Museo dei giocattoli e dei trenini è un luogo da non perdere se avete dei bambini. La mostra possiede una collezione di bambole, macchine giocattolo, barche giocattolo e trenini di svariati modelli. Sono state ricreate tutte le icone pià conosciute in Francia per quanto riguarda l'infanzia: i racconti di Perrault e le favole di La Fontaine. Il museo "animato" ospita anche uno spettacolo di marionette computerizzato, "La volpe e la cicogna", in un'adorabile cornice alsaziana. La rete ferroviaria del museo lunga un chilometro incanterà i piccoli appassionati di treni.

Il Museo del Giocattolo di Colmar, inaugurato il 3 dicembre 1993, dedicato a bambini e ragazzi si sviluppa su tre livelli in un vecchio cinema. La gestione del museo è assicurata dall'associazione del Musée Animé du Jouet et des Petits Trains (MAJEPT). L'esposizione riguarda principalmente giocattoli del XIX e XX secolo, nella loro conservazione e nella valorizzazione della loro evoluzione nel tempo. Questo per una buona ragione: i giocattoli riflettono l'immagine del mondo in cui sono nati.

In questo modo, il Museo del Giocattolo sta diventando un vero e proprio museo etnologico, e organizza numerosi eventi, seminari e conferenze. Il piano terra ospita mostre temporanee e vetrine con automi, oggetti animati legati alla fiera. Al primo piano si trovano una collezione di bambole antiche provenienti da diversi paesi e i famosi nuotatori di Celluloide del marchio Petitcollin. Il secondo spazio presenta un mondo dei modellini di automobili, macchine Liebherr, motociclette, barche e piccoli soldati. Una vetrina è anche dedicata ai giochi da tavolo.

Gli appassionati di giochi di costruzione potranno ammirare le costruzioni Meccano. Per quanto riguarda il secondo piano, è dedicato al modellismo ferroviario con una rete di modellini di treni che stupisce per il realismo dei suoi paesaggi.


Indirizzo: 40 Rue Vauban, Colmar

Orari:

Da gennaio a novembre: dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 18.00 tranne il martedì, giorno di chiusura. Luglio, agosto e dicembre: tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00. Il Museo del giocattolo è aperto ogni martedì durante le vacanze scolastiche nelle tre aree francesi. Chiuso il 1° gennaio, 1° maggio, 1° novembre e 25 dicembre. Tariffe: 5 € (adulti), 4 € (bambini dagli 8 ai 15 anni). Gratuito per i bambini sotto gli 8 anni. Gruppo (15 persone paganti e oltre): 4 € (adulti) e 2 € (bambini dagli 8 ai 15 anni).

Torna su

Chapelle Saint Pierre

Chapelle Saint PierreVicino al Quartier de la Krutenau, oltre la Grand Rue, si trova la bella Chiesa barocca di Saint Pierre, costruita dai gesuiti a metà del XVIII secolo sul sito del monastero di Saint Pierre del X secolo. Il suo tranquillo giardino, dove magari potete fare una pausa dalla vostra visita alla città, ospita un monumento realizzato dallo scultore Bartholdi dedicato al fisico Colmar G. A. Hirn (1815-1890).

Indirizzo: Boulevard du Général Leclerc

Torna su

Antico Corpo di Guardia (Ancien Corps de Garde)

Ancien Corps de GardeCostruito sul sito della Cappella di Saint-Jacques risalente al 1286, l'ex Casa del Corpo di Guardia fu fondata nel 1575. L'edificio ha una finestra di oriele, dove venivano annunciate le decisioni del consiglio comunale. Un'altra caratteristica interessante è la loggia ornamentale, considerata un gioiello dell'architettura rinascimentale dell'Alto Reno. Nelle vicinanze si trova la trecentesca Maison Adolph, la più antica casa privata superstite della città.

Indirizzo: Place de la Cathédrale, Colmar

Torna su

Casa Pfister

Casa PfisterSe c'è un edificio emblematico di Colmar, è la Casa Pfister Passeggiando nella zona pedonale della città vecchia, è impossibile non fermarsi di fronte a questo gioiello architettonico costruito all'angolo tra rue des Marchands e rue Mercière, a due passi dalla Collegiata di Saint Martin. Costruita nel 1537 per conto del cappellaio Ludwig Schererer, che fece fortuna commerciando il minerale d'argento nella Val de Lièpvre, la "Maison Pfister" prende il nome dalla famiglia che la restaurò con lo scopo di occuparla (dal 1841 al 1892). È il primo esempio di architettura rinascimentale a Colmar con il suo bovindo d'angolo a due piani, la galleria lignea, la torretta ottagonale e le pitture murali di Christian Vacksterffer. Questi ultimi includono imperatori germanici, evangelisti e scene della Genesi. Oggi, la Maison Pfister è uno dei simboli principali della città vecchia di Colmar.

Indirizzo: 11, rue des Marchands
68000 Colmar

Torna su

Casa delle Teste

Casa delle TesteLa Casa delle Teste è un superbo edificio che si annovera tra i monumenti storici più famosi di Colmar. La "Maison des Têtes" si trova proprio di fronte al villaggio di Hansi e al suo museo dedicato al famoso disegnatore alsaziano Jean-Jacques Waltz. Costruito nel 1609 dall'architetto Albert Schmidt per conto del mercante Anton Burger, rappresenta perfettamente lo stile del Rinascimento tedesco. La cosa più sorprendente quando si guarda la sua facciata sono senza dubbio le 111 teste di biscotto e le maschere che la ornano, da qui il nome dato a questa residenza da carattere unico. L'edificio evoca l'epoca d'oro dei mercanti e la ricchezza della borghesia mercantile colmariana. Nel 1902, il timpano dell'edificio decorato con volute e pinne venne sormontato dalla statua di un bottaio, opera di Auguste Bartholdi. Una scelta tematica che non deve nulla al caso: all'inizio del secolo scorso, questo edificio di tre piani ospitava la Borsa del vino Colmar. Nel 2012, la Maison des Têtes è stata sottoposta a importanti lavori di restauro che l'hanno riportata al suo antico splendore. Attualmente, presta la sua particolarità come cornice do un albergo-ristorante di alto livello gestito.

Indirizzo: 19, rue des Têtes 68000 Colmar

Torna su

Museo Bartholdi

Museo BartholdiDal 1922, questo museo mette in evidenza la vita e l'opera di Auguste Bartholdi, uno dei più famosi scultori francesi  XIX secolo (durante la guerra franco-prussiana del 1870 fu anche aiutante di campo di Giuseppe Garibaldi), di antica ascendenza italiana. Situato nel cuore del centro storico di Colmar, nella splendida residenza dove l'artista è nato il 2 agosto 1834. Una nuova scenografia allestita da poco valorizza ci modelli originali dei capolavori di Bartholdi (in particolare il Leone di Belfort e la Statua della Libertà di New York), così come altre sculture, disegni, dipinti e fotografie firmati dall'artista stesso. I dipinti e gli acquerelli ispirati al viaggio che condusse Auguste Bartholdi in Egitto (1856) rivelano il suo lato viaggiatore amante della libertà. Potrete anche scoprire numerosi oggetti legati ai contemporanei di Bartholdi, grazie all'Associazione degli Amici del Museo di Bartholdi (SAMBA), che arricchisce regolarmente le collezioni del museo. Quest'ultimo permette anche di passeggiare in una splendida ricostruzione dell'appartamento dello scultore. Questa nuova scenografia è il tema principale di una magnifica mostra temporanea (fino al 31 dicembre 2018) che rivela Auguste Bartholdi in una luce molto intima attraverso vari oggetti e opere provenienti dalle riserve del museo. Al di là dell'artista, scopriamo un uomo affascinante che ha dovuto affrontare molte tragedie (follia del fratello, possessività della madre, amori contrastati, azioni legali che intaccarono la sua reputazione...).

Indirizzo: 30, rue des Marchands Colmar

Torna su

 

Mercato Coperto

Mercato CopertoDal 2010, gli abitanti di Colmar che amano le cose buone hanno avuto la possibilità di fare acquisti negli stand del Mercato Coperto senza preoccuparsi dei capricci del tempo. Da martedì a sabato, una ventina di negozianti accolgono locali e visitatori della città alla ricerca di pane fresco, carne e pesce di prima qualità e frutta e verdura dai colori vivaci sulle loro bancarelle. Macelleria, panetteria, pasticceria, caseificio, pescheria, fioraio etc.

Inaugurato nel 1865, questo mercato è opera dell'architetto Louis-Michel Boltz, autore anche del teatro comunale di Colmar. Realizzato in mattoni, ferro e ghisa, questo edificio è il simbolo del passaggio di Colmar nell'era industriale. L'architettura del Secondo Impero (quello di Napoleone III) è caratterizzata da un'imponente struttura in acciaio sorretta da imponenti colonne. All'interno si teneva un mercato che spiega la sua posizione sul fiume Lauch, facilitando all'epoca lo scarico di frutta e verdura da parte degli orticoltori dalle loro imbarcazioni. Ristrutturato nel 2010, l'edificio ospita quindi un mercato permanente integrato, ogni giovedì, da stand all'aperto. Prima di partire alla scoperta della Piccola Venezia, non dimenticate di dare un'occhiata all'angolo sud-ovest dell'edificio, vedrete una fontana scolpita da Bartholdi nel 1869, che rappresenta un giovane viticoltore che beve da una botte.

Indirizzo: 13, rue des Écoles Colmar

Orari:

Aperto martedì e mercoledì dalle 8.00 alle 18.00; giovedì dalle 7.00 alle 18.00; venerdì dalle 8.00 alle 19.00; sabato dalle 8.00 alle 17.00; domenica dalle 10.00 alle 14.00.

Torna su

Villaggio Hansi e il suo museo

Villaggio Hansi e il suo museoIl famoso fumettista e acquerellista alsaziano, Jean-Jacques Waltz, alias Hansi o zio Hansi, ha finalmente il suo museo nella sua città natale di Colmar. Inaugurato alla fine di novembre 2015, si trova proprio di fronte alla Maison des Têtes e si presenta in modo molto originale nella forma di un villaggio con vicoli lastricati, piazza principale e portico a volta. Il museo stesso si trova al primo piano e vi si accede da un'ampia scala in legno. Durante un viaggio ludico, scopriamo molte opere originali e uniche: disegni d'infanzia, acquerelli, Art Nouveau, manifesti pubblicitari, piatti alsaziani e prodotti dell'epoca. Dopo la visita, tornate al piano terra per fare acquisti nella boutique del museo, ricca di prodotti regionali: pan di zenzero, cioccolatini, vini pregiati, conserve artigianali e foie gras, biancheria per la casa, stoviglie e oggetti decorativi, per non parlare di una selezione molto interessante di libri su Hansi e l'Alsazia.

Indirizzo: 28, rue des Têtes Colmar

Orari:

Aperto tutto l'anno (eccetto il 25 dicembre e il 1° gennaio) il lunedì dalle 12.00 alle 18.00, dal martedì al sabato dalle 10.00 alle 18.00 e la domenica dalle 12.00 alle 18.00. Prezzo intero (a partire da 14 anni): 5 €. Prezzo ridotto (bambini dai 5 ai 13 anni e gruppi di almeno 15 persone): 3 €. Gratuito per i bambini sotto i 5 anni.

Torna su

La Statua della Libertà

La Statua della LibertàQuando si arriva a Colmar dall'ingresso nord, è impossibile rimanere impassibili di fronte alla visione della Statua della Libertà eretta su un viale erboso. È la copia esatta della statua originale, realizzata da Auguste Bartholdi nel 1886, che veglia sull'ingresso del porto di New York. Questa replica è la più alta del mondo fino ad oggi: la sua torcia raggiunge un'altezza di 12 metri. È stato inaugurato il 4 luglio 2004 (American National Day) in occasione del centenario della nascita dello scultore di Colmar. Per la sua realizzazione, i suoi committenti principali Guillaume Roche, Pascal Bigel, Philippe Le Merrer e Jean-Christophe Mironneau hanno collaborato con il Museo Bartholdi, che è il deposito dei modelli originali de "La Liberté éclairant le monde".

Questa "Miss Liberty" in versione alsaziana pesa bene le sue 8 tonnellate di resina e di argilla da modellazione tinta dello stesso grigio verdastro patinato della versione originale. Nasconde una struttura metallica di tipo Eiffel sotto il suo maestoso abito, che ha esattamente mille pieghe. Un punto culminante dello spettacolo, la sua illuminazione notturna accuratamente realizzata. Non ha nulla da invidiare a quella della sua grande sorella newyorkese.

Indirizzo: Route de Strasbourg Colmar

Torna su

La strada del vino d'Alsazia

La strada del vino d'AlsaziaLa Strada del Vino d'Alsazia (Route des vins d'Alsace) è una delle più antiche strade del vino in Francia. Ai piedi del versante orientale dei monti Vosgi, si estende da Thann, la porta meridionale del "vigneto", fino a Marlenheim nel nord della regione, per oltre 170 km. Conosciuta in tutto il mondo, contribuisce alla fama internazionale dei vini alsaziani. Questa zona beneficia di un territorio e di un clima eccezionali e si estende su 67 comuni e villaggi di fiori sulle colline che dominano la pianura alsaziana. Città come Colmar, Kayserbegr o Riquewihr meritano una visita. Ma ci sono anche alcuni bei paesini meno conosciuti ma con magnifici scorci, come Niedermorschwihr, incastonato dietro la collina del Brand, o Châtenois e i suoi bastioni.

I visitatori possono avventurarsi nel cuore della zona grazie a diversi sentieri del vino, ma attenzione: durante la vendemmia, l'accesso a questi sentieri è regolamentato. Durante tutto l'anno vengono organizzate numerose manifestazioni gastronomiche, culturali, artigianali e viticole nelle varie località della Strada del Vino d'Alzazoa, come lo SlowUp o la passeggiata gastronomica di Scherwiller.

I ciclisti possono scoprire questo percorso attraverso il percorso parallelo della Véloroute du Vignoble, che comprende vecchie linee ferroviarie, tratti della vecchia strada romana e numerosi sentieri tra i vigneti. Con le sue 300 aziende vinicole e una cinquantina di grandi vini, la Strada del vino alsaziana rimane la più attraente in Francia!

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazioni interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ce ne offri due), così ci aiuterai a scrivere la prossima guida:  Paypal

Torna su

Ostelli Colmar   Ostelli Francia   Hotel Colmar

Carte Colmar  Karte von Colmar    Mapa Colmar    Map of  Colmar

Carte de France  Karte von Frankreich      Mapa Francia     Map of France

Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal