Herman Melville

Herman Menville, conosciuto per il suo grande capolavoro, Moby Dick, fu poco considerato da vivo, e solo nel 30 anni dopo la sua morte venne rivaluto come uno dei più grandi autori americani, e non solo, di tutti i tempi.

Sei qui: Biografie >

Herman Melville, morì quasi dimenticato, sebbene una volta fosse stato un autore popolare e avesse lasciato dieci notevoli libri di narrativa in prosa e quattro in versi. In seguito ha raccolto una fama crescente, specialmente per il suo romanzo metafisico sulla caccia alle balene, Moby Dick. Come molti dei suoi scritti, Moby Dick ha origine nelle sue esperienze di marinaio e nelle complesse reazioni della sua mente vivace a questioni spirituali senza età e alla società industriale del suo tempo che stava cambiando per sempre la vita degli esseri umani.

Moby Dick, uno dei pochi libri americani riconosciuti come un classico mondiale, ha messo in ombra il notevole successo delle altre sue opere, che sono diverse e sperimentali e, anche se a volte imperfette, spesso mostrano un notevole controllo. I suoi racconti di avventura nei mari del sud sono piccoli capolavori del genere. I suoi racconti brevi, Bartleby lo scrivano: una storia di Wall Street e Benito Cereno, sono critiche attentamente elaborate e profondamente sensibili della sua epoca che emergono come favole applicabili ad un giorno successivo. Il suo schizzo in coppia, Il paradiso degli scapoli e il tartaro delle fanciulle, combina l'astuta critica sociale e l'intuizione psicologica. Scrisse forse una dozzina di poesie di distinzione, la maggior parte delle quali brevi e frutto dei suoi viaggi o delle sue riflessioni sugli eventi della guerra civile. Molti sostengono che la sua ultima opera, L'uomo di fiducia, sia il primo romanzo americano moderno.

Sono tante le cose che appaiono negli scritti di Melville, lo studio della sua vita ha un interesse più che ordinario. I suoi primi e cospicui romanzi autobiografici come Omoo sono preceduti dall'affermazione che "ha semplicemente descritto ciò che ha visto". Ma sempre di più, i suoi libri diventavano narrazioni interne, i viaggi di un viaggiatore mentale.

"Alcuni anni fa - non importa da quanto tempo precisamente - avendo poco o niente denaro nella mia borsa, e niente di particolare che mi interessasse a terra, ho pensato di navigare un po' e vedere la parte acquatica del mondo." Come il capitano Achab, Melville non ottenne mai la conferma che cercava durante la sua vita. Ma, come Achab, andò a fondo provandoci, e la sua eredità continua a vivere.

Biografia

"È morto e sepolto in questa città, durante la settimana in corso, in età avanzata, un uomo che è così poco conosciuto, anche per nome, dalla generazione ora nel vigore della vita che solo un giornale conteneva un resoconto del suo necrologio, e questo non era che di tre o quattro righe", scrisse il New York Times una settimana dopo la morte di Herman Melville il 28 settembre 1891. "Eppure quarant'anni fa l'apparizione di un nuovo libro di Herman Melville era considerato un evento letterario, non solo nel suo paese, ma per tutta la razza di lingua inglese. . . . è morto come un uomo assolutamente dimenticato".

 

Nato nel 1819 come figlio di un importatore di generi alimentari a New York, USA. Un ricco ragazzo Harman, all'età di 11 anni, l'economia della sua famiglia ha subito una flessione e si è trasferito dalla grande città di New York a casa dei genitori di sua madre. All'età di 13 anni, mio ​​padre morì lasciando un debito. Di notte scapperò più volte. Melville, che abbandonò gli studi per mancanza di denaro, divenne marinaio nel 1839 dopo aver cambiato lavoro come personale di banca e insegnanti di scuola elementare.

È qui che inizia l'era del marinaio, che ha avuto una grande influenza sul suo stile. Sono passati due anni da quando sono diventato un membro dell'equipaggio di una nave baleniera e ho inseguito le balene nell'Oceano Pacifico. Esausto per la dura vita a bordo, Melville fugge dalla baleniera. Essendo coinvolto in rivolte e convivendo con le popolazioni indigene, la vita turbolenta di un marinaio è durata quattro anni.

I diritti umani dei marinai e la disciplina a bordo sono perseguiti a fondo anche nella sua ultima opera, "Billy Bad". Alla fine, è stato salvato da un altro baleniere americano, assunto da una nave da guerra della Marina degli Stati Uniti come marinaio, ed è tornato nella sua città natale di Lansingburgh dopo molti colpi di scena. Melville ha un'immagine forte del mare e delle navi, ma sei in mare solo da quattro anni.

Infanzia

Herman Melville nacque il 1° agosto 1819 a New York City, terzo degli otto figli di Allan e Maria Gansevoort Melvill. (Maria aggiunse la "e" al cognome della famiglia dopo la morte di Allan).  Il padre era un importatore di generi alimentari a New York. Herman nacque in un clan importante i cui antenati avevano partecipato a quasi tutti i principali eventi della storia americana, dal Boston Tea Party alla guerra rivoluzionaria. Sua madre proveniva da una linea di coloni olandesi che arrivarono negli Stati Uniti nel 1600 e si stabilirono a New York (oggi c'è una città chiamata Gansevoort nello stato di New York). I parenti di suo padre erano ricchi commercianti di Boston. La famiglia di Herman si stabilì a New York City, dove Allan Melvill possedeva un'attività di importazione. Come dice uno storico, "il mondo del giovane Herman era fatto di servitù e scuole di ballo". Herman era un ricco ragazzo, ma all'età di 11 anni, quando la sua famiglia fu costretta a trasferirsi a New York, nella casa dei genitori di sua madre, la situazione economica della sua famiglia era notevolmente peggiorata.

Marinaio e scrittore

Nel 1841 Melville si imbarcava a New Bedford come marinaio a bordo di una baleniera, e lasciava le coste del New England per il favoloso Pacifico: partiva da quello che era allora un grande centro della marina a vela, maggior centro per le baleniere ed appare oggi poco più di un cimitero navale, dove impallidiscono i ricordi degli ultimi romanzi della navigazione e del mare. Tre anni dopo il veliero rientrava a New Bedford con la stiva carica di ossi e oli di balena. Ma nella ciurma mancava il giovane Melville che dopo pochi mesi di servizio a bordo aveva disertato con un giovane compagno, Toby Green, nelle isole Marchesi. Qui rimase quattro mesi, felice di trovare un ideale rifugio al mirabile monstrum della civiltà moderna nella vallata paradisiaca di Typee. Ma Toby non tardò ad abbandonarlo al suo destino deluso della scomodità dello stato di natura. Melville parve completamente conquistato agli incanti voluttuari di quella vita.

Ma ad un tratto venne colto dal desiderio di tornare da quell'esilio lontanissimo, e cercò il momento opportuno per fuggire e ci riuscì salendo a bordo di una baleniera australiana, dalla quale disertò nuovamente a Tahiti in compagnia del medico Long Ghost. Altre avventure e altre fughe. Ancora una volta temette di soccombere all'inerzia primordiale e, arruolatosi in una nave da guerra americana, tornò come un figliol prodigo in seno alla civiltà. Le vicende e le esperienze vissute negli arcipelaghi austriali e nell'aperto pacifico dovettero poi essere rappresentate nelle successiva parte della vita di Melville, la carriera letteraria.

Durante la sua assenza di quattro anni, la sua famiglia si era ripresa economicamente e la sua vita si stabilizzò. In questo momento in cui poteva permetterselo, Melville incontrò sua moglie Elizabeth e si sposò, la coppia ebbe quattro figli. Al ritorno a New York, l'allora venticinquenne si rese conto che la gente era molto interessata alle sue storie sulla vita in mare. Decise di scriverle e il risultato fu il suo primo romanzo Taipi, (Typee: A Peep at Polynesian Life). Il romanzo autobiografico apparve nel 1846, dopo che Melville era stato rifiutato da un editore. Questo editore pensava che le storie che descriveva nel libro (la maggior parte delle quali erano basate sulla sua stessa vita) erano troppo eccitanti per essere realmente accadute. Il libro fu un grande successo. Nel 1847, Melville pubblicò Omoo, anch'esso un romanzo sulla vita in mare e tra i polinesiani.

Strani problemi si presentano oggi ai critici nell'analisi delle opere di questo scrittore, la cui arte fu tutt'uno con la sua biografia : ricchissima di avventure nella prima gioventù; povera, tetra, aridissima per il testo dell'esistenza spesa oscuramente al tavolo di uno squallido ufficio di doganale. Molti si domandano perchè Melville fuggi il paradiso naturale non appena credette di averlo ritrovato. L'utopia tropicale gli parve solo temporanea, inabitabile, e forse poco consona all'idea che doveva avere di realizzazione di se.

Era la vittima di incubi e ossessioni personali che gli facevano sfuggire il mondo nell'atto stesso di desiderarlo; il mondo della fantasia e il mondo della realtà, il mondo della natura e il mondo degli uomini. Era il tipico vagabondo americano. Rientrato in seno alla civiltà, visse come un eremita, covando nella solitudine il demone interno di implacabili nostalgie del passato e paurose l'illusioni dell'avvenire. Fallita la sua utopia romantica, egli consacrò tutta la sua arte ad aggiornare l'idea antica del diavolo al nuovo tempo di miracoli scientifici e industriali.
 

La grande balena bianca

Nel 1850, incontrò Melville incontrò Nathaniel Hawthorne, che in seguito divenne molto acclamato per "La lettera Scarlatta", che divenne un suo caro amico. Il 14 novembre 1851, Moby Dick fu pubblicato negli Stati Uniti. La storia dell'odio fatale e monomaniacale del capitano Achab verso la gigantesca balena bianca che gli aveva mangiato la gamba era sorprendente. Il libro era una combinazione simultanea di una storia d'avventura, un resoconto dettagliato sull'industria baleniera, un racconto ammonitore e una metafora sul cui significato gli studiosi discutono ancora oggi. I critici letterari erano quasi tutti entusiasti. "Di tutti i libri straordinari della penna di Herman Melville, questo è senza dubbio il più straordinario", scrisse un critico britannico. "Pochi libri che si professano di metafisica, o che rivendicano la paternità delle muse, contengono tanta vera filosofia e tanta genuina poesia quanto il racconto della spedizione baleniera del Pequod".

Sembra che Herman Melville abbia avuto l'idea di scrivere un romanzo su una folle caccia a una temibile balena durante un viaggio nell'oceano, ma scrisse la maggior parte di "Moby Dick" sulla terraferma, in una valle, in una fattoria, che chiamò la fattoria Arrowhead, dal nome delle reliquie che aveva dissotterrato con il suo aratro, e scrisse in una stanza al secondo piano che guardava le montagne in lontananza e, più vicino, i campi di zucche e mais, colture che aveva seminato per nutrire i suoi animali, "i miei amici cavallo e mucca". Nella stalla, gli piaceva guardarli mangiare, specialmente la mucca; amava il modo in cui muoveva le mascelle. "Lo fa così dolcemente e con una tale santità", scriveva, l'anno in cui teneva sulla sua scrivania una copia della "Storia naturale del capodoglio" di Thomas Beale. Sulla porta della stanza dove scriveva aveva installato una serratura. Vicino al focolare, teneva un arpione che usava come attizzatoio.

Scrittore solitario

Melville prese a frequentare il circuito delle conferenze, che, per scrittori come Ralph Waldo Emerson, era una pratica redditizia. Melville, però, non fu mai in grado di avere un vero successo in questo campo. Quelli che avevano un minimo di interesse per lui venivano a sentir parlare di Taipi e Omoo, non dei suoi libri successivi. Melville tenne conferenze per tre anni prima di lasciare il circuito. Nel 1863, fu costretto a vendere Arrowhead, la sua casa (oggi museo storico) a Pittsfield, nel Massachusetts, a suo fratello, e riportò la sua famiglia a New York City. Nel 1866, prese un lavoro come ispettore doganale presso la l'ufficio doganale di New York, un lavoro d'ufficio dove veniva pagato solo 4 dollari al giorno. Lavorò lì per i successivi venti anni.

Melville era non solo contemporaneo, ma anche amico e vicinissimo di Nathaniel Hawthorne. Allora l'autore della Lettera scarlatta ricercava le origini del male nei labirinti della subcoscienza e della ereditarietà. La demonologia del dualismo interno della personalità umana ripeteva, in chiave che oggi si direbbe psicoanalitica, la concezione calvinistica del dualismo fatale dell'universo. Gli ultimi puritani cacciavano Dio dal mondo e non facevano vivere più nessuna pietà fra il regno artificiale della grazia e il deserto senza limiti del peccato. Herman Melville era in costanti rapporti e contatti con il suo fratello spirituale, ma poneva il problema del male in termini di civiltà moderna e di progresso materiale, scoprendovi i segni di una nuova cospirazione di forze diaboliche nell'universo.

Fu un vero genio incompreso, o soltanto un ammutinato contro il destino è difficile rispondere a questo problema. Tuttavia chi vede in lui soltanto un eccentrico e un fuggitivo non può negargli il merito di essere stato il primo scopritore letterario degli antipodi nel cui libero spazio portò, a differenza dei successori europei e della civiltà, una sensibilità da vero figlio del nuovo mondo, e cioè satura di sogni e vergine di esperienze culturali. La sua stessa vicenda di fughe e di ritorni, di rimpianti e di rimorsi ricorda uno dei momenti più drammatici della biografia dello spirito coloniale nel secolo delle grandi migrazioni e delle ultime scoperte.


Anche se non poteva più scrivere a tempo pieno, Melville non mise mai definitivamente via la penna. Rivolse invece i suoi interessi alla poesia. Era stato profondamente colpito dalla guerra civile, specialmente da una visita del 1864 al fronte con suo fratello. Nel 1866, pubblicò un libro di versi intitolato Pezzi di Battaglia (Battle-Pieces and Aspects of the War). Stava anche lavorando a un poema epico intitolato Clarel, un progetto che sua moglie definì un "incubo terribile".

Oltre al suo fallimento professionale, la vita personale di Melville fu scossa dalla tragedia. Nel 1867, il suo figlio maggiore Malcolm si uccise in quella che fu una sparatoria accidentale o un suicidio intenzionale. Nel 1886, l'anno in cui Melville si ritirò dalla dogana, l'altro figlio Stanwix morì di tubercolosi. Eppure, nonostante queste sfide, e il fatto che la sua carriera sembrava aver toccato il fondo, Melville non era un uomo tormentato. Quando non lavorava, passava la maggior parte del suo tempo a casa, giocando con i suoi nipoti e lavorando a progetti di scrittura che non aveva intenzione di pubblicare. Leggeva voracemente. Gli amici gli facevano visita a volte.

Morte

Nel 1890, un anno prima della morte di Melville, un giornalista, Edward Bok, scrisse sullo scrittore un tempo famoso: "Se uno scegliesse di camminare lungo la Diciottesima Strada Est, New York City, una mattina qualsiasi verso le 9, vedrebbe il famoso scrittore di storie di mare - storie che non sono mai state eguagliate...Quarantaquattro anni fa, quando apparve il suo racconto più famoso, Tipe non c'era un autore più conosciuto di lui... Gli editori lo cercavano e si consideravano fortunati ad assicurarsi il suo nome come stella letteraria. E oggi? L'affollata New York non ha nemmeno idea che sia vivo, e uno dei letterati più informati di questo paese ha riso recentemente della mia dichiarazione che Herman Melville era il suo vicino di soli due isolati. 'Sciocchezze', ha detto. 'Perché, Melville è morto da molti anni!'".

Melville venne dimenticato, solo per essere riscoperto intorno al centenario della sua nascita, nel 1919. Da allora, la sua fama non ha conosciuto limiti, la sua reputazione è sempre cresciuta, la sua vita è stata scandagliata e studiata. Le sue carte sono state pubblicate, gli appunti che aveva preso nei suoi libri sono stati digitalizzati, è stato compilato un diario di tutti i suoi giorni, ogni movimento è stato tracciato, ogni parola è stata analizzata, ogni pagina con le orecchie di cane è stata scannerizzata e caricata, come tanto fieno gettato in un solaio. Melville non voleva che le sue carte fossero conservate. "È una mia vile abitudine quella di distruggere quasi tutte le mie lettere", confessò una volta. Bruciò i suoi manoscritti. Rifuggiva dai fotografi.

Curiosità
Herman Melville soffriva di un serio blocco dello scrittore prima del celebre Moby Dick finché non lesse la raccolta di racconti di Nathaniel Hawthorne Muschi da una vecchia canonica. Fu ispirato e alla fine dedicò il romanzo finito al suo amico.

Ogni anno il New Bedford Whaling Museum nel Massachusetts organizza una maratona di lettura non-stop di Moby Dick. Ci vogliono circa 25 ore per 150 lettori per leggere il libro ad alta voce.

Melville poteva essere un po'... egocentrico. Un Natale regalò ai suoi figli dei libri che voleva davvero per avere una scusa per comprarli, e una volta svegliò la sua giovane figlia alle 2 del mattino per farle correggere la sua poesia.

Povero George John Whyte-Melville. Le opere del romanziere inglese sono state spesso attribuite erroneamente a Herman Melville, che visse più o meno nello stesso periodo. Per la cronaca, i romanzi Katerfelto e Satanella appartengono a George.

I fondatori di Starbucks Coffee volevano originariamente chiamare la loro attività con il nome della nave baleniera di Moby Dick, finché uno dei soci fece giustamente notare che la gente potrebbe non essere interessata a bere una tazza di "Pee-quod". Si stabilirono su Starbucks, come il primo compagno del capitano Achab.

Nel 1848, a Melville fu chiesto di recensire un nuovo libro intitolato The Romance of Yachting di Joseph C. Hart. Melville odiava il libro e non riuscì a trattenersi nella recensione. "Lei è stato orribilmente imposto, mio caro signore. Il libro non è un libro, ma un fascio compatto di carta da imballaggio. E per quanto riguarda il signor Hart, penna e inchiostro dovrebbero essere immediatamente tolti a quell'uomo sfortunato, in base allo stesso principio per cui si ritirano le pistole al saggio deciso a suicidarsi", scrisse Melville. "Quale grande peccato nazionale abbiamo commesso per meritare questa inflizione? ... Seriamente ancora, e sulla mia coscienza, il libro è un aborto, il mero tronco di un libro, senza testa braccio o gamba.
 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazione interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ci offri una pizza :) ), così ci aiuterai ad andare avanti per quanto possiamo e a scrivere e offrire la prossima guida gratuitamente.:  Paypal

 

 

Torna su

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal

Offerte del giorno Amazon