TERMINI: LA LEGA ANSEATICA

LA LEGA ANSEATICA

Tra i grandi miti del mare, tra le grandi potenze che devono tra l'altro le proprie fortune alla propria capacità di navigare e di sfruttare a dovere le risorse che offriva il mare e la sua navigazione, un ruolo di primissimo piano è quello rappresentato dalle città della cosiddetta Lega Anseatica, la cui capitale è stata a lungo la tedesca Lubecca, città peraltro bellissima e dichiarata non a caso Patrimonio Universale dell'Unesco.

Le altre città che si strinsero ad essa realizzando una totale integrazione dei commerci tra le regioni del Nord Europa, fino al Mare del Nord e al Baltico, nonché fino ai Paesi Bassi e alle Fiandre sono le non meno note Amburgo, Brema, Rostock, Stettino, Danzica, Cracovia e Riga. La loro azione commerciale si mosse principalmente sul mare e lungo due direttrici: quella che lungo i mari del nord avrebbe condotto fino a Novgorod, le norvegese Oslo e Bergen e la teutonica Augusta. Quella che invece - anche attraverso le acque interne - conduceva beni, mercanti e merci fin nel cuore dell'Europa ed a sud-est, a Costantinopoli e al vecchio Impero d'Oriente commerciando in cereali, pesce essiccato, vino e pellicce ed approfittando infine di quell'autonomia politico-istituzionale garantita a tutti i grandi centri commerciali sorti lungo le foci di Elba, Oder, Weser e Vistola.

 


Emblematica a questo proposito la storia di Amburgo che era nata lungo un affluente dell'Elba, l'Alster, forse fin dal VIII secolo. Sulla sua sponda ("ham" in sassone antico) sorse il primo insediamento. Verso il 950 fu qui edificato Hammaburg. Nel XII secolo l'Elba assunse maggiore importanza. Il commercio nell'area nordeuropea si sviluppò rapidamente. Nel 1189 Amburgo ricevette dall'imperatore Barbarossa il privilegio di esigere dazio sull'Elba e divenne allora Libera Città Imperiale fino a diventare il più importante porto della Lega sul mare del Nord e servì come luogo di trasbordo di cereali, stoffa, pellicce, aringhe, spezie, legno e metalli. Amburgo come tale diventò famosa grazie al suo più importante articolo di esportazione: la birra. Dopo la scoperta dell'America e della via marittima verso l'Asia, Amburgo divenne a partire dal 1550 uno dei più importanti porti di importazione d'Europa.

Torna su