ELIMINAZIONE E REINTRODUZIONE DEGLI ALIMENTI   

Advertisement

Informagiovani Italia

 

  L'educazione in Italia

  L'educazione in Europa

 Lavorare in Italia

  Lavorare in Europa

Mestieri e Professioni

  Mettersi in Proprio

  Idee imprenditoriali

Comuni Italiani

Articoli  Informagiovani

 Mettere su casa

Viaggiare in Europa

  Viaggiare in Italia

Ostelli in Italia

Ostelli in Europa

  Inter Rail

Energia Pulita

 Giovani arte e cultura

 Codice della strada

Informa Bambini

 Pronto soccorso bambini

  No al bullismo

 

 

 

sei qui: Giovani e salute > Intolleranze alimentari > Eliminazione e reintroduzione degli alimenti

 

Intolleranze: eliminazione e reintroduzione degli alimenti

 

Cosa sono le intolleranze alimentari

Intolleranze alimentari

Cosa sono le intolleranze alimentari

Differenza tra allergia e intolleranza

Come identificare una intolleranza alimentare

Perché si diventa intolleranti

  Intolleranze: eliminazione e reintroduzione degli alimenti

Guarire l’intolleranza alimentare

Celiachia

Il recupero della tolleranza è possibile attraverso inizialmente l'eliminazione degli alimenti colpevoli e poi la loro graduale reintroduzione a rotazione.

Il risultato finale dovrà essere quello di ritornare a mangiare di tutto senza subire effetti negativi.

Una volta sviluppata una intolleranza si dovrà agire all'inizio concedendo all'organismo il tempo di riposarsi e recuperare forza dopo l'aggressione subita. Si tratterà di dare tempo al corpo per smaltire il sovraccarico, evitando di oberarlo di lavoro: il cibo o i cibi colpevoli dovranno essere eliminati. Dopo un tempo relativamente breve dovranno però essere progressivamente reintrodotti.

L'eliminazione definitiva o per lungo tempo dell'alimento, in passato praticata, non fa altro che sviluppare un’intolleranza ancora maggiore.

 

La guarigione è sempre un percorso individuale che richiede l'ascolto del proprio corpo delle proprie reazioni ed è opportuno che sia guidata da un medico.
È necessario capire quali sono gli alimenti da evitare almeno temporaneamente e quali possono essere i loro possibili sostituti.

 


 

Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal