Basilica della Madonna dell'Umiltà - Pistoia

Advertisement

 

Sei qui: Pistoia > Cosa vedere a Pistoia >

Basilica della Madonna dell'Umiltà - Pistoia

 

Riconoscibile per la grande cupola cinquecentesca della Basilica della Madonna dell'Umiltà, realizzata da Giorgio Vasari a Pistoia, è oggi insieme alla cattedrale il simbolo religioso ed architettonico più identificativo della città. La struttura viene documentata nel XIII secolo, ma la sua origine è probabilmente ben più antica di diversi secoli; al suo posto un tempo si trovata l'antica chiesetta di Santa Maria Forisportae, allora fuori dalla mura di Pistoia e vicina alla Porta Vecchia.

Advertisement

 

Cambierà il nome nel 1515, con bolla papale e in riferimento all'evento miracoloso del 1490; le verrà dato il nome Basilica della Madonna dell'Umiltà interni  - Pistoiadi Madonna dell'Umiltà, icona comune nel XIV secolo, Vergine rappresentata seduta a terra su di un cuscino mentre allatta il Bambino, anziché in trono. La basilica è ancora oggi un chiaro richiamo per i cattolici, essendo anche Santuario mariano oggetto di pellegrinaggio. L'evento miracoloso che la tradizione popolare racconta è quello del luglio del 1490, avvenuto durante il periodo di scontri tra le due famiglie pistoiesi dei Panciatichi e dei Cancellieri. Le notizie storiche dell'epoca riportano "L'anno del Signore 1490 alli 17 di luglio in giorno sabato, fu veduta questa immagine spargere sudore, o vero liquore della sua Santa Testa alla similitudine d'acqua viva d'un limpido fonte, e dall'una, e l'altra parte della fronte, che miracolosamente irrigavano le sue vestimenta. Per questa novità era frequentata la detta chiesa con molta devozione da alcuni: i quali veduto il Miracolo cominciarono a suonare le campane".

 

Basilica della Madonna dell'Umiltà interni  - PistoiaIl centro di devozione dei fedeli è in particolare il cosiddetto 'tesoro della Madonna', che comprende diversi oggetti d'arte sacra, tra cui il ciborio d'argento dell'orafo Giovan Battista Mariani, diversi arazzi, tovaglie in merletto e un gradino in argento donato da Camillo Rospigliosi per celebrare la vittoria dei pistoiesi sulle truppe barberine durante l'assalto alla città. L'affresco oggetto di venerazione è custodito sin dal 1579 " anno della sua traslazione " in un angolo con colonne corinzie e un frontone curvilineo. La basilica in effetti è un complesso architettonico molto apprezzato ed è internamente ricca di opere, tra cui quelle di Giorgio Vasari, noto pittore, architetto e storico rinascimentale (a lui si devono molte delle informazioni che oggi conosciamo sulla Firenze rinascimentale e sulla 'vita' di artisti 'da Cimabue e insino ai tempi nostri' come intitolava il suo trattato del 1550), a lui nel 1563 venne affidata da Cosimo I de' Medici la costruzione della cupola, che oggi distingue l'orizzonte urbano della città, e che si dovete completare dopo che la precedente opera di Ventura Vitoni rimase incompiuta. L'interno della chiesa, a struttura ottagonale, è adornato da sei altari che girano attorno al presbiterio opera di Jacopo Lafri. Rosoni decorano il vestibolo rivestendo di luce l'interno. Nel complesso, sono numerosi gli artisti che hanno contributo alla realizzazione della basilica, oltre al Vasari e a quelli sopra menzionati si ricordano anche Giuliano da Sangallo (uno tra i più stimati architetti della corte medicea), suo fratello Antonio da Sangallo, Francesco di Giovanni, Antonio Pollaiolo, Nanni Unghero, Andrea di Matteo, Bartolomeo Ammannati, Pietro Tacca.

 

Basilica della Madonna dell'Umiltà

via della Madonna

Pistoia

Tel: +39 0573 22045

 

Dove si trova?

Advertisement

 

Torna su

 

 

 

Ostelli Pistoia   Ostelli Italia   Auberges de Jeunesse Italie

Carte de Pistoia     Karte von Pistoia    Mapa Pistoia Map of Pistoia

 Carte de la Toscane     Karte von Toskana     Mapa Toscana     Map of Tuscany

Carte d'Italie  Karte von Italien  Mapa Italia   Map of Italy

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal