Zoo di Pistoia

Ann.

Sei qui: Cosa vedere a Pistoia >

Zoo di Pistoia

 

Lo zoo di Pistoia, in Toscana, è uno dei più importanti parchi zoologici in Italia. Ci siamo stati un paio di volte ed è sempre una piacevole sorpresa notare il suo continuo miglioramento che aumenta al contempo la qualità della visita con lo spazio per gli animali presenti. Ospita tantissime specie note e meno note, tra i quali tigri, leoni, elefanti, giraffe, elefanti, ippopotami, zebre, cammelli, pinguini, otarie, lemuri,  canguri, tartarughe gitanti, rettili, orsi, lupi... un luogo ideale per le famiglie, propone un parco giochi interno e un laboratorio della biodiversità per adulti e bambini. Non mancano ovviamente l'area per il pic-nic, il bar e il ristorante.

Zoo di PistoiaOgni animale viene descritto da una interessante scheda, dove oltre alle sue principali caratteristiche (come vive, cosa mangia, quanto vive, quanto dura la gestazione dei cuccioli, chi sono i suoi predatori), viene mostrata una mappa dei luoghi dove vive e sono inserite curiosità stimolanti. Per esempio, sapevate che il leone dorme 20 ore al giorno? (!). Nel fine settimana ci sono spesso iniziative gratuite per conoscere gli animali e le loro abitudini, come gli "incontri bestiali" e il "laboratorio mobile" per far conoscenza diretta con gli animali seguiti da guide specializzate che lavorano presso lo zoo.

Zoo di PistoiaGrazie alla particolare attenzione dedicata in questi ultimi anni alle attività di educazione naturalistica ed ambientale, i 7 ettari di terreno e i circa 500 animali ospitati sono gestiti ponendo attenzione, oltre che al benessere degli animali, allo studio della loro biologia. Molti habitat, un tempo angusti sono stati trasformati, anche se restano alcune zone del vecchio zoo non ancora modificate dove gli animali stanno molto "stretti". Soffrono la zebra, le giraffe e gli ippopotami rinchiusi in recinti troppo piccoli per le loro dimensioni, con pavimento in cemento, senza nemmeno un filo d'erba. migliorata  la situazione degli elefanti con una nuova e aperta zona retrostante, che si aggiunge a quella originaria, con molto più spazio e una sorta di "giochi" che stimolano le bestie.

Molti miglioramenti sono stati apportati da quando lo zoo è stato aperto e nel corso del tempo il benessere degli animali è molto aumentato, soprattutto per i già citati elefanti, per i leoni, per i lupi , per gli orsi e per i pinguini sudafricani, che qui riescono anche a riprodursi e che si sono visti costruire una grande piscina a due bracci tutto nuova. Numerosi sono i percorsi didattici rivolti a bambini e adulti (è possibile partecipare al Laboratorio della Biodiversità all'interno dello zoo). Lo zoo allo stesso tempo collabora con altri zoo in Europa e partecipa a programmi di conservazione per alcuni animali, come le tigri in India, i pinguini in Sudafrica, i lemuri in Madagascar e altre specie.

In questo zoo si possono incontrare gli animali dal vivo in un ambiente che cerca di essere il più vicino possibile a quello naturale. É così che i bambini e gli adulti possono avere incontri ravvicinati con cammelli, lemuri e fenicotteri, che si ammirano così vicini che viene voglia di toccarli (ma non fatelo, alcuni potrebbero anche mordere!), e ancora giraffe, elefanti e zebre o da un'altra parte del parco orsi bruni, tigri e leoni o ancora rettili, anfibi ed insetti... le specie sono numerosissime! Ovviamente non si può dar da mangiare agli animali (se non a capre e giraffe dagli appositi dispenser) e si devono evitare i rumori molesti.

L'idea di uno zoo a Pistoia venne a Raffaello Galardini, un privato con la passione per le terre esotiche e per gli animali di quei luoghi, che venne aiutato da Angelo Lombardi, che molti conosceranno per essere stato un noto personaggio televisivo degli anni intorno al 1950; in pratica il primo divulgatore scentifico della televisione italiana! La sua rubrica si chiamava "L'amico degli animali" e andò in onda sulla RAI dal 1956 fino al 1964.

Zoo di PistoiaDal tempo della sua inaugurazione, negli anni '70, la struttura è cambiata in un crescendo di criteri espositivi, nel tentativo di mettere a loro agio gli animali e di interessare i visitatori. Negli ultimi anni sono per esempio nate le nuove aree di accoglienza per specie come l'orso bruno, lupi, tigri, leoni e linci. Gli spazi a disposizione degli animali si sono ampliati, sono state erette schermature a tutela della privacy degli animali (con appositi punti di osservazione strategici dai quali osservarli) e si sono coltivati progetti a tutela delle specie in via di estinzione. Per fare un esempio, la coppia degli orsi bruni (si chiamano Teddy e Ochila), proviene da uno zoo della Romania e sono parte del progetto di conservazione e protezione dell'orso bruno marsicano, una sottospecie dell'orso bruno che vive in alcune zone dell'Italia centrale, come il Parco Nazionale d'Abruzzo e che si trova oggi a rischio di estinzione; per questo motivo è sin dal 1939 che la specie è protetta da leggi nazionali e internazionali, tra cui quella della C.I.T.E.S. (Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione) e della Direttiva Europea Habitat.

Zoo di PistoiaLa struttura dello zoo di Pistoia è organizzata in settori che comprendono oltre alle aree che ospitano gli animali, anche percorsi tematici, bar, ristorante, laboratorio didattico, area tavoli per picnic, negozio souvenir, bagni e parcheggio. L'intera area è inoltre zona Wi Fi. Le aree animali ospitano tante specie, tra cui vipere, pellicani e cormorani, orsi bruni, linci, renne, lupi, leoni, mucche, capre, conigli, pecore del Camerun, manguste, asini, cammelli, pinguini africani, alpaca, tamarindi, otarie, lemuri, fenicotteri, giaguari, istrici, zebre, elefanti, rinoceronti, ippopotami, tartarughe giganti, canguri, struzzi e casuari, gufi reali, gru, orso bruni, rettili, suricati (fantastico il tunnel attraverso il quali li potete osservare mentre giocano) ecc.

Zoo di PistoiaPercorsi e itinerari tematici dello zoo di Pistoia sono il punto di forza della struttura. Per le scuole per esempio, il laboratorio della biodiversità è aperto (fino ad un massimo di 25 bambini per incontro, con bambini dai 5 agli 11 anni) all'interno dello zoo e da la possibilità di partecipare in prima persona alla costruzione di una mangiatoia per gli uccellini, per conoscere da vicino furetti e conigli, studiare le impronte degli animali e rilevarle con il calco di gesso... e che dire se il vostro bambino potesse avere un orso per amico? Imparando a proteggerlo, comprendendo la differenza tra favole e leggende e il mondo animale reale.

Che dire poi degli animali che siamo abituati a vedere quotidianamente, di sicuro meno esotici dei primi sopra descritti? Nel percorso tematico dedicato alla 'Vecchia Fattoria', in genere articolato con incontri in laboratorio e con attività esterna, si vive una dinamica di partecipazione alla vita di animali come mucche, pecore, asinelli, galline, conigli. Troviamo particolarmente interessante il programma chiamato 'Non sono come credi: animali tra favola e realtà, che porta a conoscere da vicino gli animali delle favole, siano essi lupi, volpi o orsetti (veri però e non in peluche). Per i bambini più grandicelli, i percorsi didattici si concentrano invece su tematiche quali importanza del riciclaggio e del compostaggio e cioè della biodegradabilità delle sostanze e anche sull'adattamento evolutivo del nostro pianeta e degli animali.

Il giardino zoologico di Pistoia va quindi oltre il classico concetto di zoo come luogo che ospita animali di diversa specie, proponendo attività in grado di sensibilizzare i bambini e gli adulti circa la salvaguardia del nostro pianeta e dei suoi delicati equilibri

Informazioni utili Zoo di Pistoia

Indirizzo:

Via delle Pieve a Celle, 160 - 51030 Pistoia

Tel 0573 911219

Ingresso: a pagamento (Adulti 15 euro, bambini 11. Possibilità di abbonamenti annuali).

 

Orari apertura Zoo di Pistoia:

Tutti i giorni dell'anno (dalle 9.30 alle 17.00, ultima entrata alle 16.00, in primavera estate chiusura posticipata di un'ora) consigliamo di verificare eventuali aggiornamenti direttamente chiamando la gestione del giardino zoologico Tel. 0573 911 219.

 

Come arrivare allo Zoo di Pistoia:

In auto: uscita Pistoia Ovest e quindi girare a sinistra e seguire indicazioni per Giardino Zoologico / Zoo.

In treno: arrivare fino alla stazione di Pistoia (linea ferroviaria Firenze-Pistoia-Lucca-Pisa-Viareggio.

In bus: linea 59 di fronte alla stazione dei treni di Pistoia (linee BluBus).

 

 

Dove si trova?

Torna su

 

Ostelli Pistoia   Ostelli Italia   Auberges de Jeunesse Italie

Carte de Pistoia     Karte von Pistoia    Mapa Pistoia Map of Pistoia

 Carte de la Toscane     Karte von Toskana     Mapa Toscana     Map of Tuscany

Carte d'Italie   Karte von Italien        Mapa Italia        Map of Italy

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal