Cosa è il Giubileo

Informagiovani Italia

L'educazione in Italia

L'educazione in Europa

Lavorare in Europa

Come mettersi in proprio

Mestieri e Professioni

Idee imprenditoriali

Informa Bambini

  Mettere su casa

  Giovani arte e cultura

 Stili di vita

Energia pulita Energia Pulita

🌎 Viaggiare in Europa

🛵  Viaggiare in Italia

🏠 Ostelli in Europa

🏠 Ostelli in Italia

🏠 Hotel in Italia

  Forum Informagiovani

 

Sei qui: Articoli informagiovani   > Il Giubileo di Papa Francesco

Domande e risposte sul Giubileo della Misericordia, 2015 - 2016 

Il Giubileo è uno dei più importanti eventi spirituali del mondo. Questo del 2015 - 2016, il Giubileo della Misericordia, proclamato da Papa Francesco, prevede di ospitare 25 milioni di visitatori. Ma vediamo di spiegare che cos'è il giubileo ogni quanto si tiene, quanto dura e perché questo giubileo è speciale rispetto agli altri. Innanzitutto il giubileo e quest'anno tematico, dedicato al tema della misericordia, quanto mai attuale.

 

Per la prima volta, ogni diocesi aprirà una Porta Santa, non solo a Roma e non solo nelle principali basiliche, in questo modo anche le persone al limitata mobilità, i malati, le persone che in generale non possono muoversi dal luogo dove vivono, potranno partecipare a questo grande evento. Un giubileo insomma che si diffonderà in tutto il mondo, con la capacità di raggiungere ogni persona, capace di coinvolgere e rendere attive tutte le diocesi. A Roma si raduneranno tantissimi pellegrini, per compiere insieme un vero viaggio religioso all'insegna dello spirito Santo. La città con la sua bellezza e i suoi luoghi di culto, potrà essere visitata e scoperta in tutto il suo misticismo.

Domande e risposte sul giubileo

Che cos'è il giubileo?
Il giubileo è un periodo di tempo, solitamente dura un anno, durante il quale i fedeli si riuniscono e vanno in pellegrinaggio in Vaticano, per pregare insieme e riflettere sui valori della comunità cattolica. È un periodo in cui si promuove la pace, il perdono e la riconciliazione in un clima generale di clemenza e misericordia.

Quanto spesso si tiene il giubileo?
Di solito il giubileo si tiene ogni 25 anni, ma ci sono eccezioni, come questa del 2016, una celebrazione proclamata da Papa Francesco in un momento storico particolare dove c'è davvero bisogno di misericordia e clemenza. Il primo giubileo fu annunciato da Papa Bonifacio VIII nel 1300, l'ultimo è stato celebrato nel 2000 da Papa Giovanni Paolo II, il quale intendeva promuovere l'unità ecumenica.

Torna su

Tradizione del giubileo
Si tratta di uno dei più importanti eventi per i cattolici la cui tradizione risale al medioevo quando, dopo le grandi Crociate, il controllo dei luoghi santi in Palestina era tenuto dei musulmani. Era importante rinforzare i principi della fede cattolica e la forza della comunità cristiana, si decise così di creare quest'occasione gioiosa di unione preferirli. Oltre essere un'importante occasione per la Chiesa per riaffermare i suoi valori è un momento importante per i cattolici devoti per ricevere la clemenza e il perdono per i loro peccati effettuando un pellegrinaggio in uno dei luoghi santi di Roma durante questo speciale anno. Nei secoli la Chiesa cattolica ha attraversato molti momenti difficili e l'anno Santo fornisce l'occasione per diffondere il messaggio cristiano rinvigorendolo; in questo senso il giubileo è anche un grande momento di riflessione sulla società contemporanea e il ruolo del Papa.

Il Giubileo della misericordia
Il tema della misericordia, particolarmente caro a Papa Francesco, che ha scelto di dare attenzione agli esclusi, e marginalizzati, ai deboli, che siano credenti o meno, rappresenta la volontà di creare un ponte tra le religioni, tra la religione e la società civile, ridando forza e centralità alla religiosità sentita, semplice, autentica. Il perdono, il rispetto per i deboli, la capacità di avere misericordia verso chi ha sbagliato, sono un tema comune a tutte le culture, almeno in teoria.

Come viene proclamato il giubileo?
Il giubileo viene annunciato da una bolla papale. Il giubileo del 2015, 2016 è stato annunciato dal Papa con una bolla dell'11 aprile 2015.
Il giubileo è iniziato l'8 dicembre, la scelta di questa data reca un forte significato poiché l'8 dicembre oltre a essere la festa dell'Immacolata concezione è anche il 50º anniversario del secondo concilio ecumenico. Durante questo concilio se posta particolare attenzione al cercare la vicinanza della chiesa alle persone e ai problemi del mondo moderno. Uno dei punti fondamentali fu l'uso del linguaggio comune durante la liturgia invece del latino, fino allora l'unico linguaggio storico della chiesa, permise una maggiore comprensione della religione e una maggiore partecipazione.
Nella bolla papale di Papa Francesco viene menzionata Santa Faustina Kowalska, santificata da Papa Giovanni Paolo II nel 2000. Faustina era nata in un piccolo villaggio della Polonia ed era entrata in convento a 20 anni. ?stata d'ispirazione al movimento degli apostoli della misericordia, un gruppo che oggi raduna milioni di persone nel mondo. Il suo famoso diario racconta il suo legame con Cristo ed è stato tradotto in molte lingue. Morì a Cracovia nel 1938 e subito dopo la reputazione della sua santità si è andata diffondendo e crescendo.

Cos'è l'indulgenza plenaria?
Si tratta di un simbolico perdono a tutti i credenti che vanno a Roma e attraversano la porta santa della basilica di San Pietro. È un modo simbolico della Chiesa cattolica di concedere un perdono collettivo ai pellegrini.

Quale è il rituale della porta santa?

Tradizionalmente il giubileo è stato proclamato con il rituale dell'apertura della porta santa, normalmente murata, con tre colpi dati con un prezioso martello. Questa antica tradizione non è stata usata fino all'anno 2000. Le principali quattro chiese di Roma hanno tutte una porta santa, San Pietro, la basilica di San Giovanni Laterano, San Paolo fuori dalle mura e Santa Maria maggiore. Le porte di queste chiese vengono aperte, ma dopo la porta di San Pietro. L'importante novità evangelica e universale introdotta da Papa Francesco per il 2016 è che ogni diocesi aprirà una porta santa, così i pellegrini che non possono recarsi a Roma potranno ugualmente partecipare alle celebrazioni.

L'inno del giubileo
L'inno ufficiale è stato postato su YouTube il 6 agosto del 2015, le parole dell'inno sono state scritte da un gesuita, padre Eugenio Costa mentre la musica è stata composta dal compositore e organista della diocesi di Portsmouth, in Inghilterra. Era stata indetta una competizione a cui hanno partecipato 90 compositori provenienti da tutto il mondo. L'inno è il latino e inizia con il motto "la misericordia come il padre".

Torna su

Quanto durerà questo giubileo?
Il giubileo del 2016 è iniziato l'8 dicembre 2015 con l'apertura della porta santa in San Pietro, seguita la domenica successiva dall'apertura della porta di San Giovanni Laterano e da quella delle porte di ogni chiesa, cattedrale, basilica in Italia. Le celebrazioni finiranno ufficialmente il 20 novembre 2016 con le festività in onore di Cristo re.

Tutti i pellegrini possono attraversare la porta santa di San Pietro in Vaticano?
Sì, tutti pellegrini possono attraversare la porta santa ma considerando l'enorme folla che si radunerà è consigliabile registrarsi in anticipo sull'apposito sito www.im.va specificando la data e l'orario approssimativo al quale si pianifica il passaggio. Il punto di accoglienza è in via della Conciliazione 7, dove è bene recarsi se non si è fatta la registrazione.

Una curiosità, il logo del giubileo
Il logo è opera di un gesuita, ed è un'illustrazione simbolica della misericordia. Mostra un gesuita che porta un uomo "perduto" sulle sue spalle. Rappresentazione è quella del buon pastore che porta su di sé il peso dell'umanità. La forma è quella di una mandorla, un'antica rappresentazione medievale che mostra la presenza duplice della natura divina e umana di Cristo. Tre ovali concentrici simbolizzano la capacità di Cristo di portare gli uomini fuori dal buio e dalla notte della morte.

Date principali del giubileo
8 dicembre
, apertura della porta santa nella basilica di San Pietro, celebrazione dell'Immacolata concezione
13 dicembre apertura delle porte Sante delle altre basiliche di San Giovanni Laterano e San Paolo fuori dalle mura e delle chiese sparsi ovunque nelle diverse diocesi.
27 dicembre giubileo delle famiglie in Piazza San Pietro
22 febbraio, giubileo della curia romana e delle situazioni connesse, 23 aprile giubileo dei ragazzi e delle ragazze, giubileo dei diaconi, 27 29 maggio, 1-3 giugno giubileo dei preti, 10 giugno giubileo degli ammalati e delle persone con disabilità, 26 31 luglio giubileo dei giovani, 2-4 settembre giubileo dei lavoratori e dei volontari della misericordia, 23 settembre giubileo dei catechisti, 8-9 ottobre giubileo mariano, 6 novembre giubileo di prigionieri, 13 novembre chiusura della porte sante di Romanella e in tutte le diocesi del mondo chiusura delle porte locali. Il 20 novembre chiusura della porta della basilica di San Pietro e conclusione del giubileo.

Torna su

 

Ringraziandovi per il vostro continuo supporto, Informagiovani Italia vi ringrazia. Per qualsiasi commento su questo e altri articoli scriveteci a info@informagiovani-italia.com

 

Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal