Kahlil Gibran

Sei qui: Articoli informagiovani > Biografie >

Kahlil Gibran - Biografia e opere

Kahlil Gibran nacque il 6 gennaio 1883 in una zona montuosa del Libano settentrionale, nell'allora provincia turca ottomana della Grande Siria, da una famiglia di religione cristiano-maronita (formatasi durante lo scisma nella chiesa bizantina nel V secolo d.C.) di Bsharre, poi trasferitasi negli Stati Uniti nel giugno del 1895. La sua infanzia nel villaggio isolato sotto il Monte Libano è stata caratterizzata da poche comodità materiali e non ebbe avuto un'educazione formale precoce.

Kahlil Gibran - Biografia e opereTuttavia, ricevette una forte eredità spirituale. Circondato per secoli da membri delle religioni musulmana e drusa, gli abitanti dei villaggi cristiani maroniti come Bsharre svilupparono nel tempo una filosofia di vita mistica. La sua opera successiva venne influenzata da leggende e storie bibliche tramandate per generazioni nella regione panoramica vicino agli antichi Cedri del Libano. In cerca di un futuro migliore, la famiglia, ad eccezione del padre, si trasferì in America nel 1895. Si unirono a dei parenti e condivisero un appartamento a Boston. La madre Kamila Gibran vendeva pizzi per mantenere i suoi quattro figli e aprì un piccolo negozio di prodotti secchi. Mentre si iscriveva alla scuola pubblica, il nome di Gibran fu abbreviato e cambiato. 

Il giovane artista si considerò sempre principalmente un pittore e scrisse i suoi lavori più conosciuti in inglese, diventando uno degli esponenti di un movimento romantico capace di trasformare la letteratura araba nella prima metà del XX secolo. Le sue opere sono state tradotte in numerose lingue e i suoi dipinti esposti nei musei più importanti del mondo. L’opera più famosa di Gibran è "Il Profeta", un libro composto di 26 saggi poetici pubblicato nel 1923 e tradotto in più di 100 lingue, rendendolo uno dei libri più tradotti nella

Gibran si considerava principalmente un pittore e scrisse le sue opere più conosciute in inglese, diventando uno degli esponenti di un movimento romantico capace di trasformare la letteratura araba nella prima metà del XX secolo. Le sue opere sono state tradotte in numerose lingue e i suoi dipinti esposti nei musei più importanti del mondo. L’opera più famosa di Gibran è "Il Profeta", un libro composto di 26 saggi poetici pubblicato nel 1923 e tradotto in più di 100 lingue, rendendolo uno dei libri più tradotti nella storia.


Una delle prime e più importanti influenze del giovane Kahlil furono il carattere forte della madre e, come accennato, la natura spirituale della sua terra natia. Più avanti sostenne che il suo interesse per l'arte fosse in parte dovuto ad un libro dei disegni di Leonardo da Vinci, regalatogli dalla madre Kamila Rahme. Il carattere poté poi perfezionarsi grazie all'educazione ricevuta aBeirut prima, e quindi a Boston, a Parigi e soprattutto a New York, dove verrà influenzato dai modernisti europei della fine del XIX secolo e del primo Novecento. NegliStati Uniti arrivò da bambino, insieme alla madre e ai fratelli, a seguito delle vicissitudini giudiziarie del padre, accusato di evasione fiscale dalle autorità ottomane, mandato in prigione, con confisca della casa. A Boston il giovane ebbe modo di manifestare la propria arte grazie alla perspicace osservazione della natura circostante, la cui bellezza ebbe modo di emergere drammatica e simbolica sia nei suoi disegni che nei suoi scritti.

Kahlil Gibran - Biografia e opereBoston, all'epoca ospitava la seconda più grande comunità siriana negli Stati Uniti, dopo New York. La madre del giovane, confortata dall'inserimento in una comunità familiare per cultura e lingua, iniziò a lavorare come ambulante e quindi in una merceria nelle strade povere della città. Nel frattempo Kahlil venne iscritto a scuola dove si dimostrò essere un allievo di talento, imparando rapidamente la lingua, sebbene il suo inglese scritto, in particolare l'ortografia, rimase irregolare. La sua vita cambiò quando un insegnante d'arte notò la sua abilità artistica. Florence Peirce con Jessie Fremont Beale, una filantropa, organizzarono l'introduzione di Gibran all'artista e fotografo Fred Holland Day nel dicembre 1896. Questi era noto per le sue eleganti fotografie omoerotiche di giovani ragazzi e per essere l'eccentrico leader di un gruppo d'avanguardia di Boston noto con il nome diVisionisti, sulla scia dei movimenti decadenti britannici e dei preraffaelliti.

Day era un mecenate della letteratura e delle belle arti di Boston e fotografo "artistico", che fece posare Gibran, le sorelle minori Marianna e Sultana, il fratellastro Peter e la madre Kamila come modelli. Dopo aver scoperto l'attitudine di Gibran per la letteratura e l'arte, Day lo proclamò "genio naturale" e divenne il suo mentore. Kahlil cominciò a disegnare illustrazioni di libri, ritratti e a incontrare gli amici il circolo culturale rappresentato dagli amici di Day.

Con i primi guadagni si guadagnò anche l'indipendenza della madre. Questo gli permise anche di socializzare e di entrare nella vita culturale di Boston, esplorandone il fervente mondo dell'arte e della letteratura e includendo il teatro, l'opera e le gallerie d'arte.

Pochi anni dopo, nel 1898, per qualche tempo Gibran tornò a studiare in Libano, al collegio maronita La Sagesse di Beirut (Madrasat-al-Hikmah), e si riunì con il padre. I suoi studi si concentrarono in letteratura romantica francese e araba e riuscì a creare una rivista letteraria, venendo anche eletto come 'poeta' del collegio. In Libano fu testimone delle ingiustizie subite dai contadini per mano del governo ottomano. Nel 1902, decise di tornare in America, considerati gli studi terminati con successo e dato il difficile rapporto con il padre (in seguito descrisse suo padre come una figura romantica, discendente dell'ordine dei cavalieri). Nello stesso anno diversi lutti funestarono la vita del giovane artista, che perse in poco tempo una sorella di soli 14 anni, il fratellastro e la madre. Tornato in America, riprese anche la sua amicizia con Fred Holland Day.

Nel 1903 Josephine Preston Peabody, poetessa e amica, organizzò una mostra delle opere di Gibran, allora ventenne, al Wellesley College; nel 1904 Gibran e un altro artista esposero le loro opere nello studio di Day a Boston. Qui Gibran incontrò Mary Elizabeth Haskell, che divenne sua mecenate e tutor in inglese per due decenni. La proprietaria della Miss Haskell's School for Girls e, più tardi, direttrice della scuola di Cambridge, era convinta che Gibran avrebbe avuto un futuro eccezionale. Aveva già aiutato diverse persone di talento e bisognose e fu un fattore determinate per il successo di Khalil come scrittore e artista (Il ruolo della Haskell nella vita di Gibran non divenne noto fino a quando parte della loro corrispondenza non fu pubblicata negli anni '70). Iniziò anche a scrivere sulle colonne di giornali e in libri in arabo, attirando l'attenzione sulle sue poesie in prosa, con il suo stile arabo influenzato dagli scrittori romantici dell'Europa della fine del XIX secolo, con evidenti tracce di sintassi inglese. In seguito iniziò una relazione segreta con la pianista, Gertrude Barrie.

Dal 1908 al 1910 la Haskell fornì all'artista fondi per studiare pittura e disegno a Parigi. Prima di andare in Francia, studiò con lei la letteratura inglese e produsse un saggio, "al-Musiqa' (Sull'Arte della Musica), (1905), pubblicato dalla stampa araba degli immigrati di New York e quindi la raccolta di tre racconti 'Le Ninfe della valle', ancora in arabo.

Il 27 gennaio 1908, gli vennero presentate la scrittriceCharlotte Teller, di 31 anni, e la diciannovenne insegnante di francese Émilie Michel (Micheline), i cui visi furono immortalati dall'artista in diversi ritratti tra il 1909 ed il 1911. Durante il soggiorno francese scoprì i dipinti simbolisti di Eugene Carrièr e l'arte di William Blake dopo aver trovato un libro di poesie, nonché la filosofia di Friedrich Nietzsche. Nello stesso periodo fu accettato per esporre un suo dipinto allaSociété Nationale des Beaux-Arts, anche creando diversi ritratti a matita di grandi artisti, tra cui Auguste Rodin. In Francia iniziò una importante corrispondenza con lo scrittore libanese May Ziyada, dall'Egitto. Ebbe anche una relazione con la stessa Émilie Michel, che finì per affievolirsi con la gravidanza e il conseguente aborto della donna.

Queste esperienze, unite alla sua esperienza di Besharri, plasmarono la carriera artistica e letteraria di Gibran. Sebbene i suoi disegni raffigurino figure idealizzate e romantiche, la filosofia ottimistica della sua successiva scrittura fu il risultato di una dolorosa evoluzione personale. La comprensione dell'atteggiamento di Gibran nei confronti dell'autorità dà una maggiore comprensione dei suoi lavori.

Gibran si opponeva al dominio turco ottomano e al rigido controllo sociale della Chiesa maronita. Dopo la pubblicazione di "Spirits Rebellious" (Spiriti Ribelli), un poema arabo, nel 1908, Gibran fu definito un riformatore e ricevette un ampio riconoscimento nel mondo arabo, ma venne anche considerato eretico dalla chiesa maronita. Divenne il più noto dei "poeti del Mahjar" o degli scrittori arabi immigrati. Il suo poema arabo più importante fu "Le processioni" del 1919. Fu presidente di Arrabitah, una società letteraria fondata a New York nel 1920 per infondere "una nuova vita nella letteratura araba moderna".

Nel frattempo, Gibran divenne politicamente più attivo, sostenendo l'idea rivoluzionaria del popolo siriano contro l'Impero ottomano. Nei successivi diciotto anni si dedicò in particolare alla pittura, diventando una figura apprezzata della scena artistica di newyorkese. Scrisse anche molte poesie, per la maggior parte in prosa, concentrate su tematiche quali amore, spiritualità, bellezza, natura, alienazione e ritorno alla casa o terra natale. Nel 1912 pubblicò la novella al-Ajniha al-mutakassira (Ali spezzate; Broken Wings del 1912). Insieme al poeta Robert Frost e al criticoVan Wyck Brooks, divenne membro del comitato consultivo della rivista letteraria The Seven Arts, fondata nel 1916, fatto che che lo rese popolare nel circuito poetico – letterario. Nel 1918 l'editore letterario Alfred A. Knopf pubblicò tutte le opere in inglese di Gibran.

Con altri scrittori arabi immigrati in America fondò 'Il Cenacolo', con l'obiettivo di tradurre tutti gli autori arabi meritevoli. Si trasferì quindi aNew York, dove iniziò a scrivere libri in inglese e dove si circondò di diversi intellettuali ed amici del giro culturale nella zona del Greenwich Village, tra cui psichiatra e psicologo svizzero Carl Gustav Jung e il poeta e drammaturgo irlandese William Butler Yeats.

Il Profeta

Le opere pubblicate furono diverse ma la sua più famosa è datata 1923: Il Profeta. Questo piccolo volume composto di 26 saggi poetici, tradotto in più di 100 lingue, si trasformò nel giro di pochi anni in uno dei libri più tradotti nella storia, molto popolare in particolare tra i movimenti anticulturali americani e della New Age. Il punto di vista di Gibran sulla fratellanza dell'uomo e sull'unità dell'uomo con la natura si rivolge soprattutto ai lettori giovani, ma anche ai meno giovani. Le parabole sono presentate in un modo nuovo e hanno delle caratteristiche di universalità.  Nel 1931, all'epoca della morte di Gibran, il Profeta era già stato tradotto in 20 lingue. Negli anni Sessanta raggiunse nuove vette di popolarità tra gli studenti universitari americani.

L'esile volume di parabole, illustrato con i disegni dello stesso Gibran, divenne un fenomeno prima americano e poi mondiale, attraverso il passaparola. La celebrità gli spalancò le porte del New Orient Society of New York, che vantava nomi come scrittori comeBertrand Russell e HG Wells. Nel frattempo la popolarità dell'artista aggravò la sua dipendenza dall'alcol, che a sua volta lo fece diventare sempre più chiuso in se stesso oltre che a peggiorarne il suo stato di salute generale.

Anche se in cattiva salute, Gibran completò altri due libri in inglese - Sabbia e schiuma (1926) e Gesù, il Figlio dell'uomo (1928) - che illustrano ancora di più la sua filosofia.

Gibran aveva 48 anni quando morì a New York City il 10 aprile 1931 a causa di una cirrosi epatica e di una incipiente tubercolosi. Il mondo arabo lo elogiò come genio e patriota. La sua salma fu trasportata in Libano, nel Monastero di Mar Sarkis, ora Museo Gibran, a Bsharre. Una grande processione salutò il suo feretro al suo ritorno nel settembre 1931.  Dopo la sua morte furono catalogati e pubblicati suoi saggi precedenti, e la sua opera in arabo è stata tradotta in molte lingue. Oggi gli studiosi arabi lodano Gibran per aver introdotto il romanticismo occidentale e uno stile più libero nella poesia araba altamente formalizzata. Il "Gibranismo", che ha attirato molti seguaci, è il termine usato per il suo approccio filosofico.
 

In America, il West Tenth Street Studio for Artists nel Greenwich Village, dove visse dopo il 1911, è stato sostituito da un moderno condominio. Ma i libri di Gibran si trovano in innumerevoli biblioteche e librerie. Cinque opere d'arte, tra cui un ritratto di Albert Pinkham Ryder, si trovano oggi al Metropolitan Museum of Art di New York, dono della sua mecenate Mary Haskell Minis.

Il giovane emigrato dal Libano, arrivato a Ellis Island nel 1895, non divenne mai cittadino americano: amava troppo la sua terra natia. Ma riuscì a combinare due patrimoni culturali molto diversi e a raggiungere una fama duratura in entrambe le culture. Questi due aforismi di Sabbia e Schiuma trasmettono il messaggio di Gibran:

La fede è un'oasi nel cuore che non sarà mai raggiunta dalla carovana del pensiero.

Come si può cantare se la bocca si riempie di cibo? Come alzare la mano in segno di benedizione se la tua mano è piena d'oro?

Con la sua opera più famosa, è il terzo poeta più venduto di tutti i tempi. Gibran lasciò in eredità le sue royalties al paese natio di Besharri ma, ironia della sorte, il dono causò anni di faida tra le famiglie dei villaggi.

Acquista il libro

2.99 € ebook

6.97 € libro stampato

 

Il Profeta

Acquista il libro

2.99 € ebook

6.97 € libro stampato

 

Il precursore - Gibran

Acquista il libro

2.99 € ebook

4.99 € libro stampato

 

Il giardino del profeta

Acquista il libro

2.99 € ebook

5.98 € libro stampato

 

Il Folle - Gibran

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazione interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ci offri una pizza :) ), così ci aiuterai ad andare avanti per quanto possiamo e a scrivere e offrire la prossima guida gratuitamente.:  Paypal

 

 

Torna su

 

 

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal