Piazza San Marco

Piazza San Marco

Iveneziani chiamano Piazza San Marco semplicemente "la piazza", considerando giustamente superflua ogni ulteriore precisazione, senza contare che in realtà è questa l'unica vera "piazza" di Venezia. Al di fuori di essa ci sono soltanto campi, campielli o corti. Nel corso della sua storia la piazza ha assistito a feste, tornei, fiere, processioni, spettacoli all'aperto, cerimonie pubbliche, politiche o religiose, ma soprattutto la sua fama è legata al fatto di essere, come ebbe a dire Napoleone Bonaparte, "il salotto più bello del mondo".

E come un salotto, appunto, distende su due lati le ho ordinate file di tavolini dei suoi famosi caffè e raccoglie nell'intimità dei sei portici le voci di turisti e veneziani a passeggio o intenti a fare acquisti nei numerosi negozi che vi si trovano. Chi percorre il centro della piazza è accolto dal fruscio dei colombi: un'istituzione, a Venezia; pare addirittura che abbiano radici storiche: una leggenda sostiene infatti che furono portate Venezia dall'isola di Cipro in omaggio alla Dogaressa.

Ma veniamo alla storia di questo spazio monumentale unico al mondo. Anzitutto diciamo che misura 175 metri di lunghezza ed è larga 82 metri dal lato della Basilica di San Marco e 57 metri dal lato opposto. Quanto alle sue origini ricorriamo alle parole di un veneziano, Giuseppe Tassini, che nel suo libro "curiosità veneziane" racconta: "Rustica in antico era la Piazza San Marco. Appelavasi 'Morso', forse perché il suo terreno era più tenace e duro del circostante, e "Brolo" (orto) perché nervosa e cinta da alberi. Mi scorreva in mezzo un canale detto 'Batario' sulle cui sponde si scorgevano, luna in faccia all'altra, due piccole chiese di San Teodoro e di San Gemignano, è rete, come fama, da Narsete che aveva vinto i Goti con l'aiuto dei veneti navigli". Ricordiamo che San Teodoro è il patrono di Venezia e la sua statua si erge sopra una delle due colonne sul molo antistante la Piazzetta di San Marco che introduce verso la "Piazza". Solo all'inizio del IX secolo venne costruita in Piazza la Chiesa di San Marco, a seguito della traslazione del corpo dell'evangelista, trafugato ad Alessandria d'Egitto, nel 828.  Il Rio Batario fu successivamente, nel XII secolo, interrato; nel 200 la piazza fu pavimentata a mattoni e così rimase fino alla pavimentazione settecentesca, definitiva, in tracheite euganea e fasce bianche.

Nel corso della storia di Venezia le più importanti cerimonie politiche e religiose venivano celebrate in questa piazza. Vi si svolgevano, tra le altre, la famosa processione del Corpus Domini, la "Caccia al Toro" e la Fiera dell'Ascensione che si protraeva per 15 giorni e coinvolgeva anche lo spazio della piazzetta.

Tre dei lati della piazza sono cinti da eleganti costruzioni porticate al pianterreno. Le Procuratie Vecchie furono costruite fra la fine del 1400 e la metà del 1500 da Mauro Colucci (fino al primo piano) e da Bartolomeo Bon e da Guglielmo Grigi che realizzarono il secondo piano, terminato poi dal Sansovino. Il nome Procuratie deriva dal fatto che furono destinate a ospitare i Procuratori di San Marco, che erano la più prestigiosa carica vitalizia della Repubblica di Venezia, subito dopo il Doge e si occupavano di curare la fabbrica e l'amministrazione dei territori della Basilica di San Marco, sparsi per tutto l'Oriente. Sul lato in fondo alla piazza, sul luogo dell'antica chiesa di San Gemignano, Napoleone Bonaparte fece erigere un'ala detta nuovissima o alla napoleonica per collocarvi un grandioso salone da ballo. Fu costruito in stile neoclassico e dotato di un attico adorno di Stato di imperatori romani, figurazioni mitologiche e allegoriche. Nei suoi portici è situato l'ingresso al Museo Correr. Sul lato sinistro della piazza si notano le Procuratie Nuove. Furono costruite da Vincenzo Scamozzi nel 1584, secondo uno stile che si ispirava alla libreria sansoviniana. La parte terminale fu compiuta dall'onnipresente Longhena nel 1640. Anche qui risiedevano i procuratori di San Marco, ma quando cadde la Repubblica, nel 1797, furono adibite a Palazzo Reale. Nelle sue sale trova posto in Museo Correr.

Leggi Come arrivare in Piazza San Marco.

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazione interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ci offri una pizza :) ), così ci aiuterai ad andare avanti per quanto possiamo e a scrivere e offrire la prossima guida gratuitamente.:  Paypal

 

Dove si trova?

 

Torna su

OSTELLI Venezia  OSTELLI Italia

Carte de Venise     Karte von Venedig     Mapa Venecia Map of Venice

 Carte de Venetie Karte von Venetien Mapa Veneto     Map of Veneto

Carte d'Italie  Karte von Italien  Mapa Italia   Map of Italy

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal