TUTTOMONDO Keith Haring Pisa

Advertisement

TUTTOMONDO Keith Haring Pisa

Quando passeggi nel lungarno di Pisa a colpire sono in particolare i colori e il grande spazio aperto. Trovi il celeste del primo cielo del mattino, le tonalità ocra degli antichi palazzi e un indefinito colore del fiume, che sembra cambiare a seconda dell'umore del mondo. Quando passeggi nel lungarno di Pisa a colpire sono in particolare i colori e il grande spazio aperto. Trovi il celeste del primo cielo del mattino, le tonalità ocra degli antichi palazzi e un indefinito colore del fiume, che sembra cambiare a seconda dell'umore del mondo.

Advertisement

Colori di vita, colori di mondo. Ed è proprio questo il nome che oggi lega Pisa ad un artista particolare, che nel 1989 arrivava dalla lontana New York, per lasciare una traccia distinta dai canoni a cui l'arte della città aveva fino ad allora abituato. Centottanta metri quadri di colori e simboliche emozioni, create a rappresentare la pace e l’armonia del mondo.

TOTTOMONDO Keith HaringIl murales TUTTOMONDO a Pisa, creato da Keith Haring ben oltre un ventennio fa, ha regalato alla città un nuovo modo di guardare all'arte e soprattutto di 'partecipare all'arte'. Alla realizzazione di questo grande affresco parteciparono tutti, cittadini, studenti anche giovanissimi, e poi ancora i frati, curiosi arrivati qui dopo un primo via vai di voci e poi amministrazione comunale e associazioni varie. Dopotutto, lo stesso pezzo d'arte nasceva da un incontro a New York, quello dell'artista con uno studente di Pisa. Due mondi che s'incontrano. I colori ripresi dall'opera sono quelli del cielo di Pisa, del suo fiume, della sua intera storia; sono soprattutto quelli del quartiere di Sant’Antonio di Pisa, il quartiere che oggi ospita l'opera di Haring, e che prende il nome proprio dalla chiesa che si è prestata ad accogliere la sua arte, il convento di Sant'Antonio Abate di Pisa.

Tuttomondo è nato quasi per caso progetto nato quasi per caso:

"Era un sabato mattina freddissimo della primavera del 1988, ero con mio padre a Manhattan e incontrai Keith su un marciapiede del Village. Lo avvicinai e gli chiesi perché in Italia non aveva mai realizzato nessuna opera, quando sue installazioni erano in mezzo mondo. Mi rispose che era una giusta domanda e mi invitò il giorno dopo a parlarne nel suo studio. Fu l’inizio. L’anno dopo venne a Pisa per realizzare il murale dedicato alla pace".

TuttomondoPiergiorgio Castellani, allora studente in visita a New York, ebbe la fortuna di conoscere l’artista americano e proporgli un lavoro nella sua città. E così avvenne. Il murales di Pisa fu l'ultima opera del giovane Haring, che morirà di AIDS nel 1990 a soli 31 anni. Un artista della generazione writer da strada, che il mondo ha imparato a conoscere sin dai primi graffiti newyorkesi intorno agli anni '80 e che ha particolarmente amato proprio per questa sua grande e ultima opera tutta italiana (non è l'unica in Italia, altre furono prodotte per esempio a Roma o a Milano e Venezia, ma alcune purtroppo cancellate dall'amministrazione comunale della città: è il caso per esempio del graffiti di Haring al Palazzo delle Esposizioni a Roma, cancellato nel 1992 in occasione di una visita di Stato).

Keith HaringGuardiamolo da vicino questo enorme murale, un'intera parete che solo a guardarla ti apre lo sguardo portandolo lontano in un viaggio fantastico. Qui l'arte è partecipazione, perché è come partecipare alla sua lettura, alla sua interpretazione. Figure concatenate tra loro esprimono quello che l'artista ha voluto rappresentare: vita, pace e armonia. Colori e figure si mischiano a rappresentare la vita, e il risultato è proprio quello di un'opera d'arte viva. Anche il concatenamento vuole dare un segnale preciso, quello dei legami del nostro mondo, delle relazioni tra uomini e tra uomo e natura. Si provi a Tuttomondo - Keith Haringcercare il delfino, il cane, la scimmia, per scoprire il legame tra l'acqua, la fedeltà o l'istinto. Oppure quello splendido abbraccio che entra dentro il corpo dell'uomo, o la madre con il suo bambino, quasi a simboleggiare l'infinità essenza della nostra vita. E ancora, il lavoro, il potere dei media, l'ambizione dell'uomo, le arti come la musica. E poi quelle figure, distinte, come l'uomo in giallo, che ci piace guardare e pensare con diversi significati, diversi umori, come quelli del fiume che a Pisa scorre da sempre.

 

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa guida vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

 

Dove si trova?

 

 

Torna su

 

 

Ostelli Pisa   Ostelli Italia  Auberges de Jeunesse Italie   Hotel Pisa

Carte de Pisa     Karte von Pisa    Mapa Pisa Map of Pisa

 Carte de la Toscane     Karte von Toskana     Mapa Toscana     Map of Tuscany

Carte d'Italie  Karte von Italien  Mapa Italia   Map of Italy

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal