Storia di Salisburgo

Advertisement

Storia di Salisburgo

 

La zona dove sorge Salisburgo fu abitata sin dal  Neolitico, con piccoli insediamenti umani. Le origini della città attuale risalgono a comunità celtiche che intorno al 15 a.C. vennero riunite dai romani in un unico insediamento sotto il nome di Iuvavum. Vista l’importanza svolta nella provincia romana di Norico, il piccolo insediamento venne dichiarato municipio nel 45 d.C., ma alla fine dell’Impero esso venne abbandonato e lasciato in rovina. Nulla si seppe delle sorti di Iuvavum fino al V secolo d.C., periodo nel quale diverse testimonianze storiche documentano dell’esistenza di un Monastero entro i confini della sua area.

Advertisement

 

Hohensalzburg - SalisburgoFu solo dalla fine IX secolo che troviamo le origini certe dell’attuale Salisburgo: è infatti grazie alle opere di urbanizzazione da parte di San Ruperto, il quale ricevette l’area in donazione dal Duca di Bavaria, che si diede inizio allo sviluppo demografico e sociale dell'antica Iuvavum. Ruperto divenne ben presto il vescovo del nuovo insediamento, divenendo successivamente il santo patrono della città. I secoli successivi furono segnati da grandi fermenti, soprattutto militari; nel 1077 venne infatti iniziata la costruzione della fortezza Festung Hohensalzburg, il bianco castello che oggi si erge sulla cima della collina di Salisburgo e che un tempo segnava il confine dell’antico insediamento urbano.

 

SalisburgoDopo circa un secolo, Salisburgo fu soggetta a diverse dispute amministrative e di potere, le quali videro in conflitto la sede vescovile e il potente imperatore Barbarossa e che, successivamente, portarono alla distruzione di parte della città. Oltre a questi funesti eventi, nel XIV secolo la peste portò nuovo sconforto, uccidendo circa 1/3 della popolazione della città. Nello stesso secolo, la città si rese indipendente dalla Bavaria divenendo parte  del Sacro Romano Impero Tedesco. A parte alcune sommosse di carattere sociale scatenatesi al termine del XV secolo e l’espulsione della comunità ebraiche oltre i confini della città, l’evento di maggiore rilievo in questo periodo fu la cosiddetta ‘Bauernkriege’ la Guerra dei Contadini; in questo periodo la fortezza fu presa d’assalto per ben 3 mesi (1525) prima che la rivolta terminasse.

 

I secoli XVII e XVIII segnarono l’inizio dell’Età dell’Oro per la piccola Salisburgo: il principe Vescovo Wolf Dietrich von Raitenau, Markus Sittikus e Paris Lodron, usarono le loro ricchezze (ricavate dallo sviluppo commerciale dei giacimenti di sale) per trasformare Salisburgo in una delle città più importanti d'Europa. Vennero costruiti splendidi palazzi, imponenti chiese e giardini decorati secondo i canoni più eleganti del secolo.

 

Storia di SalisburgoNel 1731 è importante citare l’attuazione della ‘Emigrationspatent’ attraverso la quale si obbligavano coloro che erano di fede protestante alla conversione alla fede cattolica, pena l'espulsione; fu così che i protestanti di Salisburgo (residenti legittimi costretti all’esilio) furono oltre  21.000.

 

Nel 1756 nacque a Salisburgo il grande Wolfgang Amadeus Mozart, il cittadino più illustre nella storia della città. Bambino prodigio, conteso dalla nobiltà per il suo genio artistico, invidiato negli ambienti musicali più blasonati. La sua musica risuona in ogni angolo della città, specialmente in estate e nel periodo natalizio le note si diffondono nell'aria da tutti gli angoli.

 

Agli inizi del XIX secolo, nel corso delle guerre napoleoniche, la diocesi vescovile perse i propri poteri secolari, così che Salisburgo divenne parte di diverse province per poi ritrovarsi infine sotto l’Impero Austriaco. Alla fine dello stesso secolo vennero abbattute le vecchie fortificazioni, venne costruita la linea ferroviaria e la stazione ed edificati nuovi quartieri urbani. Questo fu un periodo nel quale la città sviluppò quella caratteristica architettura neoclassica tipica e maestosa dell’Impero Austro-Ungarico.

 

Gli inizi del XX secolo, al termine della I Guerra Mondiale, videro la città diventare in voga e esercitare un grande fascino presso la nobiltà e gli intellettuali viennesi e tedeschi; a tale nuova moda, ricordiamolo, contribuì il Festival musicale di Salisburgo, fondato nel 1920. Il fondatore del Festival di Salisburgo, Max Reinhardt, che è stato il più grande regista teatrale del '900 a suo tempo diceva: "Tutta questa città è un palcoscenico." Alla tenacia organizzativa di Reinhardt si deve la realizzazione di un progetto ambizioso in cui fossero rappresentati e partecipassero uomini di ogni ceto e provenienza culturale, all'insegna dell'arte e della fratellanza, ferita dalla guerra.

 

Durante la II Guerra Mondiale, mentre tutta l’Austria veniva conquistata e governata dalla Germania Nazista, Salisburgo diventava testimone di atrocità contro gli ebrei e altre minoranze etniche. Il 46% della città venne distrutta dai bombardamenti prima di essere occupata dalle truppe alleate. Attraverso gli aiuti economici del Piano Marshall, la città rinacque sia economicamente che culturalmente. Oggi è uno dei luoghi, con merito,  più visitati d'Europa, con un'intensa vita sociale e culturale e un centro storico signorile e aperto alla modernità.

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa guida vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

 

Torna su

Ostelli Salisburgo    Ostelli Vienna   Ostelli Austria    Hotel Salisburgo

Carte de Salzburg     Karte von Salzburg    Mapa Salzburgo  Map of Salzburg

Carte de la Autriche    Karte von Österreich   Mapa Austria   Map of Austria

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal