LA VITA DI MOZART

Sei qui: Biografie >

LA VITA DI MOZART 

 

"Le musica non è nelle note, ma nel silenzio tra di esse."

Nelle sua breve esistenza Mozart, sinonimo di genio assoluto, come pochi altri personaggi nel corso della storia, compose più di 626 opere, la prima a soli 5 anni, l'ultima pochi giorni prima della sua morte. Tutto questo non mettendo da parte il resto della vicissitudini della vita, con le sue gioie e i suoi dispiaceri. La sua musica riesce a toccare corde del cuore che pochi, prima e dopo, sono riusciti a fare, tanto che le sue note vengono usate anche per alleviare numerose malattie dell'anima, ma non solo...

 

Biografia di Mozart

Wolfgang Amadeus Mozart, battezzato come Johannes Chrysostomus Wolfgangus Theophilus Mozart, (nato il 27 gennaio 1756, a Salisburgo - morì il 5 dicembre 1791, Vienna), è ampiamente riconosciuto come uno dei più grandi compositori della storia della musica occidentale. Con Haydn e Beethoven ha portato al suo apice il successo della scuola classica viennese. A differenza di qualsiasi altro compositore nella storia della musica, ha scritto in tutti i generi musicali del suo tempo ed eccelleva in ognuno di essi. Il suo gusto, la sua padronanza della forma e la sua gamma espressiva lo hanno fatto sembrare il più universale di tutti i compositori; tuttavia, si può anche dire che la sua musica sia stata scritta per soddisfare i gusti specifici di un pubblico particolare.

Mozart più comunemente veniva chiamato in famiglia come Wolfgang Amadé o Wolfgang Gottlieb. Suo padre, Leopold, proveniva da una famiglia di buona estrazione (da cui era estraneo), che comprendeva architetti e legatori (rilegatori di libri). Leopold fu l'autore di un famoso manuale di liuteria, pubblicato proprio nell'anno della nascita di Mozart. Sua madre, Anna Maria Pertl, proveniva da una famiglia borghese attiva nell'amministrazione locale. Mozart e sua sorella Maria Anna ("Nannerl") furono gli unici due dei loro sette figli a sopravvivere.

Il talento iniziale del piccolo Wolfgang Amadeus per la musica è già evidente. A tre anni sceglieva gli accordi sul clavicembalo, a quattro i pezzi corti, a cinque faceva i primi componimenti. Ci sono aneddoti sul suo ricordo preciso del passo, sul suo scarabocchio di un concerto a cinque anni, e sulla sua dolcezza e sensibilità (aveva paura della tromba). Poco prima di compiere sei anni, il padre lo portò a Monaco con Nannerl, anche lei di grande talento, per suonare alla corte bavarese, e pochi mesi dopo si recarono a Vienna e vennero sentiti alla corte imperiale e nelle case nobiliari.

"Il miracolo che Dio ha fatto nascere a Salisburgo" era la descrizione che Leopold fece di suo figlio, e lui era profondamente consapevole di dover portare il "miracolo" all'attenzione del mondo (e di trarne incidentalmente profitto). A metà del 1763 ottenne un congedo dalla sua carica di vice Kapellmeister presso la corte del principe-vescovo a Salisburgo, e la famiglia partì per un lungo tour. Si recarono in quelli che erano i principali centri musicali dell'Europa occidentale dell'epoca: Monaco, Augusta, Stoccarda, Mannheim, Magonza, Francoforte, Bruxelles e Parigi (dove stette per un totale di 13 mesi in tre differenti visite), poi Londra (dove trascorsero 15 mesi), tornando attraverso L'Aia, Amsterdam, Parigi, Lione e la Svizzera, e arrivando di nuovo a Salisburgo nel novembre 1766. Nella maggior parte di queste città Mozart, e spesso sua sorella, suonarono e improvvisarono, a volte a corte, a volte in pubblico o in chiesa. Le lettere sopravvissute di Leopold agli amici di Salisburgo raccontano l'ammirazione universale che suo figlio suscitava. A Parigi incontrarono diversi compositori tedeschi e venne pubblicata la prima musica di Mozart (sonate per tastiera e violino, dedicate a una principessa reale); a Londra incontrarono, tra gli altri, Johann Christian Bach, il figlio più giovane di Johann Sebastian Bach e protagonista della vita musicale della città, e sotto la sua influenza Mozart compose le sue prime sinfonie - tre sopravvissute (K 16, K 19, e K 19). Altri due furono composte durante un soggiorno all'Aia nel corso del viaggio di ritorno (K 22 e K 45a).  A Parigi conobbe M. Grimm, d'Alambert, Diderot, J. Schobert.

Dopo poco più di nove mesi a Salisburgo, i Mozart partirono per Vienna nel settembre 1767, dove (a parte una pausa di 10 settimane durante un'epidemia di vaiolo) trascorsero 15 mesi. Mozart qui scrisse una cantata in tedesco in un unico atto, Bastien und Bastienne, che venne presentata privatamente. Quindi vennero composte un'opera buffa italiana, La finta semplice, realizzata nelle sale del teatro di corte, e una messa (probabilmente K 139/47a) presentata con successo davanti alla corte viennese. In ottobre Mozart è stato nominato Konzertmeister onorario alla corte di Salisburgo.

Nel 1767 i Mozart tornarono a Salisburgo e da questo momento il piccolo Amadeus cominciò a comporre ininterrottamente sino alla morte. Mozart già all'età di undici anni intraprese moltissimi viaggi a Vienna dove era conteso dalla nobiltà e il suo genio già suscitava invidie negli ambienti musicali.

Quando Mozart aveva solo 13 anni aveva ormai acquisito una notevole padronanza del linguaggio musicale del suo tempo, ed era particolarmente abile nell'imitare l'equivalente musicale dei dialetti locali. Le prime sonate di Parigi e Londra, mostrano un piacere infantile nei modelli di note e densità. Ma le sinfonie di Londra e dell'Aia attestano la sua risposta rapida e inventiva alla musica che aveva incontrato in quei luoghi e una grande capacità di adattamento.

I tour italiani

Intanto nel 1769 Mozart accompagnato dal padre si diresse in Italia e fece tappa nelle maggiori città suscitando sempre molta ammirazione. La padronanza dello stile operistico italiano era un prerequisito per una carriera internazionale di successo nel campo della composizione, e il dominio politico austriaco sull'Italia settentrionale garantiva a Mozart una certa libertà di movimento. Questa volta la madre e la sorella di Mozart rimasero a Salisburgo, e la corrispondenza di famiglia fornisce un resoconto completo degli eventi. Il primo tour, iniziato il 13 dicembre 1769, durò 15 mesi e lo portò in tutti i principali centri musicali della penisola, ma come al solito i Mozart si fermarono in qualsiasi città dove si potesse tenere un concerto o dove un nobile volesse ascoltare i prodigi del giovane musicista.

A Verona Mozart fu sottoposto a prove severe all'Accademia Filarmonica, e a Milano, dopo aver sperimentato le sue capacità nella musica drammatica, gli fu commissionato il primo lavoro lirico per la stagione carnevalesca. Dopo una sosta a Bologna, dove Mozart incontrò ed ebbe lezioni dallo stimato teorico padre Giovanni Battista Martini, e conobbe molti musicisti tra cui Sammartini e Piccinni, insieme al padre procedette verso Firenze e poi verso Roma per la Settimana Santa. Qui il giovane compositore ascoltò il Coro della Cappella Sistine nel famoso Miserere di Gregorio Allegri (1582-1652), che era considerato l'esclusiva riserva del coro (la cui partitura era gelosamente custodita), ma che Mozart copiò nella sua memoria. I Mozart trascorsero quindi sei settimane a Napoli; di ritorno da Roma, Mozart ebbe un'udienza papale e fu nominato cavaliere dell'Ordine dello Speron d'Oro. Dopo avere trascorso l'estate nei pressi di Bologna, dove Mozart supero gli esami di ammissione all'Accademia Filarmonica, a metà ottobre raggiunse Milano, soggiornando nel Convento di San Marco degli agostiniani e iniziando a lavorare alla nuova opera, Mitridate, rè di Ponto (K 87) basato sulla tragedia di Jean-Baptiste Racine nella traduzione di Giuseppe Parini. Fu proprio nel Convento di San Marco che  compose gran parte dell'opera, suonando anche l'organo che tuttora troneggia nella chiesa. Dovette riscrivere diverse parti per soddisfare i cantanti, ma, dopo una serie di prove (le lettere di Leopold forniscono spunti affascinanti sulle procedure teatrali), la prima al Teatro Regio Ducale (il Teatro alla Scala non esisteva ancora: nel 1788 verrà demolita la chiesa di Santa Maria alla Scala per far posto al teatro, dopo che il Ducale era andato distrutto in un incendio) il 26 dicembre fu un notevole successo. Mozart, allora quattordicenne, in modo tradizionale diresse tre dei 22 spettacoli; era il 1770. Un fatto curioso è che si dovrà aspettare fino al 1971 per riascoltare questo lavoro giovanile del grande compositore. Il successo del Mitridate garantirà a Mozart altre due commissioni milanesi, nel 1771 il l'Ascanio in Alba , con libretto ancora di Parini, e nel 1772 il capolavoro Lucio Silla.

Mozart soggiornò anche a Cremona dormendo per una notte in una locanda chiamata "Colombina". La sera Leopold e Wolfang si recarono al Teatro Nazari, antesignano dell'attuale Teatro Ponchielli, e videro una delle tante opere chiamate "La Clemenza di Tito" - ma non la versione di Mozart, naturalmente, perché compose la sua opera con quel nome poco prima di morire ventun'anni dopo.

Dopo una breve escursione a Venezia, lui e suo padre tornarono a Salisburgo. Purtroppo in seguito le porte dell’Italia si chiusero per Mozart che, all'età di 16 anni, lasciò il Bel Paese per non ritornarci mai più.

Il ritorno a Salisburgo e quindi Vienna

Nel 1772 morì l'arcivescovo che proteggeva Mozart e gli successe Hieronymus von Colloredo con cui il musicista si scontrò in varie occasioni sino a quando nel 1777 decise di dimettersi dalla corte arcivescovile lasciando Salisburgo. Per vivere impartiva lezioni e componeva mentre studiava i musicisti che ascoltava durante le sue tappe a Monaco e Mannheim. Nel 1778 morì la madre Anna Maria e affranto dal dolore tornò a Salisburgo, ma nel 1781 decise di abbandonare definitivamente la sua città natale per vivere a Vienna.

Nella capitale asburgica nel 1782 sposò Costanza Weber ed ebbe l'incarico dall'imperatore di scrivere un opera. Compose Il ratto dal serraglio, poi si dedicò alla composizione di altri generi abbandonando il teatro per alcuni anni, fino a quando stretta amicizia con Lorenzo Da Ponte (che divenne suo librettista) compose Le nozze di Figaro e in seguito il Don Giovanni destinati ad un successo delirante.

Nonostante il prestigio e la genialità del maestro, quegli anni furono contrassegnati da condizioni economiche precarie oltre che in condizioni di salute non buone sin dall'infanzia.

Dopo essere tornato da Praga a metà novembre 1787, Mozart fu finalmente nominato a un posto di corte, come Kammermusicus, al posto di Gluck, che era da morto. Si trattava in gran parte di una sinecura, l'unico requisito era che egli fornisse musica da ballo per i balli di corte, cosa che fece, in abbondanza e con una certa distinzione, negli anni che gli rimanevano. Lo stipendio di 800 gulden sembrò aver fatto poco per alleviare i cronici problemi economici dei Mozart. I loro debiti, tuttavia, non furono mai ingenti, e furono sempre stati in grado di continuare ad assumere la servitù e a possedere una carrozza; la loro ansia era più una questione di poter vivere come volevano che una paura di morire fame. Ad aggravare il suo stato d'animo arrivò la morte del padre nel 1787. Nel 1788 Mozart scrisse una serie di lettere in cui chiedeva un prestito a un massone, Michael Puchberg, che era solito concederli. Prestiti che poi in genere vevivano ripagati prontamente dal compositore.

Durante questo periodo non felice Mozart lavorava a una serie di tre sinfonie, in mi bemolle maggiore (K 543), sol minore (K 550) e do maggiore (il Giove, K 551), solitamente numerate 39, 40 e 41; queste, con l'opera scritta per Praga (K 504), rappresentano la summa della sua produzione orchestrale. Non si sa perché furono composte; forse Mozart aveva in mente una stagione concertistica estiva. L'opera di Praga è stata il culmine della sua lunga serie di brillanti pezzi orchestrali in Re Maggiore, ma la sua forma, lavorata da vicino e persino motivica, gli conferisce una nuova forza e un'unità, aggiungendo una forza particolare al suo tono spesso cupo.

All'inizio del 1789 Mozart accettò l'invito a recarsi a Berlino con il principe Karl Lichnowsky; si fermarono a Praga, a Dresda (dove suonò a corte) e a Lipsia (dove improvvisò con l'organo Thomaskirche). Si presentò alla corte prussiana e probabilmente fu invitato a comporre sonate per pianoforte per la principessa e quartetti d'archi con una parte importante di violoncello per il re Federico Guglielmo II. Egli scrisse infatti tre quartetti, in parti dei quali permise ai singoli strumenti (compreso il violoncello reale) un particolare risalto, e vi è una sonata (la sua ultima, K 576) che potrebbe essere stata destinata alla principessa prussiana. Ma è improbabile che Mozart abbia mai spedito questa musica o sia stato pagato.

L'estate del 1789 vide la composizione del quintetto di clarinetti, in cui un vero e proprio stile cameristico si concilia con la scrittura solista con calore e grazia. In seguito Mozart si concentrò sul completamento della sua successiva commissione operistica, la terza delle sue opere di Da Ponte, Così fan tutte, che fu eseguita il 26 gennaio 1790; la sua esecuzione fu interrotta dopo cinque rappresentazioni quando i teatri chiusero a causa della morte di Giuseppe II, ma altre cinque furono date in estate. Quest'opera, la più sottile, coerente e simmetrica delle tre, è stata a lungo insultata (da Beethoven in poi) per il suo soggetto, la volubilità femminile; ma una lettura più attenta, soprattutto alla luce della trama emotiva della musica, che acquista complessità con l'avanzare della trama, rende evidente che non si tratta di un pezzo frivolo, ma di un saggio penetrante sui sentimenti umani e sul loro riconoscimento maturo. La musica del primo atto è essenzialmente convenzionale nell'espressione, e il sentimento convenzionale è raccontato in forma di parodia in alcune arie; ma le arie del secondo atto sono su un livello più profondo e personale. Le caratteristiche della musica di Così fan tutte sono la serenità, la moderazione, la compostezza, l'equilibrio, l'ironia, che possono essere notate come indicatori dello stile tardo mozartiano, che si è sviluppato a partire dal 1787 e che può essere collegato al suo sviluppo personale e alle circostanze della sua vita, comprese le sue associazioni massoniche, la sua situazione professionale e finanziaria, e il suo matrimonio.

L'anno 1790 fu difficile e improduttivo: oltre a Così fan tutte, Mozart completò due dei quartetti "prussiani", arrangiando opere di Handel per l'esecuzione a casa di van Swieten (aveva analogamente arrangiato il Messia nel 1789), e scrisse il primo dei suoi due pezzi fantastici, in varie forme di preludio e fuga, per un organo meccanico (quest'imponente opera, in fa minore [K 594], è ora generalmente suonata su un organo normale). In autunno, ansioso di farsi notare negli ambienti di corte, si recò a Francoforte per l'incoronazione imperiale di Leopoldo II (Imperatore del Sacro Romano Impero), ma come musicista di corte e non personalmente. Il suo concerto, che comprendeva due concerti per pianoforte e forse una delle nuove sinfonie, era mal programmato, poco frequentato, e un fallimento finanziario. L'ansia per il denaro era un tema ricorrente nelle sue lettere a casa.

Ultimi momenti della sua vita

Il 1791 prometteva di essere un anno migliore per Mozart. La musica tornava a scorrere: per un evento di marzo il compositore completò un concerto per pianoforte e orchestra (K 595) iniziato qualche anno prima, ed eseguì numerosi balli per il Redoutensaal (le eleganti sale da ballo volute dell'Imperatrice Maria Teresa) e scrisse due nuovi quintetti d'archi, di cui quello in Re (K 593) è un lavoro di particolare raffinatezza e sottigliezza. In aprile si candidò con successo per il ruolo di assistente non retribuito dell'anziano Kapellmeister della Cattedrale di Santo Stefano, Leopold Hofmann (con l'aspettativa di essere debitamente nominato suo successore, ma Hofmann sarebbe vissuto fino al 1793).

Un vecchio amico di Mozart, Emanuel Schikaneder, nel 1789 aveva fondato una compagnia per eseguire dei singspiels (un genere operistico in voga tra il XVIII e il XIX secolo, sorto e sviluppatosi in area tedesco-austriaca, letteralmente "recita cantata") in un teatro di periferia, e nel 1791 ingaggiò Mozart per comporre una partitura per il suo Die Zauberflöte il capolavoro del Flauto Magico (suo ultimo lavoro finito); Mozart ci lavorò durante la primavera e l'inizio dell'estate. Poi ricevette un'altra commissione, consegnata in forma anonima, per un requiem, da comporre in condizioni di segretezza. Inoltre fu invitato, probabilmente in luglio, a scrivere l'opera da dare durante i festeggiamenti per l'incoronazione di Leopoldo II a settembre.

Constanze era via per una cura a Baden durante gran parte dell'estate e dell'autunno; a luglio diede alla luce il loro sesto figlio, uno dei due sopravvissuti (Carl Thomas, 1784-1858, e Franz Xaver Wolfgang, 1791-1844, compositore e pianista). Le lettere di Mozart a lei indirizzate mostrano che il compositore lavorò prima al Flauto Magino, anche se deve aver scritto parte dell'opera praghese, La clemenza di Tito, prima di partire per la capitale boema verso la fine di agosto.

La pressione del lavoro, tuttavia, fu tale che portò con sé a Praga, insieme a Constanze, il suo allievo Franz Xaver Süssmayr, che quasi certamente compose i recitativi semplici per la nuova opera. L'opera stessa, su un vecchio libretto di Pietro Metastasio, condensato e integrato dal poeta di corte di Dresda Caterino Mazzolà, è stata a lungo liquidata come un prodotto della fretta e di una commissione intrapresa controvoglia; ma in realtà la partitura di ricambio, le arie brevi e lo stile generalmente sobrio sono meglio compresi in termini di reazione di Mozart al pensiero neoclassico dell'epoca e alle note preferenze di Leopoldo II. L'opera fu accolta senza clamore dalla corte, ma conquistò rapidamente il pubblico di Praga e divenne una delle opere più ammirate di Mozart nei decenni successivi.

Mozart tornò a Vienna a metà settembre; il suo concerto per clarinetto fu terminato il 29 settembre, e il giorno dopo ebbe la sua prima esecuzione del Flauto Magino. Anche in questo caso le prime reazioni furono caute, ma ben presto l'opera divenne la più amata di tutte le opere di Mozart per il palcoscenico. Schikaneder ne aveva tratto la trama da una raccolta di fiabe di Christoph Martin Wieland, ma attinse anche ad altre fonti letterarie e dal pensiero corrente sulla Massoneria - tutte viste nel contesto del teatro popolare viennese. Musicalmente si distingue dai "singspiels" contemporanei non solo per la qualità della sua musica, ma anche per le idee serie che si trovano al di sotto di quella che può sembrare solo una pantomima infantile o una commedia bassa, saldando insieme gli elementi stilisticamente diversi.

Mozart era stato malato durante le settimane trascorse a Praga, ma a giudicare dalle sue lettere a Constanze in ottobre era di buon umore e più ottimista sul futuro. Scrisse una cantata massonica per la sua loggia e ne diresse una rappresentazione il 18 novembre. Lavorava inoltre con costanza al requiem commissionato. Più tardi, dal 20 novembre del 1791, si ammalò e rimase confinato a letto. Dopo quel giorno cominciò a sudare, ad avere la febbre e vomitare. Due settimane dopo, il 5 dicembre morì, Mozart morì nella sua casa viennese, a 36 anni non ancora compiuti. Il certificato di morte riporta la dicitura "grave febbre miliare acuta", sintomo generico che potrebbe essere ricondotto a un’enormità di cause. Anche le attestazioni mediche dirette sono confuse e interpretabili in molte direzioni, perciò bisogna fare riferimento alle testimonianze che le due donne di casa Mozart, la moglie Costanze e la sorella Sophie, dettero diversi anni dopo.

Sono state proposte altre diagnosi, tenendo conto della storia medica di Mozart, tra cui la sindrome di Schönlein-Henoch (una vasculite sistemica). Non ci sono prove a sostegno della tesi che sia stato avvelenato da Salieri (un collega e amico, difficilmente un vero rivale) o da chiunque altro. Fu sepolto in una tomba multipla, standard all'epoca a Vienna per una persona della sua situazione sociale e finanziaria; al funerale partecipò un piccolo gruppo di amici.

La storia di Mozart che avrebbe avuto un funerale povero sarebbe per alcuni del tutto inventata. In realtà, funerali come il suo erano la regola per i borghesi di quel tempo e ci fu per il compositore un servizio molto costoso celebrato in sua memoria nella Michaelerkirche, dove fu eseguito il suo "Requiem". A pagare questo servizio fu Emmanuel Schikaneder, il librettista del "Flauto magico".

Constanze Mozart era ansiosa di far completare il Requiem, in quanto era dovuto un compenso; era stato commissionato, in memoria della moglie, dal conte von Walsegg-Stuppach per farlo spacciarlo per suo. Lo consegnò prima a Joseph Eybler, che fornì una certa orchestrazione ma era riluttante a fare di più, e poi a Süssmayr, che ne produsse una versione completa, scrivendo lui stesso diversi movimenti, anche se forse basandosi su schizzi o istruzioni di Mozart. Soggetto a critiche per le sue enormi debolezze tecniche ed espressive (particolarmente evidente nel "Sanctus/Benedictus"), questa è rimasta comunque la versione standard dell'opera, se non altro per la sua familiarità. La cupa grandezza dell'opera, con la sua sobria colorazione strumentale e la sua nobile scrittura corale, fa tristemente solo immaginare a cosa sarebbe potuto essere il lavoro di Mozart come Kapellmeisteria della Cattedrale di Santo Stefano.

Il catalogo mozartiano compilato nel 1862 da Ludwig Koghel (la cui iniziale K si trova davanti al numero d'opera) consta di 626 numeri d'opera, e spazia su tutti i generi musicali: dalla musica da camera alla sinfonia, al concerto per strumento solista, dalla musica sacra all'opera.

 

Eredità artistica

All'epoca della sua morte Mozart era considerato da tutti non solo il più grande compositore dell'epoca, ma anche un compositore audace e "difficile"; soprattutto Don Giovanni era considerato complesso e dissonante, e la sua musica da camera richiedeva una grande abilità negli interpreti. I suoi manoscritti superstiti, che comprendevano molte opere inedite, furono per lo più venduti da Constanze alla ditta di André di Offenbach, che ne pubblicò edizioni nel corso del XIX secolo. Ma la fama di Mozart era tale che già prima della fine del XVIII secolo due altre editori avevano intrapreso una notevole raccolta di edizioni della sua musica. Importanti biografie apparvero nel 1798 e nel 1828, quest'ultima del secondo marito di Constanze; la prima biografia scientifica, di Otto Jahn, fu pubblicata nel 1856 in occasione del centenario di Mozart. Sei anni dopo seguì la prima edizione del catalogo Köchel e nel 1877 iniziò la prima edizione completa della sua musica.

Le opere più durature del repertorio del XIX secolo sono state le tre opere meno suscettibili di cambiare il gusto del pubblico - Le nozze di Figaro, Don Giovanni e Il Flauto magico - e le opere orchestrali più vicine allo spirito dell'epoca romantica - i concerti per pianoforte e orchestra in chiave minore (Beethoven scrisse una serie di cadenze per quella in re minore) e le ultime tre sinfonie.

Solo nel XX secolo la musica di Mozart ha cominciato a essere riesaminata in modo più ampio. Anche se fino alla metà del secolo Mozart era ancora considerato ampiamente superato sotto molti aspetti da Beethoven, con l'accresciuta prospettiva storica del secolo successivo, venne visto come un artista di una formidabile, anzi forse ineguagliabile, gamma espressiva. L'immagine tradizionale del bambino prodigio si trasformò in un raffinato compositore da salotto, che poteva miracolosamente concepire un'intera opera nella sua testa prima di metterla su carta (sempre una distorsione della verità), lasciò il posto all'immagine dell'artista creativo serio e scrupoloso, con un acuto intuito umano, la cui complessa psicologia richiedeva un'esplorazione da parte di scrittori, storici e studiosi. L'opera teatrale Amadeus del 1980 (scritta da Peter Shaffer) e soprattutto la sua versione cinematografica del 1984 (diretta da Miloš Forman), pur avendo fatto molto per promuovere l'interesse per Mozart, hanno rafforzato alcuni miti, tra i quali che anche da adulto Mozart rimase un un giovane prodigio della musica dall'ispirazione divina e non un appassionato lavoratore instancabile della sua arte.

 

Vedere anche:

Stimolare l'intelligenza con Mozart: un brano per ogni età

Mozart a Vienna  

 

Ci sono biografie su Mozart per tutti i gusti e per tutte le tasche, che ormai si possono ordinare online oggi per vedersele recapitare domani, di seguito alcuni esempi:

 

Biografie su Mozart

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazioni interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ci offri una pizza :) ), così ci aiuterai ad andare avanti per quanto possiamo e a scrivere e offrire la prossima guida gratuitamente.:  Paypal

 

Torna su

Ostelli Salisburgo    Ostelli Vienna   Ostelli Austria    Hotel Salisburgo

Carte de Salzburg     Karte von Salzburg    Mapa Salzburgo  Map of Salzburg

Carte de la Autriche    Karte von Österreich   Mapa Austria   Map of Austria

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal