Storia di Colonia

Advertisement

Storia di Colonia

Le radici di Colonia cominciano quasi 2000 anni fa, quando la città era ancora nelle mani dei Romani ed era chiamata "Colonia Claudia Ara Aggrippinensium". Questo la rende una delle città più antiche della Germania insieme a Treviri e poche altre. La sua storia ha reso quindi Colonia quella che è oggi, nel bene e nel male, una metropoli vitale dall'atmosfera unica che i tedeschi e i visitatori apprezzano e raccomandano.

Advertisement

Colonia - Antica RomaI Romani fondarono il villaggio di Ubi sul Reno nel 50 d.C e la chiamarono "Colonia". I governatori imperiali di Roma risiedevano qui e presto la città crebbe come uno dei più importanti centri commerciali e di produttivi dell'Impero Romano a nord delle Alpi. Gli antichi abitanti hanno lasciato molte tracce della loro cultura nel centro della città (vedi Museo Romano-Germanico in Cosa vedere a Colonia). Nell'80 d.C i romani costruirono un acquedotto, l'acquedotto Eifel, uno dei più lunghi dell'Impero romano, con una portata di 20 000 m³ di acqua al giorno. Dieci anni dopo la colonia divenne la capitale della provincia romana della Germania inferiore, raggiungendo una popolazione di 45 000 abitanti. Quello fu l'apice dello splendore della Colonia romana. Un paio di secoli più tardi infatti, nel III secolo la città aveva appena 20 000 abitanti. Nel 260 il generale romano ribelle Postumo fece di Colonia la capitale del suo Impero delle Gallie, che includeva  la Gallia, la Hispania, Germania e Britannia insediando in città un proprio senato, con consoli e la sua guardia pretoriana.; lo stato fondato da Postumo durò, però, solo quattordici anni. Nel 310 l'imperatore Costantino I fece costruire un ponte sul Reno, difeso da un forte posto sull'altra sponda e noto come castellum Divitiae (il moderno sobborgo di Deutz). Nel 355 la città fu assediata dagli Alemanni per 10 mesi: catturata, fu ripresa alcuni mesi dopo dal futuro imperatore Giuliano.

Dopo il tumultuoso periodo di transizione, seguito alla caduta di Roma, la divenne la prima capitale di un regno franco, poi incorporata nel regno dei Merovingi da Clodoveo I all'inizio del VI secolo. Verso la fine dell'epoca merovingia Colonia divenne anche una residenza reale.

Nel 785, Colonia, diventò sede di un arcivescovado per volere di Carlo Magno. Gli arcivescovi di Colonia, che erano tra i più potenti feudatari del loro tempo, erano Cancellieri per la parte dell'impero in Italia (XI secolo) e più tardi principi elettori dello stesso  (XIV secolo). A partire dall'epoca carolingia è attestata con certezza l'importanza di primo rango a livello imperiale dell'arcivescovo di Colonia. Testimonianza ne fu nel 1164 l'arcivescovo Rainald von Dassel che si appropriò delle reliquie dei tre magi, che fino ad allora si trovavano a Milano. La città era così importante che le mura che furono costruite nel  1180 erano più grandi di quelle fatte costruire da Filippo II di Francia a Parigi. Per secoli rimase la più grande città in Germania. Dal XII secolo Colonia fu definita "Sancta", al pari solo di Gerusalemme, Costantinopoli e Roma. Anche per questo prestigio nel 1248 fu posata la prima pietra di quello che sarebbe diventato il   Duomo di Colonia. Ben presto la città divenne città imperiale ed immediata, cioè indipendente e solamente soggetta all'alta potestà dell'imperatore, mentre il suo arcivescovo avendo costituito un principato elettorale nell'ambito dell'Arcidiocesi di Colonia, pose la propria sede a Bonn non potendo soggiornare in città per più di tre giorni senza il permesso del Magistrato cittadino. Nel 1349, la notte del 23/24 agosto, avvenne il pogrom della notte di San Bartolomeo. Nel 1424 fu proclamata la espulsione di tutti gli ebrei dalla città; bando che dette inizio alla diaspora degli ebrei verso l'est europeo.

Per tutto il medioevo, Colonia è stata la più densamente popolata e una delle città più prospere della regione di lingua tedesca - in particolare per merito dei pellegrini verso il duomo e dei benefici commerciali che la recente introduzione del Stapelrecht, o diritto di scarico, portò alla città. Lo Stapelrecht era un diritto di dazio che imponeva a chi voleva commerciare con la città e passare il fiume, doveva necessariamente fermarsi tre giorni prima di ripartire. Il ruolo principale della città all'interno della Lega Anseatica e il primo sviluppo del business fieristico anche portò a un'ulteriore influenza e prosperità.

Come abbiamo vista 1288, i cittadini Colonia assunsero il potere politico dopo la vittoria militare sull'arcivescovo e città governanti, aprendo la strada per la successiva istituzione della città come una città imperiale libera (1475). Nel 1388, i cittadini di Colonia fondarono la prima università della città in Europa, ed è oggi una delle più grandi università in Germania con oltre 44.000 studenti.

Fino al Medioevo, Colonia è stata uno dei centri commerciali più importanti d'Europa. Tuttavia, la sua ottima posizione economica e politica subì un duro colpo dopo la scoperta dell'America con l'introduzione di nuovi sistemi economici e canali commerciali. La perdita della sua influenza duro fino al XIX secolo.

 

Nel 1708 il giovane profumiere di origine piemontese Giovanni Maria Farina inventa la celeberrima Acqua di Colonia (vedere l'articolo  Museo del Profumo a Colonia e Casa 4711 )


Nel 1881 iniziarono i lavori per demolire le possenti mura della città. Questo consentì, per la prima volta dal medioevo di estendere i confini cittadini. Con la rivoluzione industriale e l'assorbimento di gran parte della zona circostante, Colonia è diventata a tutti gli effetti una moderna città industriale.

Durante la seconda guerra mondiale, circa il 90 per cento della città fu distrutta dai bombardamenti alleati. Entro la fine della guerra, solo circa 40.000 persone vivevano entro o confini della città. La distruzione era talmente intensa che si penso anche di abbandonare completamente la città vecchia e ricostruire la città più in la.  Propositi iniziali che tuttavia vennero velocemente abbandonati con i lavori per la ricostruzione del centro storico che cominciarono nel 1947 per ricostruire. L'architettura del dopoguerra caratterizza ancora il volto di Colonia oggi. La metropoli del Reno è oggi la quarta città tedesca e una delle destinazioni turistiche più importanti in Germania e in Europa.

I musei di Colonia sono considerati tra i migliori al mondo e hanno un fascino enorme per il turismo culturale e la città nel corso degli anni è diventata sempre più popolare come catalizzatore di eventi con circa 55 fiere internazionali e più di due milioni di visitatori.

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazioni interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ce ne offri due), così ci aiuterai a scrivere la prossima guida:  Paypal

Dove si trova?

 

Torna su

 

 

Ostelli Colonia   Ostelli Germania  Hotel Germania   Hotel Colonia

Carte d'Allemagne Karte von Deutschland  Mapa  Alemania   Map of Germany

Carte Cologne karte von Köln Mapa Colonia   Map of Cologne

Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal