Arcos de la Frontera

Advertisement

VISITARE ARCOS DE LA FRONTERA  INFORMAZIONI E GUIDA

 

A circa 86 km a sud di Siviglia troviamo uno dei villaggi più belli dell'Andalusia dichiarato monumento nazionale storico-artistico nel 1962 per l'eccezionale architettura: Arcos de la Frontera, municipalità che per la precisione appartiene alla provincia di Cadice e al territorio della  Sierra de Cádiz comarca, sviluppatosi sulle sponde del fiume Guadalete, che scorre intorno a tre lati della città. É uno dei più rappresentativi dei villaggi bianchi dell'Andalusia (pueblos blancos, così chiamati localmente), una serie di villaggi caratterizzati da case dipinte in calce allo scopo di resistere meglio al calore dell'estate andalusa.

Advertisement

Arcors de la FronteraIl villaggio si erge in cima ad un costone calcareo di arenaria, panoramico sull'intera vallata e con vista sul picco di San Cristóbal. Il punto di osservazione più panoramico è il 'Mirador de la Peña', a 150 metri di altezza. Le case imbiancate a calce e le mura in pietra del castello sembrano quasi tuffarsi a picco nel fertile letto del fiume, che abbonda di uliveti e aranceti e dove è possibile intravedere il Lago de Arcos (bene frequentato in estate dai residenti locali), di cui è parte il Cola del Embalse de Arcos.

Arcos ha avuto una lunga storia di invasioni e domini, dimostrata dal rinvenimento di numerosi reperti archeologici risalenti al periodo preistorico, Fenicio e Romano, tutti attratti dalla naturale posizione difensiva e dalla fertilità dei terreni circostanti. Il periodo di maggiore sviluppo è quello dei Mori (divenne un taifa moresca indipendente nel 1011 durante la decadenza dell'allora vicino califfato di Córdoba). La cittadina – che ha 28.000 residenti – si divide territorialmente in due sezioni, la parte bassa è la più recente e sta alle pendici della costone roccioso, la parte più antica si raggiunge invece seguendo la collina di Cuesta Belén. Qua su, attraversando le pittoresche stradine, si possono ammirare le varie Plaza de Cabildo (il punto panoramico migliore è sul lato sud della piazza), Calle Cuna e Calle Maldonaldo, fiancheggiate da eleganti palazzi aristocatici del Settecento e caratterizzati dalle tipiche  rejas in ferro battuto nelle finestre, e Plaza Botica, una piazza dove si può mangiare all'aperto, a sua volta affiancata dal Convento de las Mercedarias Descalzas e il Convento de los Jesuitas. La località è un ottimo punto di ristoro ed è consigliata per gli ottimi bar di tapas della città vecchia, ma vale la visita soprattutto per i siti architettonici, di sicuro rilievo storico-artistico.

Tra i monumenti storici di Arcos de la Frontera, consigliamo i seguenti:

  • Il castello di Arcos dela Frontera (Castillo de Arcos), del XI secolo, moresco di origine e riconvertito nel XV secolo (purtroppo è privato e non risulta sempre aperto al pubblico);

  • la Basilica minore di Santa María de la Asunción (monumento nazionale) eretta sopra le fondamenta di un tempio visigoto e una successiva moschea, si presenta con un mix di stili che vanno dal gotico-plateresco al rinascimentale e barocco;

  • la Iglesia de la Caridad (costruita tra il XVI e il XVII secolo);

  • la Iglesia de San Pedro (XV-XVII secolo), imponente svetta sull'intero borgo, venne infatti costruita sulle fondamenta di una fortezza del XIV secolo e con diversi stili architettonici (gotico, rinascimentale e barocco);

  • la Iglesia de San Agustín, fondata nel 1539 come Convento di San Juan de Letrán;

  • la Iglesia de San Miguel, in passato una fortezza moresca e poi trasformata nel XV secolo in un eremo (attualmente è un centro culturale); la Iglesia de San Francisco (XVI - XVII secolo); Convento de la Encarnación (XVI secolo) in stile gotico-plateresco;

  • la Cappella de la Misericordia (fondata nel 1490, per ospitare i bambini abbandonati e ospedale per le donne), attualmente sala culturale;

  • Convento de las Mercedarias Descalzas (anno 1642), il solo convento di clausura e noto per la produzione di dolciumi; Ospedale di San Juan de Dios (XVI secolo), precedentemente chiamato Ospedale di San Sebastián, affiancato da un eremo;

  • Palacio de los Condes del ?guila (XV secolo), in stile tardo gotico-mudéjar; Palacio del Mayorazgo (XVII secolo), in stile Herreriano;

  • Asilo de la Caridad (tardo XVI secolo); Edificio del Pósito (ex edificio del granaio nel XVIII secolo e oggi un centro benessere) con una facciata in pietra del 1738;

  • la Casa natale del poeta Julio Mariscal; l'Ayuntamiento Viejo (ex municipio), con un portale in pietra del XVII secolo;

  • i resti delle muralas di Arcors de la Frontera, di origine romana e moresca, visibile nella zona alta della città, nella parte tra la Torre de la Esquina e San Antón, e la Puerta de Matrera, rimasta ancora in piedi; la pittoresca Calle Nueva, un antico tratto di strada decorata e con un piccolo bar caratteristico;

  • il vicolo Callejón de las Monjas e i resti di un antico altare romano. L'intero territorio è inoltre caratterizzato dai cosiddetti 'cortijo', delle fattorie, di tipo tradizionale frequentemente adibite ad agriturismo.

Arcos de la Frontera è anche nota per alcune festività della tradizione territoriale, tipicamente andaluse.

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa guida vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

Dove si trova?

 

 

Torna su

 

Ostelli Arcos de la Frontera   Ostelli Spagna   Hotel a Arcos de la Frontera   Hotel Spagna

Carte Arcos de la Frontera    Karte von Arcos de la Frontera Mapa Arcos de la Frontera    Map of Arcos de la Frontera

Carte d'Espagne  Karte von Spanien     Mapa de España    Map of Spain

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal