Il Conservatorio di Milano

Advertisement
Sei qui: Università italiane > Università a Milano >

Il Conservatorio di Milano

 

Il Conservatorio di Milano, la cui fondazione risale al 1808 durante il Regno d'Italia creato da Napoleone, ha sempre occupato in quasi due secoli di storia l'ex-Collegiata di Santa Maria della Passione. L'edificio presenta una pianta rettangolare e inizialmente possedeva un solo chiostro, cinquecentesco, al quale venne aggiunto un secondo chiostro il cui completamento avvenne nel 1608. L'edificio non subì modifiche sostanziali durante i mutamenti di utilizzo, né quando l'ordine dei Lateranensi che lo abitava fu soppresso nel 1782 per ordine dell'Imperatore Giuseppe II e la Collegiata venne secolarizzata, né quando nel 1799 divenne un ospedale per le truppe e poi magazzino militare.

Advertisement

 

Fra il 1808 e il 1850 il Conservatorio adottò una struttura mista, nella quale agli ospiti del convitto interno si affiancavano gli allievi esterni. Gli alloggi, i refettori e le camerate del convitto erano situati nel primo chiostro, quello interno, mentre nel secondo vi erano le aule e la biblioteca. A partire dal 1850 il convitto venne progressivamente abolito e gli spazi furono ridefiniti. Nel 1861, con l'Unità d'Italia, presero avvio grandi trasformazioni che si manifestarono in particolare con l'introduzione in piena autonomia di nuovi programmi e di nuovi ordinamenti e con il rafforzamento delle attività collettive, quali l'orchestra e il coro. Negli stessi anni docenti e allievi (tra cui Arrigo Boito) parteciparono da protagonisti alla cosiddetta Scapigliatura milanese. Il Conservatorio divenne anche, dal 1864, la sede dei primi esperimenti della Società del Quartetto e si intensificò il rapporto con la Scala e si costituirono e rafforzarono una serie di legami con il tessuto di una città ricca di teatri e di sale da concerto, sede di grandi editori musicali, quali Ricordi e Sonzogno.

 

Sono anche gli anni in cui sono allievi del Conservatorio Boito, Catalani, Puccini e Mascagni e vi insegna Ponchielli. Nel 1908 venne rinnovata la precedente unica sala di concerto e gliene venne affiancata una nuova e più ampia, la Sala Grande, ottenuta con la copertura del chiostro cinquecentesco. Questa sala fu distrutta dal bombardamento del 16 agosto 1943, che incendiò e distrusse tutto il lato sud dell'edificio, ivi compresa la Sala Piccola. Rimase intatto, invece, il chiostro secentesco. La ricostruzione avvenne secondo scelte innovative, soprattutto riguardo alla Sala Grande (oggi Verdi), ridisegnata dall'architetto Reggiori con un progetto che ancora oggi desta interesse e ammirazione.

 

Nell'edificio ricostruito ebbero sede l'Orchestra e il Coro della RAI di Milano, fino al loro scioglimento nella prima metà degli anni novanta. A partire dagli anni sessanta si dovette fare i conti, in una situazione di carenza di spazi, con un fortissimo incremento del numero degli allievi e dei professori. Il Conservatorio cominciò allora a rinnovare i piani di studio e i programmi attraverso la cosiddetta sperimentazione e creando una serie di attività che mettevano gli studenti in contatto con il mondo della professione musicale. Si arriva così, il 4 ottobre 2003, alla convalida ministeriale dei nuovi diplomi accademici di primo livello (equiparati alla laurea) al termine di corsi triennali, nonché all'avvio, il 7 gennaio 2004, dei corsi specialistici biennali per il diploma accademico di secondo livello (equiparato alla laurea specialistica). L'attività didattica si avvale di strutture artistiche, quali il Coro di voci bianche del Conservatorio e del Teatro alla Scala, l'Orchestra Filarmonica, molteplici formazioni cameristiche, gruppi per la musica antica, per la musica contemporanea e per il jazz e così via. È operante anche un Laboratorio per l'informatica musicale. Il Conservatorio, infine, possiede una straordinaria Biblioteca musicale, istituita nel 1809 e oggi ricca di 500.000 volumi, tra cui fondi di manoscritti e di edizioni antiche, nonché un Museo di strumenti, fondato nel 1898, che ospita alcuni preziosi esemplari.

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazioni interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ce ne offri due), così ci aiuterai a scrivere la prossima guida:  Paypal

 

Dove si trova?

 

 

Torna su

 

Ostelli Milano   Ostelli Italia  Auberges de Jeunesse Italie   Hotel Milano

Carte Milan Karte von Mailand  Mapa Milano Map of Milan

Carte de la Lombardie     Karte von Lombardei    Mapa Lombardía   Map of Lombardy

Carte d'Italie Karte von Italien Mapa Italia      Map of Italy

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal