Milan Kundera

Advertisement

Vita di Milan Kundera - Biografia e opere

 

Milan Kundera nato il 1° aprile 1929, Brno, nell'allora Cecoslovacchia (ora nella Repubblica Ceca), è romanziere ceco, scrittore di racconti brevi, drammaturgo, saggista e poeta, le cui opere combinano la commedia erotica con la critica politica e la speculazione filosofica. Spettatore e poi attivo protagonista di quell'epoca di speranze e fermenti che fu la "primavera di Praga" subì la"normalizzazione" seguita all'occupazione sovietica che lo spinse a emigrare e trovare una nuova patria in Francia.

 

Advertisement

 

Figlio di un noto pianista e musicologo concertista, Ludvik Kundera, il giovane Kundera studiò musica ma gradualmente si rivolse alla scrittura, e iniziò a insegnare letteratura all'Accademia di Musica e Arti Drammatiche di Praga nel 1952.  Ha pubblicato diverse raccolte di poesie negli anni '50, tra cui Poslední máj (1955; "Lo scorso maggio"), un omaggio al leader della resistenza comunista Julius Fučík, e Monology (1957; "Monologhi"), un volume di poesie d'amore che, a causa del loro tono ironico ed erotico, sono state poi condannati dalle autorità politiche ceche. Durante la prima parte della sua carriera si trasferì dentro e fuori dal Partito Comunista: vi entrò nel 1948, venne espulso nel 1950, venne riammesso nel 1956 e ne rimase membro fino al 1970. Secondo un articolo pubblicato nel 2008 su una rivista ceca, Kundera nel 1950, dopo la sua espulsione dal partito, informò la polizia di Praga della presenza di un agente dei servizi segreti occidentali, che venne poi arrestato e imprigionato per 14 anni. Kundera ha sempre negato le affermazioni dell'articolo, che si basavano su un ritrovamento di un ricercatore di un rapporto di polizia sull'arresto.
 

Diversi volumi di racconti brevi e un atto unico di grande successo, Majitelé klíčů (1962; "I proprietari delle chiavi"), sono stati seguiti dal suo primo romanzo e da una delle sue più grandi opere, Žert (1967; Lo scherzo), una visione comica e ironica della vita privata e dei destini di vari cechi durante gli anni dello stalinismo; tradotto in diverse lingue, ha ottenuto un grande successo internazionale. Il suo secondo romanzo, Život je jinde (1969; La vita è altrove), su un eroe sfortunato e dalla mentalità romantica che abbraccia a fondo l'occupazione comunista del 1948, è stato vietato alla pubblicazione nell'allora Repubblica Ceca. Kundera aveva partecipato alla breve ma inebriante liberalizzazione della Cecoslovacchia nel 1967-68, e dopo l'occupazione sovietica del paese si rifiutò di ammettere i suoi errori politici e di conseguenza fu attaccato dalle autorità, che bandirono tutte le sue opere, lo licenziarono dalle sue posizioni di insegnante, e lo estromisero dal Partito Comunista.

 

L'alba del 21 agosto 1968 i cittadini di Praga sobbalzarono al sordo boato dei cingolati mandati lì dai "Paesi fratelli" dell'area di influenza sovietiva per soffocare la "controrivoluzione" innescata dalle speranza della "Primavera" di Alexander Dubcek. Autorizzati dai Paesi aderenti al Patto di Varsavia, seimila carri armati sovietici, ma anche bulgari, ungheresi, polacchi e tedesco-orientali (tranne quelli rumeni, perché Bucarest non partecipò all'invasione e perciò il despotacomunista Ceausescu venne considerato in Occidente addirittura un "innovatore" e un "riformatore") calpestarono le strade della Cecoslovacchia. Nel giro di poche ore Praga era in mano agli invasori. Dubcek fu catturato e portato in una località segreta, per essere torchiato dai partiti fratelli. I giovani praghesi scesero nelle piazze, si arrampicarono in lacrime sui carri armati per supplicare i loro coetanei di andarsene, di non farsi complici di un'immane ingiustizia. Dalle poche radio ancora libere di trasmettere, i rappresentati della "Primavera" in libertà sollecitarono i loro concittadini a non oltrepassare i confini di una "resistenza passiva" per evitare lo spargimento di sangue, le giornate terribili e cruente che, dodici anni prima, avevano provocato una carneficina a Budapest invasa sempre dai Paesi "fratelli" per prevenirne l'evoluzione democratica. Nonostante gli appelli alcuni giovani riuscirono ad incendiare alcuni carri armati lanciando fiammiferi nei serbatoi dei blindati. i praghesi con le bandiere cecoslovacche insanguinate e lacere gridavano slogan ostili. Risuonava ritmicamente il grido "Dubcek, Svoboda" (quest'ultimo era il segretario del Partito Comunista Cecoslovacco) per testimoniare la vicinanza con i dirigenti che avevano promosso l'esperimento, tragicamente fallito, di un socialismo dal volto umano. Fu il preludio della sconfitta e della normalizzazione.

Nel 1975 a Kundera fu permesso di emigrare (con la moglie Věra Hrabánková) dalla Cecoslovacchia per insegnare all'Università di Rennes (1975-78) in Francia; nel 1979 il governo ceco gli tolse la cittadinanza. Negli anni '70 e '80 i suoi romanzi, tra cui Valčík na rozloučenou (1976; Il Valzer degli addii), Kniha smíchu a zapomnění (1979; Il libro del riso e dell'oblio), e Nesnesitelná lehkost byytí (1984; L'Insostenibile leggerezza dell'essere), sono stati pubblicati in Francia e all'estero, ma fino al 1989 sono stati vietati nella sua patria. Il libro del riso e dell'oblio, una delle sue opere di maggior successo, è una serie di meditazioni spiritosamente ironiche sulla tendenza dello Stato moderno a negare e cancellare la memoria umana e la verità storica. Nesmrtelnost (1990; Immortalità) esplora la natura della creazione artistica.

 

Kundera ha iniziato a scrivere in francese con La Lenteur (1994; La Lentezza), seguita da L'Identité (1997; L'Identità), La ignorancia (2000; L'Ignoranza), un racconto di emigrati cechi scritti in francese ma pubblicati per la prima volta in spagnolo, e La fête de l'insignifiance (2013; La festa dell'insignificanza), su un gruppo di amici parigini.

Le riflessioni ad ampio raggio di Kundera appaiono in L'Art du Roman (1986; L'arte del romanzo), Les Testaments trahis (1993; I Testamenti Traditi), Le Rideau (2005; Il sipario) e Une Rencontre (2009; Incontro).

 

Kundera ha portato alle estreme conseguenze il suo tipico stile narrativo, che concilia una feroce leggerezza ironica con una dolorosa analisi della psicologia sociale e individuale, con personaggi dai destini incrociati tanto stravaganti quanto emblematici della realtà politica del suo paese origine e di un'epoca intera. Un gioco di equivoci, di coincidenze, di paradossi e, soprattutto, di addii.

 

L'Instonibile Leggerezza dell'Essere

 

L'Insostenibile leggerezza dell'essereL'Insostenibile leggerezza dell'Essere, venne pubblicato per la prima volta nel 1984 in una traduzione inglese e in una traduzione francese con il titolo L'Insoutenable Légèreté de l'être. Nel 1985 l'opera è stata pubblicata nel ceco originale con il nome di Nesnesitelná lehkost byytí, ma è stata vietata in Cecoslovacchia fino al 1989.

 

Si tratta di un romanzo sull'esilio e la persecuzione nell'ex Cecoslovacchia, scritto da un uomo che sapeva molto di entrambe le condizioni. La storia è ambientata sullo sfondo della Primavera di Praga del giugno 1968, l'invasione sovietica del paese che seguì nel mese di agosto, e le conseguenze della repressione sulla liberalizzazione. Il racconto inizia con una nota filosofica, discutendo il concetto di "ritorno eterno" di Friedrich Nietzsche. Se, come credeva Nietzsche, tutto nella vita accade un numero infinito di volte, allora la vita personale perde il suo "peso" e il suo significato, perché è vissuta una sola volta. Da qui la "insopportabile leggerezza dell'essere".

Il romanzo ruota attorno a Tomas, chirurgo e donnaiolo seriale di 40 anni che abbraccia la "leggerezza". Egli è volutamente libero da ogni pesantezza, rifuggendo da etichette e ideali, e non vede malvagità nelle sue vicende adultere, giustificando la sua infedeltà fisica (sesso puro) sulla base della sua fedeltà emotiva (il suo amore per la moglie). La sua amante, Sabina, l'artista dallo spirito libero la cui ossessione sessuale rivaleggia con quella di Tomas, porta la leggerezza all'estremo. D'altra parte, la moglie di Tomas, Tereza, è una persona pesante che si è donata, anima e corpo, al marito; il suo amore è un dimagrimento vincolante, non cattivo, solo pesante. Ha anche ferventi ideali politici, mentre Tomas è tenuto a freno da nessuno.

 

Mentre le loro tre vite si scontrano, la vitalità della leggerezza è messa in discussione. Qual è la nostra responsabilità verso noi stessi, verso gli altri? Quando i carri armati sovietici entrano per schiacciare la primavera di Praga, Tomas e Tereza fuggono in Svizzera. Ma Tereza decide di tornare, lasciando Tomas a fare una scelta. Accetta la pesantezza e la segue in certe persecuzioni, senza voler essere pedina né dei comunisti né degli insorti.

E' insopportabile, che ogni scelta possa essere fatta solo una volta con un possibile risultato, e che non si possa mai sapere quali altre scelte sarebbero state compiute. Un romanzo che, non è tanto politico quanto sul primato della libertà personale, è una celebrazione agrodolce dell'individuo.

 

 

Torna su

 

 

Ostelli Praga   Ostelli Repubblica Ceca   Hotel Praga   Hotel Repubblica Ceca

Carte de Prague  Karte von Prag Mapa Praga   Map of Prague

Carte de la  republique tchèque     Karte Tschechisches Republic     Mapa República Checa   Map of the Czech Republic

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal