Museo Vasa a Stoccolma

Advertisement

Museo Vasa a Stoccolma

 

Sono forti i ricordi di una Stoccolma ancora giovane, quando nel 1628 la città non aveva neanche tre secoli di vita. All'epoca, solo il Gamla Stan, l'attuale centro storico, iniziava ad urbanizzarsi, mentre le isole vicine, come l'isola di Djurgården, erano adibite ad aree per la caccia reale (Djurgården significa infatti 'parco degli animali'). Questa stessa isola, oggi, è tra i luoghi più popolari della città, inserita nel parco nazionale urbano di Ekoparken. Una zona ricchissima di giardini, ristoranti e musei, tra cui due tra i più famosi della Scandinavia: uno è il Vasamuseet, di cui andiamo a parlare nelle righe che seguono, l'altro è il Museo Skansen, che rimandiamo ad altra lettura.

Advertisement

Museo VasaIl Museo Vasa (Vasamuseet) è situato nella parte meridionale dell'isola di Djurgården; una area praticamente pedonale, visto che in estate le automobili private non sono ammesse. Il museo prende il nome dall'antico veliero della marina reale svedese custodito al suo interno sin dal 1990 e affondato durante il viaggio inaugurale nel 1628. Dopo anni di ricerche, la nave venne recuperata nel 1960 ed è oggi una delle attrazioni più popolari di Stoccolma. Bastarono solo 20 minuti affinché il bel veliero di Gustavo II Alfonso, si inclinasse una volta lasciata la banchina del Palazzo Reale. Era una bella e solare domenica del 10 agosto 1628 e così rimase per tre lunghi secoli, immerso nel fango e sotto le acque salmastre del porto di Stoccolma, fino a quando non fu recuperato grazie alle ricerche di Anders Franén, un archeologo dilettante. La costruzione del vascello venne commissionata dallo stesso re Gustavo, come il primo di una potente flotta che avrebbe conquistato il controllo del Baltico; il compito venne affidato all'abile lavoro dei cantieri di Henrik Hybertsson, nell'area dove oggi ha sede il quartiere di Blasieholmen di Stoccolma.

Museo Vasa - RestauroIl Vasa era la più grande nave da guerra del suo tempo. Aveva 10 vele, poteva ospitare 64 cannoni, un equipaggio di 145 e trasportare 300 soldati. Aveva una lunghezza di circa 69 metri e l'albero maestro era alto più di 52 metri. Ciò che rendeva e rende oggi la nave davvero impressionante è la ricca decorazione: 500 sculture e 200 ornamenti elaborati dagli artigiani più abili, svedesi ma anche olandesi e tedeschi. Il tutto completato in quasi tre anni di duro lavoro, con l'uso di materiali pregiati come il legno di quercia. Tre anni andati perduti in soli 20 minuti. Quella domenica il Vasa lasciava la banchina per andare a prelevare i 300 soldati dalla base di Älvsnabben, ma non raggiunse mai la sua destinazione. Tanto si era aspettato il fatidico giorno, che fu enorme non solo la delusione ma la tragedia che ne seguì: solo quattro delle dieci vele fecero in tempo ad innalzarsi, che la nave iniziò ad inclinarsi da una parte a soli 1.300 metri dalla partenza; affondando portò dietro con se anche 30 persone, delle 150 a bordo. Le ragioni dell'affondamento del Vasa non furono mai stabilite, si pensa tuttavia possa essere stato causato all'effettiva stazza della nave, troppo pesante e troppo grande per reggere le proporzioni e i materiali usati nella costruzione.

Museo VasaNel corso del tempo la posizione esatta del veliero andò perduta; fino a quando il 25 agosto del 1956, dopo anni di ricerche presso gli archivi storici, Anders Franén decise di effettuare una effettiva perlustrazione dell'area con l'amico subacqueo Per Edvin Fälting. Nello stesso giorno fu rinvenuto un pezzo di legno in rovere, annerito e impregnato d'acqua. Apparteneva al veliero del XVI secolo, il Regalskeppet Vasa. Il recupero dell'enorme imbarcazione, che giaceva a 32 metri di profondità, venne programmato attraverso una complicata e lunga operazione di salvataggio (vennero creati dei tunnel appositi, lungo i quali vennero distribuiti i cavi in acciaio per il sollevamento). Il salvataggio durò dapprima fino all'agosto del 1959 e ulteriormente al 24 aprile del 1961, fino all'affioramento in superficie. Grazie al basso livello di sale nell'acqua, il vascello risultò molto ben conservato. Da subito apparve tuttavia visibile la necessaria mole di restauro a cui dovete essere sottoposta la struttura.

Museo VasaUna volta terminate le operazioni di salvataggio (passaggio interessante e ben presentato in una sezione del museo appositamente dedicata), ebbe inizio il lungo processo di restaurazione della nave. Venne creato il cantiere navale Vasa e aperto come un museo provvisorio. I tecnici ebbero a che fare con un enorme puzzle, ogni singolo pezzo necessitava essere rimontato e prima di allora nessuno poteva effettivamente immaginare la composizione delle antiche navi da guerra, e nessuno aveva mai avuto da che lavorare direttamente su resti realmente esistenti. I lavori per la ricostruzione iniziarono alla fine del 1960, dietro l'attenta direzione della curatrice Eva Marie Stolt, che iniziò a determinare la fisionomia della nave nel 1628. Ancora oggi è così possibile ammirare il lavoro originario dei mastri carpentieri, sapientemente ricostruito in ogni minimo dettaglio oltre tre secoli dopo. Si apprezzano in particolare le decorazioni della prua della nave (il grande leone, dedicato a re Gustavo II Alfonso, che infatti era anche conosciuto come 'il leone del nord') e la poppa, alta ben oltre 19 metri e completamente ricoperta di sculture intagliate nel legno, polene fissate alle fiancate a ritrarre figure bibliche, della mitologia greca, simboli appartenenti alla regno e aristocrazia svedese.

Direzioni e come arrivare al Museo Vasa di Stoccolma: il museo è situata sull'isola di Djurgården, ad est del Gamla Stan. Ci vogliono circa 30 minuti di camminata a piedi dalla stazione centrale e 10 minuti dalla stazione della metropolitana di Karlaplan. Il modo più semplice per raggiungere il museo è in tram, dal centro città (da piazza Sergels Torg, in via Hamngatan) prendere il tram numero 7 verso Waldemarsudde. Chi desidera usare l'autobus, prenda i numeri 44 per la fermata Nordiska Museet / Vasamuseet, o il numero 69 e 76 fermata bus Djurgårdsbron.
 

Museo Vasa (Vasamuseet)

Galärvarvsvägen 14,

(Djurgårdsvägen)

Stoccolma

Tel +46 8 519 548 00

Orario: aperto tutti il giorni 10:00 " 17:00

(visitatori non sono ammessi all'interno del veliero, che è visitabile solo dall'esterno)

All'esterno del museo sono ormeggiate due navi museo del XX secolo (SS Sant Erik e Finngrundet)

Il museo è accessibile ai disabili e sono disponibili su richiesta sedie a rotelle per l'utilizzo da parte dei visitatori.

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta..

Se questa guida vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

 

Dove si trova?

 

 

Torna su

 

Ostelli Stoccolma   Ostelli Svezia

  Carte de Stockholm  Karte von Stockholm Mapa Estocolmo  Map of Stockholm

  Carte de Suède  Karte von Schweden Mapa Suecia    Map of Sweden

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal