Via Montenapoleone a Milano

Sei qui: Cosa vedere a Milano >

Via Montenapoleone a Milano

 

Via Montenapoleone, bellissima ed elegante via della moda di Milano famosa in tutto il mondo per i suoi negozi, un tempo è stata il cuore della rivolta delle Cinque Giornate, la gloriosa insurrezione avvenuta tra il 18 e il 22 marzo 1848, che portò alla liberazione della città dal dominio austriaco. Ora è tutto uno scintillio di vetrine per pochi eletti, ma al numero 21 si trova Palazzo Dozzio, che ricorda ancora quei giorni. Gli insorti avevano trovato l'opposizione degli austriaci, nella prima delle Cinque Giornate, proprio in via Montenapoleone, ed erano andati a rifugiarsi in quel palazzo, che apparteneva alla famiglia Vidiserti. Sempre in quella casa si riunivano i capi delle rivolta, come ricorda una targa.

Via Montenapoleone a MilanoPrima di essere la meta dello shopping di tutti i fashion addici del mondo, la zona era una delle più eleganti della città, con prestigiosi palazzi abitati dalla nobiltà e dalla borghesia meneghina. Via Montenapoleone è la più conosciuta tra le via del "quadrilatero della moda", che una ricerca americana colloca tra le prime quindici vie più prestigiose del mondo, insieme alla Fifth Avenue a New York e all'Avenue des Champs Elysées a Parigi.

Lungo via Montenapoleone per chi se lo può permettere non c'è che l'imbarazzo della scelta tra i marchi di lusso presenti nel mondo: Hugo Boss, Camper, Louis Vuitton, Bulgari, Emporio Aromi, Ralph Lauren, La Perla si susseguono, con ritmo incalzante, una vetrina dopo l'altra. E ancora: Fendi, Roberto Cavalli, Etto, Bottega Veneta e Gucci. Davanti alla gioielleria Damiani troverete la gioielleria del gusto: la storica pasticceria Cova (nella foto, Giuseppe Verdi che passeggia proprio vicino alla pasticceria), recentemente acquistata dalla holding LVMH, multinazionale specializzata in beni di lusso. La pasticceria Cova è un prestigioso marchio della Confetteria fondato nel 1887 da Antonio Cova, un soldato di Napoleone che aveva iniziato come "offelliere" in galleria De Cristoforis. Il negozio, inizialmente a soli due passi dalla Scala, fu trasferito nel 1950 in via Montenapoleone, nel cuore del Quadrilatero della moda. In una di queste quattro vie m in via Sant'Andrea oltre al Museo di Milano si trova anche e per l'appunto il Museo della Moda.

Via Montenapoleone a MilanoLa moda è intimamente legata alla fisionomia della città di Milano, in particolare a certe zone del centro. Negli anni ottanta, la ricca zona che gravita attorno a via Montenapolcone ("Montenapo" per i milanesi), via della Spiga, via Sant''Andrea e corso Venezia che venne ribattezzata "quadrilatero della moda". Su queste strade si affacciavano più di cinquecento eleganti negozi di moda, tra i quali si trovavano le boutique di tutti gli stilisti più importanti. Ogni dettaglio veniva curato, compresi i marciapiedi (spesso coperti da tappeti e abbelliti da piante e altri tipi di decorazioni"). La zona era e si sentiva diversa da altre zone centrali, e dava di sé una forte immagine di ricchezza e di stile (costoso). I negozi stessi non assomigliavano a quelli normali, erano volutamente poco accoglienti ed esclusivi: non erano stati creati per clienti qualunque, e a volte neanche per vendere, ma solamente per l'immagine, o per ricchi turisti.

Via Montenapoleone a MilanoLa città delle vetrine trovava il suo riflesso perfetto in quelle del quadrilatero d'oro con il loro design impeccabile e la loro inarrivabilità. Era il luogo in cui l'immagine prevaleva sulla sostanza, come simbolo della città postindustriale, cuore della capitale della moda. Guide turistiche indirizzavano le persone con elenchi di negozi e cartine che indicavano il "quadrilatero d'oro", che cosi divenne uno dei luoghi più frequentati, superando nettamente le prestigiose pinacoteche della città, o l'Ultima Cena di Leonardo. Molte visite si limitavano esclusivamente a questa zona, riducendo Milano a centro commerciale di lusso.

Via Montenapoleone è sempre stata sinonimo di eleganza e alta moda, il simbolo della Milano aristocratica (il "salotto" della città), ben prima dell'esplosione della moda degli anni novanta. Già nel dopoguerra la via competeva con la Galleria Vittorio Emanuele II quanto a sfoggio di ricchezza e quanto a luogo in cui i ricchi si scambiavano informazioni e favori. La posizione venne mantenuta e rafforzata negli anni ottanta e novanta, quando divenne la "spina dorsale del circuito consumistico della moda" della città."

 

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

 

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazione interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ci offri una pizza :) ), così ci aiuterai ad andare avanti per quanto possiamo e a scrivere e offrire la prossima guida gratuitamente.:  Paypal

 

Dove si trova?

 

Torna su

 

 

Ostelli Milano    Ostelli Italia

Carte Milan Karte von Mailand  Mapa Milano Map of Milan

Carte de la Lombardie     Karte von Lombardei    Mapa Lombardía   Map of Lombardy

Carte d'Italie Karte von Italien Mapa Italia      Map of Italy

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal