Storia di Anversa

Adv.

Storia di Anversa (ANTWERP)  

Scavi recenti hanno dimostrato che la zona di Anversa era abitata già in epoca Gallo-Romana. Come altre città fiamminghe Anversa si sviluppò intorno a due insediamenti tra loro vicini, dei quali uno dei due era un bastione difensivo. Una prima fortificazione fu costruita intorno al settimo secolo. Quasi contemporaneamente la zona, come gran parte dell'Europa, si cristianizzò. Nel IX secolo l'allora cittadina subì la distruzione da parte dei Normanni.

La città fu quindi ricostruita nel X secolo e divenne un mangraviato (provincia di confine) del Sacro Romano Impero, Nel XII secolo San Norberto fondò l'Abbazia di Caloes. La città entrò a far parte del ducato di Brabante, e continuò a svilupparsi per cerchi concentrici. Un primo boom economico arrivò alla metà del XIV secolo e Anversa in questo periodo divenne il più importante centro finanziario d'Europa. La sua fortuna si basava sul porto e sul mercato della lana.

Nel 1356 la città fu annessa al ducato delle Fiandre e perse molti dei privilegi acquisiti, in parte a vantaggio della città rivale di Bruges. Cinquant'anni dopo la fortuna sorrise nuovamente ad Anversa che divennecentro di importanza mondiale, una nuova età dell'oro ebbe inizio. Guicciardini all'epoca descriveva Anversa come "la più bella e piacevole di tutte le città". Artisti di tutte le arti e scienziati in ogni campo la facevano rivaleggiare con la capitale del Rinascimento, Firenze.

Così come la riforma protestante in parte cancellò il Rinascimento, così anche Anversa si ritrovò bloccata al centro di dispute tra protestanti e cattolici. Al termine di sanguinosi scontri, tra gli spagnoli (signori dei Paesi Bassi) e i principi protestanti, questi ultimi lasciarono la città, insieme alle migliori menti commerciali e intellettuali della città. Fu un disastro, dal punto di vista economico, come è facile immaginare. Dei 100 mila abitanti del 1570 non ne rimanevano che 40 mila. La città si riprese solo mezzo secolo dopo e diede vita a un incredibile scuola artistica, specialmente pittorica da dove uscirono figure importantissime tra le quali Rubens, Van Dyck e Jordaens.

Tra il 1650 e il XIX secolo Anversa cadde nel dimenticatoio e il fiume Schelda rimase chiuso al traffico. Sotto la dominazione austriaca (1715-1792) Giuseppe II provò a liberare il corso del fiume senza successo. Nel 1879 sotto l'occupazione Francese, si riuscì a sboccare il fiume, anche se si dovette attendere la fine delle guerre napoleoniche per riusarlo. Alla caduta di Napoleone, seguì una breve riunificazione con le province Olandesi. Questo nuovo piccolo periodo di prosperità terminò nel 1830 con la Rivoluzione Belga, con la ripetuta chiusura del fiume che fu riaperto solo nel 1863. Da allora, se si escludono le due guerre mondiali, Anversa ha assistito a un costante e duraturo progresso economico, sociale e culturale, culminato nel 1993 quando la città è stata nominata capitale culturale d'Europa.

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazioni interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ce ne offri due), così ci aiuterai a scrivere la prossima guida:  Paypal

 

 

Torna su

 

OSTELLI Anversa

Carte de Belgique   Karte von Belgien   Mapa Bélgica    Map of Belgium

Carte Anvers  Karte von Antwerpen    Mapa Amberes    Map of Antwerp

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal