website
statistics

Rivoluzione dei Garofani

Rivoluzione dei Garofani

 

La Lisbona, Ponte 25 Aprile. Ad ammirare il mastodontico ponte sul fiume Tago, rossa e lunga ferraglia ispirata al più famoso ponte californiano, non si può non pensare a quanto il popolo portoghese sia legato a quello italiano. Adesso chiamato Ponte 25 de Abril, un tempo portava il nome di Ponte Salazar. Due nomi come non altri fortemente contrapposti. In Portogallo, il 25 aprile 1974 è conosciuto come il giorno della Rivoluzione dei Garofani, la stessa che pose fine in modo non violento – unica nel suo genere – al regime dittatoriale allora in carica nel paese da quasi mezzo secolo, la dittatura più longeva delle storia.

 

In Italia, il 25 aprile è il giorno della Resistenza e della Liberazione, a celebrare la disfatta nel 1945 dell'esercito nazifascista iniziata nel nord Italia. 

Dal Praça do Império, il piazzale del famoso Padrão dos Descobrimentos (Monumento alle Scoperte di Lisbona), si ha una bella vista del ponte e della grande vena d'acqua, il fiume Tago, che si allarga fino a diventare un grande mare, un tutt'uno con l'Oceano Atlantico. Alle spalle Alcântara, il cuore della Lisbona portuale, e qualche chilometro più avanti altri quartieri storici della città. Al Chiado, quartiere noto ritrovo di scrittori e letterati (tra tutti Fernando Pessoa) e oggi simbolo dello shopping più moderno e turistico, ci si arriva costeggiando la lunga Avenida, non la Avenida 24 de Juho, ma quella parallela chiamata Avenida Infante Santo, da dove poi è anche possibile prendere uno dei caratteristici tram gialli di Lisbona. Dopo circa 20 minuti si arriva in un luogo simbolo della città, la Rua Capelo, nel cuore del Chiado. Qui fino al 2016 aveva sede Rádio Renascença, una radio storica nata nel 1937 (ora spostata ad altra sede) e che nel lontano 25 aprile 1974 ebbe il compito di mandare in onda una canzone operaia, la Grândola vila morena di José Afonso. Erano le 00:20 e quel segnale dava avvio alla Rivoluzione dei Garofani in Portogallo.

"Grândola, vila morena

Terra da fraternidade

O povo é quem mais ordena

Dentro de ti, ó cidade!.."

 

(... terra di Fraternità, le persone comandano di più, dentro di te, o città!)

Alle 23:20 dello stesso giorno veniva approvata la legge numero 1 del 25 aprile 1974 che decretava la destituzione dei dirigenti fascisti e dei massimi organi dello Stato portoghese. Seguirono nell'immediato altre leggi, tra cui quella ordinante la dissoluzione del partito unico in carica.

Il partito unico in questione era quello che traeva origine dal golpe del 28 maggio 1926 e che qualche anno dopo, nel 1933, ebbe modo di far approvare una Costituzione basata sul corporativismo e su ideali fascisti. A capo del partito era António de Oliveira Salazar, il regime era quello dell'Estado Novo e l'unico partito al potere era il partito di União Nacional (Unione nazionale).

La dittatura portoghese è stata una delle più longeve della storia europea. Gli ingrediente c'erano tutti: libertà politica fortemente limitata, controllo sulle attività dei cittadini, repressione da parte della polizia (la PIDE, la polizia di Defesa do Estado, poi diventata DGS Direcção-Geral de Segurança), arresti arbitrari, censure, torture e uccisioni. Il dissenso al pari diventava sempre più forte con il passar del tempo. La morte di Salazar nel 1970 non cambiò lo stato delle cose, nonostante i tumulti portati da una guerra contro le proprie colonie, l'isolamento politico e le sanzioni (deboli) da parte del resto del mondo. Il successore Marcelo Caetano – già rettore della Facoltà di Giurisprudenza di Lisbona – divenne il nuovo capo unico del regime e poco aggiunse al tanto sperato cambiamento; nonostante alcuni provvedimenti legislativi e sociali atti ad apportare delle migliorie per la popolazione (le cosiddette leggi della Primavera Marcelista), di fatto la dittatura continuava.  

Fu così che la mattina di quel 25 aprile, il Portogallo si svegliò in mezzo ad nuovo sollevamento militare, diventato poi anche popolare e portato avanti inizialmente dal Movimento dei Capitani /Movimento dos Capitães (in seguito Movimento das Forças Armadas - MFA). La Revolução dos Cravos, in portoghese, viene ricordata come un colpo di Stato incruento, organizzato (sicuramente non in un giorno) da militari dell'ala progressista delle forze armate del Portogallo. In effetti, fu una rivoluzione anomala, pacifica e capace di unire dalla stessa parte il corpo militare dello Stato con  la popolazione. Iniziata con le proteste contro le spese ingenti per mantenere in piedi l'impero coloniale e conclusasi in una nuova Era democratica.

La chiamarono 'dei Garofani' non solo perché fu una rivoluzione pacifica ma per un motivo ben preciso: i garofani c'erano davvero e venivano esibiti dai militari nelle canne dei fucili. Erano i fiori della libertà, simbolo della liberazione dalla dittatura, e furono donati da una donna che per caso si ritrovò a passare lungo la loro strada.

Il nome della donna era Celeste, Celeste Caeiro per l'esattezza, e aveva 41 anni. Lavorava in un ristorante di Rua Brancamp e in quel fatidico giorno del 25 aprile ebbe il compito di andare a comprare dei fiori al Mercado da Ribeira per festeggiare il primo anniversario dall'apertura del locale. I fiori furono acquistati ma i festeggiamenti, data la situazione, vennero annullati. Con i fiori in mano la donna s'incamminò verso la zona di Chiado e in Rua do Carmo incontrò i militari del Movimento con i possenti carri armati. Alla richiesta di una sigaretta da parte di uno di loro, lei rispose donando un garofano. Iniziò così ad offrire i fiori a tutti i militari, "il militare lo mise nella canna del fucile, poi lo diedi all’altro, e agli altri di seguito...li diedi tutti, per me non ne rimase nessuno".

Nel frattempo, il governo rinchiuso nella Caserma del Largo do Carmo di Lisbona venne assediato dalla folla e dai militari e Caetano costretto all’esilio. Il Portogallo dava inizio ad un processo democratico che nei due anni successivi porterà alla approvazione di una nuova Costituzione e di un nuovo Stato fondato su principi democratici. Il 25 aprile è festa nazionale portoghese, la Dia da Liberdade (Giorno della Libertà portoghese).

 

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

 

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazione interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ci offri una pizza :) ), così ci aiuterai ad andare avanti per quanto possiamo e a scrivere e offrire la prossima guida gratuitamente.:  Paypal

 

 

 

Torna su

 

Ostelli Lisbona    Ostelli Portogallo  Hostales Portugal

Carte de Portugal      Karte Von Portugal       Mapa Portugal   Map of Portugal

Carte de Lisbonne    Karte von Lissabon   Mapa Lisboa    Map of Lisbon

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal