Museo Calauste Gulbenkian

Advertisement

Sei qui: Cosa vedere a Lisbona >

Museo Calauste Gulbenkian a Lisbona

 

ANord-est del Parco Eduardo VII si trova il Museo Gulbenkian, inaugurato nel 1969, uno dei più grandi musei del mondo e uno dei tesori meno celebrati in Europa (rispetto ad altri). Per gli amanti dell'arte un luogo da non perdere durante la vostra visita a Lisbona, con tantissimi capolavori d'arte europea insieme a una raccolta di manufatti di arte egizia, greca, romana, islamica ed asiatica. E' stato sostanzialmente rinnovato e modernizzato nel 2001 (molti dei suoi capolavori sono stati esposti nel Metropolitan Museum di New York durante la ristrutturazione).

 

Advertisement

Museo Calauste GulbenkianQuesta è una delle più belle collezioni d'arte private del mondo, accumulate nel corso di 40 anni dal magnate del petrolio Calouste Gulbenkian, (di origine armena, nacque a Scutari, nella sponda europea di Istanbul). Scappato con la famiglia dalle persecuzioni armene nell'impero ottomano, divenne in seguito cittadino britannico. Fu importante azionista della società petrolifera Royal Dutch/Shell, diventando uno degli uomini più ricchi del XX secolo.

Rubens - Ritratto di Helene FourmentGulbenkian ammassò un'enorme fortuna e una collezione artistica conservava in un museo privato nella sua abitazione di Parigi. La sua casa di quattro piani, tre più un seminterrato in Avenue d'Iéna pare fosse stipata di opere d'arte: una situazione che migliorò nel 1936, quando prestò una trentina di dipinti alla National Gallery di Londra e le sue sculture egizie al British Museum. All'inizio del secondo conflitto mondiale, essendogli stata riconosciuta l'immunità diplomatica, come Secondo Consigliere della Legazione persiana a Parigi, Gulbenkian seguì il governo francese quando quest'ultimo fuggì a Vichy. Come conseguenza - malgrado i suoi legami con il Regno Unito - fu provvisoriamente dichiarato "nemico straniero" dal governo di Sua Maestà, e gli furono sequestrati i suoi asset petroliferi fino fine della guerra. Lasciò la Francia a fine 1942 per Lisbona, dove visse fino alla morte, in una suite del lussuoso Aviz Hotel. Donò tutti i suoi tesori d'arte al Portogallo quando morì nel 1955 all'età di 86.

Museo Calauste GulbenkianLa mostra e gallerie permanenti del Museo Calauste Gulbenkian sono distribuiti in ordine cronologico e in ordine geografico per creare due modelli di visita indipendenti all'interno dell'esposizione. Il primo circuito evidenzia l'arte dell'antichità classica greco-romana , così come l'arte del Vicino Oriente antico e della Valle del Nilo. Tra i molti punti salienti di questa parte del museo ci sono una maschera di mummia egiziana in oro, una squisita ciotola di alabastro antica di 2700 anni, una serie di gatti di bronzo e altri tesori inestimabili nella sezione egiziana, una splendida collezione di monete greche e un vaso attico di 2400 anni nella sezione greca e romana, rari pezzi di porcellana cinese, stampe giapponesi, e ricca 16 e arazzi persiani del XVII secolo.

Ghirlandaio - Ritratto di giovane donnaIl secondo circuito comprende l'arte europea, con sezioni dedicate all'arte del libro, la scultura, la pittura e le arti decorative, in particolare l'arte francese del XVIII secolo e l'opera dell'orafo Art Nouveau René Lalique considerati unici al mondo. Alcune delle opere della collezione furono acquistate durante la vendita di dipinti Hermitage di San Pietroburgo nel periodo sovietico. Di circa 6000 pezzi in collezioni del museo, una selezione di circa 1000 è in esposizione permanente. Nell'enorme sezione arte europea ci sono pezzi di Rembrandt (Ritratto di un uomo vecchio, e Alessandro Magno), Peter Paul Rubens (Ritratto di Helene Fourment), Claude Monet, Van Dyck, Ghirlandaio (Ritratto di giovane donna), Rogier Van der Weyden (Santa Caterina), e Pierre-Ausguste Renoir (Ritratto di madame Claude Monet ), Francesco Francia, Battesimo di Cristo, 18 opere di Francesco Guardi.

 

Museo Calauste GulbenkianTra gli altri artisti di varie epoche presenti tra cui molti italiani citiamo: Rodin, Carpeaux, Houdon, Dieric Bouts, Vittore Carpaccio, Cima da Conegliano, Van Dyck, Corot, Degas, Nattier, George Romney, Stefan Lochner, Maurice-Quentin de La Tour, Édouard Manet, Henri Fantin-Latour, Claude Monet, Jean-François Millet, Sir Edward Burne-Jones, Thomas Gainsborough, William Turner, Jean-Honoré Fragonard, Giovanni Battista Moroni, Frans Hals, Ruisdael, Boucher, Largillière, Andrea della Robbia, Pisanello, Jean-Baptiste Pigalle, Antonio Rossellino, André-Charles Boulle, Charles Cressent, Oeben, Riesener, Antoine-Sébastien Durand, Charles Spire, Jean Deforges, François-Thomas Germain.


C'è anche una statua in marmo bianco di Diana dallo scultore francese Jean-Antoine Houdon, argento realizzato da François-Thomas Germain un tempo utilizzato da Caterina la Grande.

Condividono gli incantevoli giardini il Museo Gulbenkian è il Centro d'Arte Moderna, che contiene l'arte portoghese e straniera moderna e contemporanea vin mostra su due piani. Ci sono più di 10.000 articoli, tra cui opere di Paula Rego, Almada Negreiros, Souza Cardoso, e Vieira da Silva.

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa guida vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

 

Dove si trova?

 

Torna su

Ostelli Lisbona    Ostelli Portogallo  Hostales Portugal

Carte de Portugal      Karte Von Portugal       Mapa Portugal   Map of Portugal

Carte de Lisbonne    Karte von Lissabon   Mapa Lisboa    Map of Lisbon

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal