website
statistics
 

Quando sono nati l'astrologia e l'oroscopo?

Sei qui: Articoli informagiovani >

Quando sono nati l'astrologia e l'oroscopo?

Da dove viene l'astrologia?

Fin dall'antichità, l'uomo si è reso conto che esiste una stretta relazione tra i fenomeni della terra (cambio di stagione) e il movimento delle stelle. Da allora in poi si è cercato il legame tra cielo e terra, una causa celeste che implica un effetto visibile sulla Terra. Infatti, è osservando la posizione della luna e del sole, e la sua influenza sulle maree, che gli esseri umani si sono resi conto che c'è un legame tra il movimento dei pianeti e le conseguenze fisicamente osservabili in natura. Nasce così il calcolo delle effemeridi e dei calendari.


L'astrologia apparve 3000 anni prima di Cristo in Mesopotamia, tra i sumeri. Furono poi i Caldei, che si trovavano nella parte meridionale della Mesopotamia, che cominciarono ad osservare i pianeti, ma l'astrologia come scienza matematica venne dai Greci. I greci razionalizzarono l'osservazione dei pianeti, cercarono di farne una scienza. Prima di loro, l'astrologia consisteva solo nell'osservare i pianeti e nel dedurre la loro influenza concreta sulla terra, in relazione al loro movimento.

Fu ad Alessandria d'Egitto che l'astrologia decollò definitivamente come scienza. Nel II secolo, la città egiziana era il centro culturale più importante di tutto il Mediterraneo. E' qui che si sono incontrate le culture greca, egiziana e mesopotamica. Grazie a ClaudioTolomeo, tutte queste conoscenze provenienti da culture divergenti furono riunite e, così, i principi fondamentali dell'astrologia nacquero intorno al 140 d.C. Tolomeo era un grande matematico e un astronomo altamente riconosciuto all'epoca. Fu lui a trasmettere la tradizione astronomica greca, che si sarebbe imposta in Europa fino al XVII secolo. Sebbene il primo oroscopo sia di origine babilonese (419 a.C.), si può dire che è grazie alla scienza greca e a Tolomeo che gli oroscopi furono scritti in modo più razionale; senza di essi non si sarebbe potuto disegnare una mappa del cielo.

Nel II secolo a.C. l'astrologia apparve a Roma importata dai greci. Sotto il regno di Augusto, l'astrologia assunse tutta la sua importanza, faceva parte della morale e dei costumi dei Romani. A quel tempo, perse ogni carattere religioso per diventare un'arte divinatoria.

Nel IV secolo d.C. l'astrologia era considerata da alcuni una scienza e da altri una religione. Il cristianesimo rifiuterà quest'arte divinatoria, sostenendo che si trattava di una pericolosa superstizione pagana. Così, l'astrologia scompare gradualmente dalla morale, lasciando il posto alla fede religiosa cristiana. Fu solo nel Medioevo che riapparve in Europa, reintrodotta dagli arabi.

San Tommaso d'Aquino introdurrà definitivamente l'astrologia nel pensiero cristiano. Grazie al suo lavoro, venne addirittura creata una cattedra di astrologia presso le scuole di medicina di Bologna, Padova e Milano. Molti medici dell'epoca si prendevano cura dei loro pazienti, tenendo conto dei principi dell'astrologia.

Papa Leone X, anch'egli appassionato di astrologia, sviluppò i mezzi necessari per la ricerca in questo campo. Creò una cattedra di astrologia all'Università La Sapienza. In Francia, lo stesso Carlo VIII fu consigliato dal famoso astrologo Marzio Galeotto, molto considerato anche dal re d'Ungheria, Mattia Corvino e da Lorenzo il Magnifico a Firenze. Caterina de Medici seguì i consigli illuminati degli astrologi Luca Gaurico, Cosimo Ruggieri (personaggio molto controverso) e Michel de Nostredame, più comunemente noto come Nostradamus.

In seguito al regno di Caterina de Medici, i famosi astrologi ottennero il titolo di medico-astrologo. Uomini come Morin de Villefranche, un grande astrologo del XVI secolo, consiglierà Richelieu, anche se l'astrologia giudiziaria o predittiva (la parte dell'arte divinatoria in astrologia), era stata proibita dai papi nel 1586 e 1631.

Astrologia nelle società avanzate

Nel corso della storia l'astrologia è stata talvolta rispettata e ascoltata, talvolta rigettata come superstizione nelle società tecnicamente e intellettualmente avanzate. La sua importanza non dipendeva quindi dal tempo, ma dal progresso culturale della società. Alle comunità aperte al mondo piaceva prendere consigli dagli astrologi. I re e i potenti del mondo chiamavano gli astrologi. Durante il Rinascimento, che è un periodo ricco di conoscenze scientifiche e culturali, gli astrologi furono coinvolti nella politica del paese. In Ungheria, gli astrologi furono chiamati a decidere la data di costruzione dell'Università di Bratislava. In Inghilterra, avevano lo status di ambasciatori. La conoscenza astrologica era insegnata nelle università, senza tabù. Poi venne l'Illuminismo, e filosofi come Diderot o Voltaire cominciarono a deridere l'astrologia. In quel momento, la società monarchica entrò in un periodo di transizione, in cui tutta la conoscenza era messa in discussione. Il politico ed economica Jean-Baptiste Colbert, potente ministro delle finanze ai tempi di Luigi XIV proibì agli accademici di insegnare astrologia, il filosofo tedesco Leibniz affermò che "la divinazione astrologica porta ad una "pura illusione". Eppure, l'astrologia e l'osservazione del movimento dei pianeti è stata una delle conoscenze più utili per la sopravvivenza delle civiltà, soprattutto in Egitto.

I primi calendari divinatori apparvero in Egitto, Cina e America precolombiana. Sono i primi passi in astrologia. I più noti sono i calendari divinatori egiziani, noti anche come calendari nilotici. Questi calendari sono nati dall'osservazione delle fluttuazioni del fiume Nilo e dalla necessità di prevedere le sue inondazioni. Prevedendo le inondazioni del fiume, gli egiziani hanno coltivato la loro terra in modo più efficiente. L'agricoltura egiziana è stata quindi organizzata secondo le previsioni dei calendari nilotici. Il Nilo in Egitto è sempre stato il fiume della vita, tutta la società egiziana si è organizzata intorno ad esso. Gli astrologi non hanno cercato di addomesticare la natura, come facciamo oggi con i nostri mezzi tecnici moderni, no, hanno cercato di vivere in armonia con essa. La previsione delle inondazioni era vitale per la sopravvivenza della comunità.

1500 anni prima della nostra era, solo osservando l'ascesa di Sirio, gli egiziani erano in grado di prevedere le inondazioni del fiume e sapevano come determinare l'arrivo di un nuovo ciclo annuale. Tra gli egiziani, scienza e religione erano complementari. L'Egitto è stata la prima civiltà a tagliare l'anno in 12 mesi e 365 giorni. Questi calendari divinatori erano molto diversi dall'astrologia come la conosciamo oggi, erano comunque il punto di origine. Senza questa disponibilità degli uomini a voler conoscere il futuro, a voler prevedere, l'astrologia non sarebbe mai esistita.

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazione interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ci offri una pizza :) ), così ci aiuterai ad andare avanti per quanto possiamo e a scrivere e offrire la prossima guida gratuitamente.:  Paypal


Torna su

 

Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal