Cosa vedere a Zagabria

Advertisement

Cosa vedere a Zagabria - Le 20 cose da non perdere

 

Zagabria ha un fascino tutto particolare. Visitare questo luogo significa effettuare una vera e propria full? immersion in musei e luoghi d’arte. Per godere in pieno delle bellezze di questa città vi consigliamo di visitarla a piedi o in bici. La parte più antica è la Città Alta (Gornji Grad) e per arrivarvi vi consigliamo di prendere la funicolare, mentre il cuore moderno e contemporaneo è rappresentato dalla Città Bassa (Donji grad), dove si trovano anche la maggior parte dei musei.

Advertisement

Visitando Zagabria non potete perdervi l’antica Medvedgrad che è la fortificazione medievale più antica della città, essa risale al 1249 e venne costruita per difendere la città contro le invasioni dei mongoli. Sulla sua sommità è possibile ammirare l’Altare della Patria per tutti gli eroi della Croazia. Camminare è uno dei modi migliori per esplorare tutti i pittoreschi luoghi storici di Zagabria, i  suoi vicoli e vicoli nascosti e soprattutto la piazza principale della città. Per muovervi più facilmente a Zagabria vi consigliamo di fare la Zagreb Card una card che permette di salire gratuitamente su tutti i mezzi pubblici, che consente di pagare la metà l’ingresso ai musei e alle gallerie d’arte e che consente di poter usufruire di una scontistica particolare in ristoranti e negozi. La card si trova presso tutti gli uffici del turismo, ma la potrete trovare anche negli alberghi ed in alcuni bar. Ora scopriamo insieme le meraviglie di Zagabria

Cattedrale di Zagabria

Cattedrale di ZagabriaLa Cattedrale di Zagabria è sempre stata dedicata all’Assunzione della Beata Vergine Maria ed è uno dei luoghi religiosi più importanti della città. La struttura si presenta in stile neogotico con due guglie identiche alte ben 108 metri e visibili da quasi tutta la città. La chiesa è davvero enorme, con una lunghezza di 77 metri ed una larghezza di 48, ed è in grado di ospitare più di 5000 fedeli. Gli affreschi, che rappresentano l’Assunzione di Maria sono quelli originali e risalgono al 1200. Questa cattedrale è uno dei simboli della nazione, per tale ragione è presente sul retro della moneta croata ovvero, la kuna, da 100. La Chiesa si trova nella città fortificata e qui, nel 1994, durante i festeggiamenti per i 900 anni dell’Arcivescovado l’allora Papa Giovanni Paolo II ...Continua a leggere sulla Cattedrale di Zagabria.

Torna su

Chiesa di San Marco

Chiesa di San Marco a ZagabriaLa Chiesa di San Marco (in croato Crkva sv. Marka) è ciò che potremmo definire una chiesa "originale", perché ciò che maggiormente colpisce di essa sono i suoi colori , già, da molti è chiamata la "chiesa colorata" perché il tetto, realizzato dall’architetto viennese Friedrich Schmidt tra il 1876 e il 1882, è formato da piastrelle bianche, rosse e celesti. La Chiesa di San Marco è facilmente riconoscibile per il disegno a scacchi sul lato destro del tetto della chiesa con l’emblema della città, mentre su quello sinistro ci sono gli stemmi della Croazia, della Dalmazia e della regione della Slavonia...Chiesa di San Marco a Zagabria.

Torna su

Teatro Nazionale Croato

Teatro Nazionale CroatoIl bellissimo edificio dorato del Teatro Nazionale Croato, dalle linee in stile neobarocco inaugurato nel 1895 alla presenza dell'imperatore Francesco Giuseppe, mette in scena soprattutto opere liriche e balletti classici. Davanti al teatro si trova una scultura di Ivan Meštrović intitolata Il pozzo della vita (1905). Si trova in mezzo a Piazza Tito, anch'essa molto bella. Oggi è uno tra i più importanti palcoscenici dl centro Europa, su cui si alternano spettacoli di prosa, lirica, balletto, concerti di artisti di fama internazionale.

Torna su

 

Chiesa di San Biagio (Crkva sv. Blaža)

Chiesa di San Biagio (Crkva sv. Blaža)QLa Chiesa di San Biago a Zagabria (Crkva sv. Blaža) è stata realizzata tra il 1912 e il 1915 su un progetto dell’architetto Viktor Kovacic. Nella costruzione di questo edificio venne sperimentata, nella regione, una nuova tecnica di costruzione della cupola. Essa, infatti è interamente realizzata in cemento armato, con un diametro di 18 metri. La chiesa venne edificata a ridosso della Prima Guerra Mondiale per tale ragione, gli arredamenti interni vennero realizzati solo dopo il 1924, quando Kovacic era oramai morto. Il suo progetto, però venne portato a termine da Albini e Hribari, anche se la chiesa, fino ad oggi, non è stata ancora interamente terminata. Il rintocco è formato da ben quattro campane, tutte realizzate dall’ultimo fonditore di campane della città, ovvero Antun Balzina.

Torna su

Monastero e Chiesa di San Francesco d’Assisi

Refettorio Chiesa di San Francesco d’AssisiLa Chiesa di San Francesco d'Assisi a Zagabria (Franjeva?ki samostan i crkva na Kaptolu) si trova in Piazza Kaptol e la sua prima edificazione risale al 1200 , anche se c’è chi ritiene che un primitivo edificio esistesse di già. Secondo la leggenda San Francesco risedette a Zagabria per un periodo e il monastero fu costruito proprio nel nella casa di una vedova dove il santo venne accolto durante il suo soggiorno. L'architettura della è tipicamente gotica ed è considerata come una delle strutture francescane più importanti d’Europa. La sua forma è a croce e la cappella dedicata a San Francesco è ricca di dipinti raffiguranti la sua vita. Nel corso degli anni diversi sono stati gli interventi di restauro che la chiesa ha subito, la connotazione barocca, ad esempio, le venne data dopo il 1683. Ingenti furono i danni che la struttura subì durante il terremoto del 1880 a tal punto che venne quasi del tutto ricostruita, secondo i dettami della sua struttura gotica ordinaria, con l’apertura della cappella di Gesù Crocifisso su Piazza Kaptol. Il campanile è molto particolare, con il tetto spiovente. All’interno della chiesa è possibile ammirare un enorme dipinto che ritrae San Francesco, realizzato da Celestin Medović e molto particolari sono le vetrate che danno sull’abside, realizzate nel 1960 da Ivo Dul?ić che riprendono diversi motivi floreali, chiamati appunto i Fiori di San Francesco.

Torna su

Piazza Kaptol

Refettorio Chiesa di San Francesco d’AssisiPiazza Kaptol si trova proprio al centro della Città Alta, è una delle piazze principali di Zagabria. Al suo centro possiamo ammirare la meravigliosa fontana, che tutti conoscono come La Colonna di Maria alla cui base ci sono quattro angeli. Tutti i palazzi che danno sulla piazza sono stati costruiti secondo uno stile classico, anche perché sono quasi tutti risalenti all’epoca Medievale. La forma della piazza è squadrata e da qui è possibile ammirare la Cattedrale e il Palazzo Vescovile.

Torna su

Mercato di Dolac

Mercato di Dolac Si dice che uno dei modi migliori per conoscere una città sia quello di visitare il suo mercato e se si visita Zagabria non si può fare a meno di recarsi al mercato all’aperto di Dolac. Questo mercato è aperto dagli anni ’30 del Ventesimo Secolo ed è il cuore del commercio della città. Esso si trova tra Piazza Kaptol e Piazza Ban Jela?ić ed è aperto tutti i giorni, tranne i giorni festivi, fino alle 15. In questo mercato è possibile trovare principalmente prodotti alimentari, tutti i contadini della zona intorno a Zagabria, infatti, ogni mattina si recano qui, per vendere i loro prodotti, per tale ragione, da molti è conosciuto come “la pancia di Zagabria?. Anche se i prodotti alimentari la fanno da padrona, recandovi in questo mercato potete acquistare ogni genere di souvenir, dai prodotti di legno intagliati, ai giocattoli, dagli utensili alle bottiglie di bevande tipiche. La zona del mercato è facilmente distinguibile per via degli ombrelloni rossi, con le strisce bianche, sotto i quali passerete una splendida mattinata, tra gusti e sapori autentici.

Torna su

Piazza Jelacic

Piazza JelacicPiazza Jelacic è una delle piazze più belle di Zagabria e da molti è considerata la piazza principale della città. Al suo interno non si può entrare con le macchine, la zona, infatti, è interamente pedonale, per tale ragione essa è diventata un punto di incontro per gli abitanti della città. E’ qui che i giovani e i meno giovani si danno appuntamento per trascorrere qualche ora in compagnia. Lo stile tipico della piazza è quello Austro ? Ungarico, anche se i palazzi che si affacciano su di essa non hanno un unico stile. Al suo interno si trovano le caffetterie più buone della città e i migliori negozi, nei quali fare del sano shopping. Al centro della piazza è possibile ammirare la statua a cavallo di Jelacic, il governatore che durante il 1800 riuscì a guidare le truppe della Croazia contro l’Ungheria, la statua venne realizzata da Dominik Fernkorn. Questa statua ha avuto una storia abbastanza travagliata, essa, infatti venne posta nella piazza, che porta il nome del condottiero, nel 1866, ma il dittatore Tito nel 1947 ordinò la sua rimozione e la stessa venne lasciata in un deposito. Durante quegli anni la piazza cambiò addirittura nome, infatti venne chiamata Trg Republike, ovvero Piazza della Repubblica. Dall’ 11 ottobre 1990 la statua è ritornata al suo posto, a simboleggiare l’orgoglio e la nazionalità di un intero Paese e la piazza riprese il suo nome originario. Piazza Jelacic è anche la stazione centrale delle linee tramviarie, si può raggiungere facilmente di giorno prendendo le linee numero 1,6,11,12,13,14,17 di notte, invece, si può arrivare qui grazie alle linee 31, 32 e 34. Secondo un recentesondaggio, realizzato da un blog del Belgio stedentripper.com, Piazza Jelacic è tra le piazze più belle d’Europa, per l’esattezza essa si posta al ventesimo posto. La classifica è capeggiata dalla meravigliosa Grand Place di Bruxelles, e tra le piazze italiane c’è Piazza San Marco a Venezia e Piazza San Pietro.

Torna su

Torre Lotrscak

La Torre LotrscakQuesto luogo è uno dei simboli della città di Zagabria e per tanti anni ha rappresentato il punto di difesa più importante del luogo. Zagabria aveva un ottimo sistema difensivo e questa Torre è quella che si è conservata meglio, da qui è possibile godere di un panorama davvero unico, su tutta la città. Il suo nome deriva dalla campana "latruncolorum" che tradotto in italiano potrebbe significare "campana dei ladri" questa campana aveva il compito di segnare ogni sera, mediante il suo rintocco, la chiusura delle porte della città. Questa torre venne ultimata alla fine del XIII secolo e si occupava di difendere la parte meridionale della città. Per salire da un piano all’altro viene utilizzata una scala a chiocciola che per metà è interna all’edificio e per metà esterna. I suoi muri hanno uno spessore di 195 centimetri e sono ricoperti da numerose pietre, solo il quarto piano è stato realizzato in mattoni, nel piano terra è ancora possibile ammirare l’arco a forma di croce. Una curiosità che riguarda questa torre è che nel passato, essa veniva spesso affittata a privati cittadini, che dovevano occuparsi del suo mantenimento e dei lavori di restauro, però se per caso la città dovesse essere attaccata da qualche nemico, gli affittuari avevano l’obbligo di restituirla alla città e da qui si provvedeva alla difesa di Zagabria.

Torna su

Museo Mimara

Museo Mimara Il Museo Mimara è uno dei più importanti musei di Zagabria,il suo nome deriva da Ante Topic Mimara che diede la sua collezione privata, affinché fosse esposta in un museo. L’anno della sua fondazione è il 1980, anche se lo stesso venne aperto al pubblico solo 7 anni dopo. Oggi all’interno del Museo Mimara è possibile ammirare ben 3750 opere d’arte che vanno dall’antichità all’epoca attuale. In questo museo sono esposti dipinti di artisti internazionali e che comunque, hanno segnato la storia dell’arte come Caravaggio, Raffaello, Renoir e Goya. Tra le esposizioni è possibile ammirare anche diverse opere d’arte orientali, 200 sculture, cimeli risalenti alla Grecia classica e alle civiltà del Nilo. Sempre all’interno del museo è presente una biblioteca d’arte, suddivisa a seconda del periodo storico, che comprende ben 5400 tomi. Il Museo Mimara si trova, in pieno centro, in Piazza Roosvelt al numero 5 ed è aperto tutti i giorni tranne il lunedì e i giorni di festa. Il museo venne istituito dalla Repubblica della Croazia, ed è gestito da Ministero della Cultura, mediante alcuni fondi del bilancio nazionale, che sono destinati alla città di Zagabria.

Torna su

Muzej prekinutih veza (Museo delle Relazioni interrotte)

Piazza JelacicQuesto particolare Museo è dedicato alle relazioni amorose finite male, già per molti di voi può sembrar strano, ma a Zagabria esiste un vero e proprio museo per i cuori affranti, nel quale è possibile ammirare diversi oggetti, che un tempo rappresentavano pegni d’amore tra due persone che oggi non si amino più. La maggior parte dei reperti proviene da donazioni personali di turisti che sono arrivati in Croazia e che hanno voluto lasciare la loro impronta nella città; ogni oggetto, infatti è accompagnato da una piccola descrizione. Nel 2011 questo Museo è statodefinito il Museo più innovativo d’Europa dalle Kenneth Hudson Award. Esso nacque per volere di due artisti Dražen Grubišić scultore e Olinka Vištica produttrice cinematografica, i due sono stati legati da una storia d’amore durata quattro anni e terminata nel 2003. Proprio dalla fine di questa relazione è nata l’idea del museo, i due artisti hanno chiesto agli amici di dare degli oggetti appartenenti a relazioni finite e così nel 2006 nacque questo luogo. Le collezioni si dividono negli oggetti veri e propri, che possono essere lettere, reali, fotografie, negliesemplari virtuali, ovvero immagini e messaggi in digitale che sono stati registrati e nelle confessioni, dove le persone raccontano ciò che hanno vissuto, anche dal vivo. Visitando questo museo si può comprendere come l’animo umano possa essere fragile e come le circostanze possono far nascere o finire un amore. Un oggetto, un semplice oggetto è in grado di raccontare tutto ciò, di entrare nel misterioso luogo dei rapporti umani, di entrare e rimanere nel cuore delle persone.

Torna su

Museo Etnografico

Museo Etnografico Il Museo Etnografico di Zagabria si occupa di conservare più di 70.000 reperti che hanno segnato la storia croata. Al suo interno è possibile ammirare tutti gli oggetti che venivano utilizzati nelle abitazioni croate nel passato, ma anche gioielli, ricami, merletti estrumenti musicali. Numerose collezioni sono state create con diversi oggetti provenienti da lontano, in particolare questi sono oggetti che sono stati portati in Croazia da viaggiatori, artisti e marinai. Il Museo venne istituito nel 1919 per custodire il patrimonio culturale di una nazione. La prima cosa ad essere esposta nel museo è stata una collezione di abiti della tradizione, donati da un mercante, che fu tra gli ideatori del museo stesso. Oggi, all’interno di questo luogo sono esposti ben 3.000 oggetti, divisi tra costumi popolari ed utensili appartenenti sempre all’arte del popolo. Assolutamente da vedere è la documentazione sulla fotografia e la biblioteca che vanta ben 20.000 tomi. L’edificio, nel quale si trova il museo è uno splendido esempio di Art Nouveau, progettato dall’architetto Vjetoslav Bastl esso si trova in Piazza Mazuranica al numero 14.

Torna su

Museo Archeologico

Museo Archeologico ZagabriaAvete mai sentito parlare della Mummia di Zagabria? Essa si trova proprio qui, all’interno del Museo Archeologico della città, un museo nato nel lontano 1836, che oggi riesce ad esporre più di 450.000 pezzi con reperti pervenuti in Croazia e in Egitto. Questo museo ripercorre le epoche che si sono succedute dalla preistoria al Medioevo. Bellissimi sono i monumenti etruschi, tra i quali spicca un altro tesoro museale, ovvero ilLibro di Lino di Zagabria, che è il manoscritto etrusco più lungo ancora esistente. Da non perdere, inoltre, la collezione di monete che è tra le più grandi del mondo. In questo Museo troviamo alcune collezioni permanenti che sono :

- La mostra permanente sulla Preistoria. In questa sezione è possibile ammirare come gli oggetti di uso comune venissero usati in questa zona nel periodo Paleolitico e Neolitico, con l’evoluzione vissuta in seguito all’età del Bronzo e del Ferro. Solo in questa sezione si possono ammirare ben 78.000 oggetti, per tale ragione è una delle esposizioni più grandi e complete del Vecchio Continente.

- La mostra Egiziana. Questa collezione è formata da diverse sezioni che vanno dalle divinità bronzee a quelle lignee e in pietra, dai corredi funebri ai gioielli, dalle ceramiche ai sarcofagi, dalle mummie ai prodotti utilizzati per la cosmesi. In tutto vi sono 2.200 oggetti, per la maggior parte appartenenti al periodo che va dal 2055 al 300 a.C.

- La Mostra dei vasi dell’Antica Grecia. Questa collezione è stata creata grazie a due donazioni private del 1800 e del 1900 e al suo interno è possibile ammirare più di 1500 oggetti.

- La mostra militare dei Romani. In questa collezione è possibile ammirare gli equipaggiamenti delle truppe romane, con i diversi oggetti scadenzati in ordine cronologico, dall’epoca della Tarda Repubblica fino alla conquista della Croazia e alla Caduta dell’Impero. Numerose sono le armi, le uniformi e diversi oggetti per proteggersi.

- La Collezione Numismatica. Questa collezione di monete rappresenta uno dei gioielli del museo, ed è una delle collezioni più importanti al mondo. Qui è possibile ammirare non solo monete, ma anche banconote, francobolli, gettoni, targhe e medaglie.

Torna su

Museo di Arte Contemporanea (Muzej suvremene umjetnosti Zagreb)

Museo Archeologico ZagabriaIl Museo di Arte Comtemporanea di Zagabria è nato nel 1954, non come museo, bensì come Galleria Civica di Arte Contemporanea, nel 1998 venne trasferito nella nuova struttura progettata da Franic, che si trova nel distretto di Novi Zagreb. Ufficialmente, però, il Museo è stato riaperto solo a dicembre del 2009 ed è considerato il museo più moderno e più grande del Paese. Si estende per ben 14.600 metri con la collezione permanente di 600 pezzi, che occupa ben 3500 metri. Cinque sono i piani totali di esposizione, tra i quali ve n’è uno dove è presente un negozio, una biblioteca, una ludoteca per bambini, ristoranti e sale multimediali, insomma un vero museo innovativo e per tutti.

Torna su

Museo Croato di Arte Naif (Hrvatski muzej naivne umjetnost)

Museo croato di Arte NaïveIl Museo Croato di Arte Naiff, conosciuto in Croazia come "Hrvatski muzej naivne umjetnosti" è interamente dedicato all'omonima arte. Al suo interno è possibile ammirare quasi 2000 opere d’arte, che vanno dai quadri, ai disegni, alle sculture e alle stampe. La maggior parte degli artisti che espongono qui o che vi hanno esposto sono artisti croati, tra i più importanti ricordiamo : Virius, Lackovic, Kovacic e Rabuzin. Per molti questo è il Museo di Arte Naif più importante del mondo e si trova nella Città Alta, nel Raffaypalatset. Vi sono due motti che contraddistinguono questo luogo e le sue collezioni permanenti ed essi sono : “L’arte naif segmento dell’arte moderna? e “Loro hanno creato la storia dell’arte naif in Croazia?. Nel corso dell’anno al suo interno vengono organizzati mostre e convegni, che hanno come scopo principale quello di divulgare e far conoscere questa arte, definita come l’arte degli ingenui o dei primitivi, ma che ha caratterizzato il 1900 e l’epoca contemporanea. Il museo venne ideato nel 1952 quando venne istituita la Galleria di Arte Contadina, che quattro anni dopo cambiò nome il Galleria dell’Arte Primitiva e poi Museo d’Arte Moderna. Il nome attuale risale al 1994, per volere del Parlamento Croato. Il museo è aperto tutti i giorni, fatta eccezione per il lunedì e per i giorni festivi.

Torna su

Museo Croato di Storia Naturale

Museo Croato di Storia NaturaleIl Museo Croato di Storia Naturale è uno dei più grandi musei in Croazia, risale al 1986 ed ospita ben 250.000 reperti che sono arrivati qui da diverse parti del mondo, la maggior parte di essi sono reperti di roccia e di minerali. E' ospitato all'interno di un antico palazzo nobiliare nelle vicinanze delle mura della Città Alta.  Qui dal 1797 al 1834 è stato attivo il primo teatro pubblico di Zagabria, il famoso Teatro di Amadeo, dal nome del suo fondatore, il conte ungherese Anton Amadeu de Varkonyi, il grande sindaco di Zagabria. Le origini delle collezioni di storia naturale derivano dal periodo di rinascita nazionale croata quando,  in via Opati?ka nel 1846 venne fondò il Museo nazionale. Nel corso del tempo, la collezione è via via aumentata, con uno slancio speciale nella raccolta dei naturali componenti (minerali, minerali, fossili, piante e animali) proseguita con l'azione di importanti scienziati naturali croati dell'Università di Zagabria. Oggi, la collezione si divide nel reparto geologico e in quello paleontologico, che hanno entrambi lo scopo di far comprendere come la terra si sia evoluta. Il vero tesoro di questo museo è la raccolta di Neanderthal più importante del mondo. All’interno del museo è presente una biblioteca formata da più di 30.000 volumi.

Torna su

Museo delle Arti e dei Mestieri  (Muzej za umjetnost i obrt)

Museo delle Arti e dei MestieriQuesto museo così particolare nacque nel 1880 per difendere e proteggere ciò che rimaneva del mestiere degli artigiani, in seguito all’avvento della Rivoluzione Industriale. Qui, infatti sono esposti ben 60.000 oggetti, che partono dall’epoca medievale ed arrivano a quella contemporanea. All’interno delle esposizioni sono presenti ben 19 collezioni ed alcune sono : collezione gotica, collezione di arredamento, collezione di pittura, collezione di fotografia, collezione del metallo, collezione degli orologi, collezione della pittura, collezione di graphic design, collezione sull’avorio, collezione sulla stampa, collezione sugli stampati, collezione sul cuoio, collezione sugli strumenti musicali, collezioni sul fumo, collezione sui giocattoli e collezione sugli oggetti ex voto. Gli oggetti si espongono su 8 sale con diverso spazio riservato alle mostre temporanee. L’edificio stesso, nel quale si trova il museo ha rappresentato un tassello di storia croata, poiché è stato il primo edificio progettato ai fini dell’esposizione, con una facciata tipicamente rinascimentale. Al suo interno è presente anche una biblioteca composta da 65.000 tomi.

Torna su

Padiglione Artistico (Umjetni?ki paviljon)

Padiglione Artistico (Umjetni?ki paviljon)Il Padiglione Artistico di Zagabria (Umjetni?ki paviljon in croato) è uno degli edifici più belli ed originali della città, è facilmente visibile da lontano grazie al suo coloregiallo e allo stile Liberty che lo caratterizza. Esso nacque nel 1897 per un bisogno reale della città di avere un punto di riferimento espositivo, a causa del crescente influsso artistico che si stava propagando. L’edificio si trova nella Città Bassa tra piazza Zrinski e Piazza Tomislav ed ha un’esposizione che si estende per 600 metri quadrati. Al suo interno non vi sono collezioni permanenti, perché l’idea stessa, fin dalla sua nascita è quella di esporre mostre personali di artisti provenienti non solo dalla Croazia, ma anche dal resto del mondo. Basti pensare che qui, tra i 700 artisti che vi hanno esposto, sono passati uomini del calibro di Mimmo Rotella ed Andy Warhol.

Torna su

Lago Jarun

Lago Jarun Per gli amanti del divertimento, il nostro consiglio è quello di visitare il Lago Jarun, che riesce ad offrire momenti di svagosia di giorno che di notte. Intorno al lago vi sono diversi impianti sportivi e la notte numerosissimi locali notturni. Molto particolari le discoteche e i discobar che si trovano proprio sul lungo lago. Meta d’obbligo per i giovani è il Piranha dove si paga meno di due euro per entrare, il nome del locale deriva dal suo acquario, nel quale nuotano indisturbati veri piranha. Il Lago Jarun si trova nella parte sud di Zagabria e per arrivare bisogna prendere il tram numero 5 o il numero 17 e proseguire verso il lago, in croato Jezero. In questa zona sarà possibile fare davvero di tutto, dalla nuotata, alla canoa o al giro in pedalò, dal windsurf alle gare nautiche.

Torna su

Parco e Lago Bundek

Padiglione Artistico (Umjetni?ki paviljon)Per gli amanti della natura, consigliamo una bella passeggiata lungo il lago e il bosco che circonda Bundek, qui gli abitanti di Zagabria ed i turisti si concedono delle splendide domeniche tra la pesca, la tintarella ed una bella grigliata. Il lago è suddiviso in lagoGrande e lago Piccolo. Il lago Grande è molto visitato grazie alla sua spiaggia, che consente a tutti coloro che visitano il lago di godere di qualche ora di meritato relax. Per i diversamente abili è previsto l’accesso all’acqua mediante una rampa ed è presente il servizio del bagnino e quello medico. Il lago Piccolo ha mantenuto la sua anima autoctona con diverse piante che crescono intorno ad esso, vicino al lago troviamo un parco divertimenti, una pista ciclabile e una pista da pattinaggio. Sempre in questa zona sono presenti un campo di pallavolo e uno di pallamano e un palcoscenico sull’acqua perché in estate qui si tengono diverse manifestazioni sportive e culturali.

Torna su

Giardino Botanico a Zagabria

Padiglione Artistico (Umjetni?ki paviljon)Se vi trovate a Zagabria dal 1 Aprile al 1 Novembre e siete amanti della natura, non potete fare a meno di visitare il meraviglioso Giardino Botanico, aperto esclusivamente in questo periodo dell’anno e chiuso durante la stagione invernale. Il Giardino nasce nel 1890 ed al momento ospita circa 10 mila esemplari di piante, molte delle quali provenienti dai Tropici. Questo giardino venne realizzato per volere del rettore dell’Università di Zagabria, il quale ne parlò, per la prima volta nel 1876, ma che riuscì a concretizzare la sua idea solo 14 anni dopo. Il Giardino si estende su di una superficie di 5 ettari e la sua architettura interna si rifà allo stile dei giardini all’inglese. Diversi sono i percorsi che si snodano lungo il parco, che offrono ai visitatori inebrianti odori e meravigliosi colori. Una gran parte dell’esposizione è dedicata alla flora autoctona, cresciuta in particolare tra i giardini rocciosi, tipici della Croazia e ricreati alla perfezione in questo luogo.

Torna su

Parco Maksimir

Parco Maksimir Questo parco è il più grande di Zagabria e uno dei primi parchi realizzati in Europa. Al suo interno è possibile ammirare l’architettura tipica deigiardini all’inglese e dei boschi. Esso è stato realizzato intorno al 1700. Il vero tesoro di questo parco è il suo Belvedere, per la cui realizzazione sono stati necessari 11.577 fioriP belvedere è conosciuto come Kiosk e venne realizzato in seguito alla visita in città dell’arcivescovo Haulik, nel periodo compreso tra il 1841 e il 1843, esso si trova su di una collina e qui si incrociano tutti i sentieri del parco. Questo luogo è stata la location per il film ''Tko pjeva, zlo ne misli'' del 1970 che è stato uno dei film più visti della nazione. Questo è il luogo ideale per portare i bambini, infatti il parco comprende ben 18 ettari di boschi, dove sono presenti viali e laghi, all’interno del parco è possibile noleggiare una bici, passeggiare e far visita allo zoo.

Torna su

Sljeme

Sljeme a ZagabriaSljeme è la parte più alta della medievale Medvednica, uno degli inviti più comuni che gli abitanti di Zagabria, si fanno tra di loro è quello di proporre una visita a Sljeme, come se noi italiani proponessimo un caffè. Dal 1870, da quando venne abbattuta la foresta, in questa montagna, tutti gli abitanti sono legati a questo luogo, immerso nella foresta, al punto che decisero di costruire sulla cima una piramide lignea di 4 metri. Questa piramide è stata la prima costruzione alpinistica della città. La foresta, però iniziava a crescere e vi era la necessità di innalzare la piramide, al punto che nel 1889 essa venne sostituita da un belvedere in ferro. La terrazza sul belvedere da la possibilità di ammirare anche le piste sciistiche, quasi tutti gli abitanti di Zagabria qui hanno imparato a sciare.

Torna su

Cimitero monumentale di Mirogoj

Sljeme a ZagabriaIl Cimitero Monumentale di Mirogoj è uno dei cimiteri monumentali più belli del vecchio continente, perché qui non ci sono solo le sepolture, ma è presente anche un parco e una galleria e si possono tenere manifestazioni religiose, di tutte le confessioni che vi sono a Zagabria. Se avete tempo, è un luogo che vale la pena visitare. Fu l’architetto Herman Bollé che gli diede l’aspetto monumentale con gli archi rinascimentali e le cupole.

 

Torna su

 

Ostelli Zagabria   Ostelli Croazia    Hotel Croazia   Hotel Zagabria

Carte de la Croatie     Karte von Kroatien   Mapa Croacia   Map of Croatia

Carte de Zagreb     Karte von Zagreb   Mapa Zagreb   Map of Zagreb

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal