Cappella Sistina

Ann.

Cappella Sistina

 

La Cappella Sistina venne così chiamata perché costruita in epoca rinascimentale dall'architetto Giovanni dei Dolci per conto di Papa Sisto IV, tra il 1475 ed il 1481. Guardandola e cercando di decifrarla la cappella si presenta come un rettangolo molto grande (40 m per 13 m), con una volta molto alta (21 m) e senza ornamenti architettonici, coro, cappelle laterali o transetto. Niente distrae l'occhio dalla decorazione pittorica, una delle più grandi opere d'arte nella storia dell'umanità.

La decorazione della cappella fu eseguita in tre fasi: il ciclo di Sisto IV sulle pareti laterali, la volta commissionata da Giulio II a Michelangelo e il Giudizio Universale dello stesso Michelangelo da parte di Paolo III.

Cappella Sistina - RomaDa allora è la cappella del Papa nel Palazzo Apostolico, la residenza papale ufficiale della Città del Vaticano. E' un edificio rettangolare con finestre ad arco lungo ciascuna delle pareti laterali e soffitto con volta a botte. Anche se l'esterno è cupo e disadorno, l'interno è uno dei capolavori dell'umanità, decorato è ricoperto - dal pavimento al soffitto - da affreschi dei più famosi artisti del primo Rinascimento. I suoi capolavori di arte sacra, probabilmente il più grande affresco di sempre, sono gli affreschi della Genesi e del Giudizio Universale, dipinti da Michelangelo. Altri maestri e grandi artisti che contribuirono alla realizzazione di questa opera immortale furono tra gli altri Botticelli, Perugino, Pinturicchio, Ghirlandaio, Luca Signorelli.

Duranti i suoi trent'anni a Michelangelo venne 'ordinato' dal suo più grande magnate, papa Giulio II, d'interrompere il suo lavoro sulla tomba papale e dedicare il suo enorme talento agli affreschi del soffitto della Cappella Sistina. L'artista fiorentino lavorò all'opera per quattro anni, dal 1508 al 1512, non senza fatica tanto da danneggiare in modo permanente la sua vista.

A partire dal Giudizio Universale, e dipinte in ordine inverso, le scene del grande affresco raffigurano, la Separazione della luce dalle tenebre, la Creazione del Sole, Luna e Pianeti, la Separazione del Territorio e del Mare e la Creazione dei pesci e degli uccelli selvatici, la Creazione di Adamo, la Creazione di Eva, Tentazione e cacciata dal Paradiso, il Sacrificio di Noè (che avrebbero dovuto figurare dopo il diluvio), il Diluvio e l'Ebbrezza di Noè.

Oggi, quello che è considerato il più grande e famoso affresco del mondo, è anche quello più visitato in Italia. Per secoli la cappella Sistina è stata usata per le elezioni dei pontefici. Nella Cappella Sistina infatti si svolgono ancora importanti funzioni cerimoniali, e viene utilizzata dal Sacro Collegio Cardinalizio durante l'elezione di un nuovo papa durante il Conclave. In tali occasioni le zone più basse delle pareti laterali sono coperte da una serie di arazzi originariamente disegnati da Raffaello e prodotti da tessitori fiamminghi a Bruxelles, intorno al 1520. La cappella è considerata uno dei musei d'arte più belli d'Europa.

Architettura

Cappella SistinaLa Cappella Sistina, venne progettata dall'architetto fiorentino Baccio Pontelli per Papa Sisto IV (1471-1484), che voleva avere un edificio che ospitasse la cappella del palazzo e fungesse anche da fortezza vaticana. L'edificio doveva essere costruito sul luogo della Cappella Magna, una sala fortificata medievale usata dalla Corte Pontificia per alcune assemblee cerimoniali. La Cappella Sistina fu eretta tra il 1473 e il 1481 sotto la direzione di Giovannino de Dolci, che ne curò anche la decorazione pittorica fino alla sua inaugurazione formale nel 1483.

L'esterno dell'edificio non presenta facciate, elementi decorativi o ingressi processionali, in quanto l'ingresso alla cappella avviene dall'interno del Palazzo Papale. L'area principale della cappella, le cui dimensioni architettoniche (40x13 metri ovvero 134 x 44 piedi) si basano su quelle del Tempio di Salomone a Gerusalemme - distrutto dai Romani nel 70 d.C. - è sormontata da un soffitto a volta alto fino a 20 metri.

Ci sono sei finestre ad arco lungo ogni parete laterale, e sul pavimento un magnifico mosaico marmoreo del XV secolo. Un alto paravento di marmo separa il presbiterio dal corpo generale della cappella. Lo schermo del coro e gli stalli del coro, decorati con delicati rilievi ornamentali, sono opera di Mino sa Fiesole e dei suoi collaboratori.

I primi affreschi

Terminati tutti i lavori architettonici nel 1481, Sisto IV convocò per decorare la cappella alcuni importanti pittori fiorentini, tra cui Sandro Botticelli (1445-1510), Domenico Ghirlandaio (1449-94), Cosimo Rosselli (1439-1507), Luca Signorelli (1440-1523 circa), oltre ad artisti umbri come il Perugino (1450-1523 circa) e il Pinturicchio (1454-1513 circa).

Cappella Sisitna - Michelangelo 1508Le pitture murali della Cappella Sistina erano disposte su tre ordini, come segue. Il livello inferiore è dipinto con drappeggi damascati a trompe-l'oeil in argento e oro, decorati con lo stemma del papa. Il livello centrale è dipinto con due cicli di quadri complementari: La vita di Mosè e la vita di Cristo. Il livello superiore contiene una Galleria dei Papi: otto ritratti sono attribuiti al Ghirlandaio, due al Rosselli e sette a Fra' Diamante.

La vita di Mosè e la vita di Cristo coprono le pareti laterali. Lo schema decorativo originale prevedeva una serie di cornici affrescate, poste a metà altezza per essere visibili e passare da un passaggio all'altro, con la storia di Mosè, figura centrale dell'Antico Testamento che annuncia l'alleanza tra Dio e l'uomo; sul lato nord, il ciclo di Cristo che ha fatto questa alleanza.

In totale 27 sono ancora presenti, ma altri quattro ritratti che un tempo si trovavano sulla parete dell'altare sono stati distrutti per far posto al Giudizio Universale. Tutti questi affreschi furono completati entro il 1482.

L'opera di Michelangelo è così impressionante che si è tentati di ignorare il resto, e questo sarebbe un vero peccato. È necessario vedere in particolare nel ciclo di Mosè: la prima cornice del Giudizio Universale, su cui hanno lavorato Perugino, Rosselli, Rosselli, Ghirlandaio e Rosselli (Viaggio in Egitto), la seconda e la quinta di Botticelli (Gioventù di Mosè); nel ciclo di Cristo, il primo dipinto del Pinturicchio e Perugino (Battesimo di Cristo), il secondo del Botticelli (Guarigione del lebbroso e tentazione di Cristo), il terzo del Ghirlandaio (Vocazione di Pietro e Andrea) e il quinto del Perugino (Cristo che dà le chiavi a San Pietro). I dipinti non menzionati sono di Cosimo Roselli.

Affresco del soffitto della Genesi

La decorazione della Cappella fu completata dal nipote di Sisto IV, Giuliano della Rovere, che divenne Papa Giulio II (1503-1513). Quest'ultimo Papa, noto per il suo autoritarismo, lasciò Michelangelo libero di trattare questo spazio secondo la sua ispirazione. Le sei finestre laterali definiscono nove spazi sulla volta dedicati alla storia della creazione del mondo. Si riconoscono, a partire dal coro, cioè dal muro dove si trova il Giudizio Universale: La separazione della luce dalle tenebre, La creazione del sole e della terra, La creazione delle piante, La creazione dell'uomo, (che è parte più famosa del tutto), La creazione della donna, Il peccato originale, La cacciata dal paradiso, Il sacrificio di Noè, Il diluvio, L'Ebrezza di Noè. Tra una scena e l'altra Michelangelo dipinse uomini nudi, i famosi Ignudi, che sono, ovviamente, un omaggio alla creazione, ma anche un'espressione quasi scultorea che forse ci dice il rammarico dell'artista di non praticare più la sua arte preferita. Michelangelo prese ispirazione per le forme anatomiche negli affreschi di Adamo ed Eva, dal portale della Basilica di San Petronio di Jacopo della Quercia.

Le quattro volte angolari sono dedicate a quattro episodi della Bibbia: Giuditta e Oloferne, Davide e Golia, Punizione di Aman  e Il serpente di Bronzo. Infine, tra le finestre, sono rappresentati i profeti Geremia, Ezechiele, Gioele, Zaccaria, Isaia, Daniele e Giona. E, tra i profeti, personaggi femminili: le Sibille. Profeti e Sibille che profetizzarono la nascita di Cristo sono ai lati del soffitto. Questi personaggi, che esistevano nelle religioni pagane e che dovevano trasmettere involontariamente i messaggi delle divinità, furono recuperati nella religione cristiana come sorta di ausiliari profetici. Un'intera decorazione architettonica a trompe l'oeil separa questi diversi elementi.

Giulio II era deciso durante il suo papato a rinnovare Roma e a lasciare una impronta duratura nella storia della cittàe, per aiutarlo a realizzare questo sogno, chiese a Michelangelo di dipingere il soffitto della Cappella Sistina. Questa vasta impresa - che copre un'area di più 3600 metri quadrati - fu eseguita da Michelangelo, praticamente da solo, tra il 1508 e il 1512. La Genesi è considerato come una delle più grandi opere d'arte figurativa, ed esemplifica molti degli ideali della pittura dell'Alto Rinascimento - non ultima l'esaltazione del nudo maschile.

Arazzi di Raffaello

Nel 1515, Papa Leone X (1513-1521) commissionò a Raffaello  di disegnare i cartoni per una serie di dieci arazzi per coprire il livello più basso delle pareti, e per competere con l'impennata arte religiosa disposta sul soffitto. Già coinvolto nel rinascimento pontificio a Roma attraverso i suoi precedenti lavori per Giulio II, che gli aveva affidato la decorazione ad affresco degli appartamenti papali (Stanza della Segnatura), oggi note come Stanze di Raffaello (Vaticano), completò i disegni degli arazzi nel giro di un anno. I disegni furono poi tessuti a Bruxelles nell'atelier di Pieter van Aelst durante il periodo 1515-19. Sebbene i cartoni animati, tutti basati sulle immagini degli Atti degli Apostoli, siano tra i disegni più nobili di Raffaello, solo una parte della pennellata fu eseguita dall'artista stesso.

Affresco del Giudizio Universale

Nel 1534, una ventina d'anni dopo aver completato l'affresco del soffitto sistino, Michelangelo fu incaricato da papa Paolo III (1534-1549) di eseguire un dipinto murale raffigurante il Giudizio Universale sulla parete dell'altare della cappella, su progetto inizialmente elaborato da papa Clemente VII (1523-1534). Il dipinto fu completato tra il 1534 e il 1544 e lo terminò all'età di 69 anni, circa 30 anni dopo l'inaugurazione dell'affresco della Genesi, ma il mondo era cambiato, così come le due opere di Michelangelo nel sentimento e nel significato, con le sue figure minacciose e lo stato d'animo di ira divina. Ma la Riforma squarciò il mondo cristiano come era stato conosciuto fino ad allora. I papi portano la barba come segno di penitenza, la Controriforma è in marcia. Se la precedente opera della Genesi, in stile alto rinascimentale, aveva catturato l'estetica umanistica trionfante di un universo ordinato, il Giudizio Universale in stile manierista rifletteva la nuova insicurezza di un'epoca caratterizzata dal Sacco di Roma a opera dei lanzichenecchi di Carlo V del 1527 e da un concorso europeo di militanza tra protestantesimo e controriforma cattolica.

Paolo III decise di colpire l'immaginazione con un'evocazione del peccato e della salvezza. Michelangelo stesso era un essere tormentato. Le sue poesie dell'epoca, essendo stato anche un grande poeta del suo tempo, esprimono i suoi dolorosi sentimenti: "Pieno di anni e pieno di peccati di cui ho la tristezza, l'abitudine tenace radicata molto fortemente, mi vedo a toccare quasi entrambi i morti, ma sempre distillando veleno nel mio cuore."  Il Giudizio Universale causò  scandalo. E 'stato indicato come il Dies Irae, il giorno dell'ira della Chiesa controriformista. Scioccò la nudità dei personaggi al punto che, in seguito, Paolo IV fece coprire alcune parti da Daniele Da Volterra, che si guadagnò il soprannome di Braghettone. Grazie al suo intervento "censorio" tuttavia, e per fortuna, il progetto di demolire quegli affreschi considerati scandalosi fu accantonato. Si dice anche che Michelangelo dipinse il suo nemico personale, il maestro di cerimonie del papa, Biagio Da Cesena, tra i dannati, come Mida, con le orecchie d'asino (in basso a destra, circondato da un serpente). Questi aneddoti hanno poco interesse per l'opera, che è stata appena pulita, restaurata e liberata dalle modeste aggiunte.


I più grandi dipinti religiosi di tutti i tempi

Fin dalla sua realizzazione, avvenuta nel 1512, l'affresco del soffitto Sistino di Michelangelo fu considerato uno dei massimi esempi di arte pittorica. Il suo successivo Giudizio Universale, pur suscitando polemiche per l'uso della nudità, è anche considerato una delle più grandi opere di pittura religiosa.


 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazioni interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ce ne offri due), così ci aiuterai a scrivere la prossima guida:  Paypal


Dove si trova?

Torna su

 

 

 

Ostelli Roma  Ostelli Italia

Carte de Rome     Karte von Rom   Mapa Roma    Map of Rome

Carte Latium     Karte von Latium  Mapa Lazio     Map of Lazio

Carte d'Italie  Karte von Italien  Mapa Italia   Map of Italy

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal