Chiesa di Santa Maria del Carmine

Advertisement
Sei qui: Cosa vedere a Firenze  >

Chiesa di Santa Maria del Carmine a Firenze

L'interesse riservato alla Chiesa di Santa Maria del Carmine a Firenze, quasi integralmente danneggiata dopo l’incendio che nel 1771 aveva distrutto il vecchio edificio gotico, è legato soprattutto agli affreschi di Masaccio nella Cappella Brancacci, risparmiata miracolosamente dalla distruzione. Fondata nel 1268 dall’Ordine dei Carmelitani questa chiesa è, con con la Chiesa di Santo Spirito, l’edificio più importante sorto nella zona di Oltrarno fuori della seconda cerchia di mura.

Advertisement


Chiesa di Santa Maria del Carmine a Firenze - InternoIl vasto complesso architettonico si presenta all'esterno con una struttura medioevale in pietra a faccia a vista che ben si inserisce, attraverso la grande piazza antistante, nel contesto urbanistico del popoloso quartiere. I vari elementi architettonici, costruiti e rielaborati in epoche diverse, dal 1200 al 1700, trovarono all’interno un’impronta defilava dopo una nuova sistemazione progettata da Giuseppe Ruggieri e conclusa da Giuliano Marnami nel 1782.

 

Cappella Brancacci - Chiesa di Santa Maria del CarmineLa pianta della chiesa attuale è a croce latina, a una sola navata appena movimentata dalle nicchie nelle quale si aprono le cappelle con i sobri altari settecenteschi. Una più ampia articolazione formale è costituita dalle prospettive architettoniche della volta eseguite da Domenico Stagi attorno al grande affresco con l’Ascensione di Giuseppe Romei. AI due maestri appartengono anche gli affreschi della volta del coro dove si possono ammirare un grandioso organo settecentesco e il Monumento a Pier Soderini, ultimo gonfaloniere della Repubblica di Firenze, di Benedetto da Rovezzano.

 

Cappella Brancacci - Chiesa di Santa Maria del CarminePiù intenso il trattamento plastico del transetto definito nei frontespizi trionfali della Cappella Brancacci e della Cappella Corsini, opposte. Nel contesto del rifacimento settecentesco, proprio la cappella dedicata a San'tAndrea Corsini e costruita su progetto di Pier Francesco Silvani costituisce una delle più compiute espressioni artistiche del Seicento fiorentino. Nel limitato spazio del suo interno risaltano l’architettura asciutta e sintetica del Silvani contenuta nei termini di una trascrizione dei temi barocchi in ambito fiorentino, la pittura corposa e ariosa espressa da Luca Giordano nella Gloria affrescata sulla volta della cupola e la scultura vigorosa e intensa di Giovan Battista Foggini, autore dei tre altorilievi in marmo sovrastanti le tombe di Neri e di Pietro Corsini. Le pitture più importanti della navata sono la Crocifissione di Giorgio Vasari al terzo altare del lato destro, e la Visitazione di Aurelio Lomi in quello successivo.

 

Cappella Brancacci - Chiesa di Santa Maria del CarmineLa Cappella Brancacci, situata in fondo al braccio destro della crociera, fu costruita intorno al 1306 e affrescata, su incarico di Felice Brancacci, mercante e uomo politico fiorentino, da Masolino da Panicale e da Masaccio tra il 1423 e il 1428. Rimasti incompiuti per l’esilio del committente nel 1434 e per la morte degli artisti, gli affreschi furono completati tra il 1481 e il 1485 da Filippino Lippi. Mentre la personalità di Masolino, per quanto aperta alle nuove teorie prospettiche di Brunelleschi, era ancora legata al gusto tardogotico, anche in relazione alle esigenze della committenza, Masaccio, proprio attraverso l'applicazione della prospettiva lineare e aerea, riscopre il più genuino e definitivo senso dello spazio di Giotto. Filippino Lippi, nell'intervento conclusivo che gli fu affidato nel 1484, cercò di adeguarsi con umiltà allo stile del maestro, iniziatore del Rinascimento, al quale ormai si guardava con venerazione. La volta della cappella, originariamente a crociera, è affrescata con la Madonna del Carmine in gloria di Vincenzo Meucci, mentre le prospettive ad affresco dei lunettoni furono eseguite nel 1765 da Carlo Sacconi in sostituzione di affreschi di Masolino andati perduti. L’altare è sistemato in un’edicola barocca in marmo e la tavola con la Madonna del Carmine è di scuola toscana del Duecento con influenze bizantine.
 

Cappella Brancacci - Chiesa di Santa Maria del CarmineGli affreschi sulle pareti della cappella rappresentano Storie della Vita di San Pietro, titolare della cappella stessa, e il Peccato originale. Il ciclo pittorico, improntato a un intenso significato civile, con evidente riferimento all'istituzione del catasto varata nel 1427 a Firenze, divenne ben presto l'alta scuola di tutti gli artisti del Rinascimento. Tra le scene più significative eseguite da Masaccio sono, nel registro superiore: la Cacciata dal Paradiso sulla testata di sinistra, il Pagamento del tributo che segue sulla parete, San Pietro che battezza i neofiti, sulla destra dell'altare, mentre la successiva scena denota un duplice intervento: quello di Masaccio nel San Pietro che risana lo storpio e nello sfondo della Firenze del tempo, con caseggiati e piccole figure, mentre a Masolino si assegna la Resurrezione di Tabita, la Predicazione di San Pietro e la Tentazione di Adamo ed Eva.

 

Chiesa di Santa Maria del Carmine nella piazza omonimaNel registro inferiore appartengono a Masaccio le due scene ai lati dell’altare raffiguranti rispettivamente San Pietro e San Giovanni che distribuiscono beni alla comunità e San Pietro che risana con la sua ombra gli infermi. Ancora a Masaccio si deve il San Pietro in cattedra sulla parete di sinistra, mentre tutte le altre scene sono di Filippino Lippi.

 

A sinistra della Cappella Brancacci, attraverso un vestibolo, si accede alla sagrestia, vasto ambiente rettangolare con copertura a capriate policrome, monofore ogivali e una cappellai nel fondo, illuminata da una bifora gotica e affrescata su tre zone con Scene della Vita di Santa Cecilia. Dallo stesso vestibolo si scende nel chiostro degli inizi del XVII secolo. In alcuni ambienti sono raccolte tavole, tele e affreschi staccati di artisti importanti, tra i quali figurano Filippo Lippi e Gherardo Stamina.

 

 

Chiesa di Santa Maria del Carmine

Piazza del Carmine, 50124 Firenze
Tel: 055 212331

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazioni interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ce ne offri due), così ci aiuterai a scrivere la prossima guida:  Paypal

 

Dove si trova?

Torna su

 

Ostelli Firenze  Ostelli Italia  Auberges de Jeunesse Italie   Hotel Firenze

Carte de Florance     Karte von Florenz    Mapa Florencia Map of Florence

 Carte de la Toscane     Karte von Toskana     Mapa Toscana     Map of Tuscany

Carte d'Italie  Karte von Italien  Mapa Italia   Map of Italy

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal