Castello di Nymphenburg

Advertisement

Sei qui: Cosa vedere a Monaco  >

Castello di Nymphenburg a Monaco

Il castello di Nymphenburg di Monaco (Schloss Nymphenburg), il Palazzo di Ninfa, è situato nelle immediate vicinanze ad ovest della città, in un grande parco, e serviva da residenza estiva ai reali della Baviera, appartenenti alla dinastia dei Wittelsbach. Questi ultimi governarono Monaco e gran parte della Baviera per oltre sette secoli, servendo due imperatori del Sacro Romano Impero, sovrani alle diverse corti europee (tra cui Danimarca e Norvegia, Svezia, Grecia, Ungheria), principi elettori (appartenenti cioè all'elettorato che sceglieva gli imperatori dello stesso Sacro Romano Impero), duchi e conti.

Advertisement

Castello di NymphenburgLa storia del grande Palazzo di Nymphenburg coinvolge cinque generazioni dei Wittelsbach. Il tutto ha inizio con Ferdinando Maria di Baviera, principe elettore dal 1651. Costui ne ordinò la costruzione per festeggiare la nascita di suo figlio, Massimiliano Emanuele e per la moglie, l'italiana Enrichetta Adelaide di Savoia (nipote di Enrico IV di Francia e figlia del duca Vittorio Amedeo di Savoia) quale ringraziamento per la nascita dell’erede Massimiliano II Emanuele. Il complesso venne iniziato nel 1664 su progetto dell'architetto italiano Agostino Barelli e successivamente ampliato da altri due architetti italiani, Enrico Zuccalli e Antonio Viscard., su commissione dello stesso Massimiliano Emanuele. L’aspetto odierno dell’edificio centrale è opera di Josef Effner. Il palazzo non mantenne il suo stato originale per molto tempo. Ulteriori aggiunte continuarono in particolare durante tutto il corso del XVIII secolo. La facciata venne estesa in una impressionante larghezza di 600 metri e venne inoltre costruito un semicerchio di palazzi barocchi, noto come Schlossrondell, sotto l'imperatore Carlo VII. La grande sala Steinerner Saal venne aggiunta durante il regno del principe elettore Massimiliano III Giuseppe e comprende un incredibile numero di ornamenti in stile rococò creati dall'architetto François Cuvilliés, e un splendido soffitto affrescato creato da Johann Baptist Zimmermann.

Il castello è così composto

Castello di NymphenburgEdificio centrale: Steinerer Saal (sala di pietra 1755-1757), con affreschi nel soffitto a volta di J.B. Zimmermann e F. Zimmermann (dedicati alla dea Flora); gli stucchi rococò si basano su progetti di Cuvilliés.

Ala nord: Pannelli in legno si J.A. Pichler nella prima anticamera, arazzi di Bruxelles (del 1700 circa) nella stanza Gobelin, "galleria delle bellezze" di Max Emanuel, stanza degli stemmi nonché antica camera da letto, con dipinti J. Werner.

Ala sud: Anticamera e camera da letto con dipinti sul soffitto di A.D Triva, il "gabinetto delle lacche cinesi" (trasformato da Cuvilliés fra il 1763 ed il 1764), galleria con vedute di palazzi bavaresi (1750 circa), nonché la famosa galleria delle "bellezze" di Ludwig I, cioè i ritratti di 36 belle donne di Monaco, di tutti i ceti sociali (fra cui anche la ballerina Lola Montez), al cui fascino il re non poté resistere e che infine furono la causa della sua abdicazione.

Il parco fu trasformato nel 1715 su modello francese da un architetto studente del famoso André la Nôtre, il suo nome era Dominique Girard (l'esempio era sempre quello di Versailles), autore in seguito anche dei giardini del Palazzo del Belvedere a Vienna. Nella seconda metà del XVIII secolo fu nuovamente rivisitato: rimase l'asse originario del giardino, che si concentra intorno ad un lungo canale. Alla fine di questo canale, lungo 900 metri, si trova una cascata ornata da quattro sculture di grandi dimensioni. All'altra estremità del palazzo un canale ancora più lungo (2 km) conduce, attraverso un grande viale, al palazzo. Nel secolo XIX, la moda inglese dei giardini "naturali" soppiantò la moda "artificiale" francese, un altro giardiniere-architetto di fama (questa volta tedesco), Friedrich Ludwig von Sckell trasformò nuovamente il parco in un giardino inglese di campagna, mantenendone però i tratti basilari dell’impianto Barocco.

Castello di Nymphenburg  - Monaco di BaveriaAll'interno di questa grande area verde troviamo la loggia della caccia (1879), nota con il nome di Amalienburg, un capolavoro del rococò di corte. La sala degli specchi è circolare e presenta delle decorazioni in argento su sfondo blu, con immagini affrescate dell'attività di caccia. Non si tralasci la visita alle altre stanze di questo edificio, in particolare la cosiddetta 'stanza del riposo' in oro ed argento, e la cucina, arredata con maioliche olandesi.

Il Badenburg è un padiglione completato nel 1721 da Josef Effner come palazzetto termale per la corte di Max Emanuel. Ospita infatti una piscina riscaldata, una delle prime dell'epoca. Il tema è sempre lo stesso, l'acqua e il mare, tanto sono ricche le decorazioni, con conchiglie, frutti e richiami alla mitologia classica (l'affresco nel soffitto "Apollo nel carro del sole" è di Jacopo Amigoni, un noto pittore italiano della corrente artistica roccoco).

A Josef Effner si deve anche il Pagodenburg, un padiglione utilizzato come sala da tè, con pianta a croce. Serviva anticamente come luogo di riposo per i giochi dei cortigiani. Le stanze sono arredate, secondo la moda del tempo, con "cineserie", mentre l'esterno è adorno di classiche divinità della Roma antica.

Castello di NymphenburgLa Magdalenenklause, fu costruita come una sorta di dimora per l'ormai vecchio principe Max Emanuel. A costruirla tra il 1725 ed il 1728 fu ancora una volta Effner. L’architettura, volutamente decadente, di questo "luogo di penitenza", propone oltre ad elementi romantici e gotici, anche elementi moreschi. Il dipinto sul soffitto della cappella (raffigurante la vita di Maria Maddalena), è opera di N. G. Stubner. All’ingresso ovest del parco, si trova la grande cascata in stile Barocco, su progetto di Effner.

Nymphenburg oggi

Castello di NymphenburgI visitatori di Nymphenburg possono ancora vedere le camere, arredate nel loro stile barocco originale. Alcune, tuttavia, furono rifatte a seconda del gusto dei periodi successivi, come le stanze nello stile  rococò e o quelle in stile neo-classico. Quelle che un tempo erano le stalle e le scuderie, nella parte sud del palazzo, ospitano un bel museo dedicato alle antiche carrozze e alle slitte, il Marstallmuseum, Museo della scuderia del castello di Nymphenburg, dove si ammira l'affascinante atmosfera di un tempo. Le antiche scuderie di corte sono un luogo da non perdere, con le magnifiche carrozze, le slitte, i finimenti e le selle. Tutto ricorda dello splendore della corte dei Wittelsbach. I pezzi più noti sono le carrozze di gala del re Ludwig II. Nella stessa zona è situato anche il Museo delle porcellane che offre una collezione praticamente completa della manifattura di porcellane di Nymphenburg, fondata nel 1761. Nell’ala nord del palazzo troviamo un altro interessantissimo complesso culturale, il Museo dell'Uomo e della Natura, un intricato rapporto nella storia del tempo (con mostre itineranti).

Nymphenburg

Schloss Nymphenburg 1

80638 Nymphenburg

Monaco di Baviera

7km da Altstadt

Trasporti: U-Bahn per Rotkreuzplatz, seguita da tram 17 per Botanischergarten. Bus: 41

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazioni interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ce ne offri due), così ci aiuterai a scrivere la prossima guida:  Paypal

 

Dove si trova?

Torna su

 

Ostelli Monaco  Ostelli Germania
Carte d'Allemagne
Karte von Deutschland     Mapa  Alemania   Map of Germany

Carte de Munich Karte von München  Mapa Munich   Map of Munich

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal