Antonio Canova

Sei qui: Biografie >

Antonio Canova - Biografia e opere

 

Lo scultore Antonio Canova, famoso per le sue sculture in marmo di delicati nudi, fu probabilmente il massimo esponente della scultura neoclassica, la riscoperta dei capolavori della scultura greca, con i corpi perfetti degli atleti e le figure bellissime delle dee, considerato il livello più alto mai raggiunto dall'arte. Uno dei massimi massimi teorici ed esponenti del neoclassicismo Johann Joachim Winckelmann nel suo celebre aforismo del resto diceva: "L'unica via por noi di farci più grandi, e, dove possibil fosse, inimitabili, è l'imitazione degli Antichi".

Lavorando dopo gli eccessi dello stile barocco, Canova si ritagliò una nicchia nel mondo dell'arte neoclassica. Chiamato 'il supremo ministro della bellezza' e 'un uomo unico e veramente divino' dai suoi contemporanei, Canova fu molto acclamato ai suoi tempi, una autentica celebrità, tanto che si contendevano i suoi servigi ricchi borghesi, papi, principi e l'imperatore Napoleone hanno ammirato le sue sculture e hanno fatto a gara per farsi ritrarre da lui nel marmo.

Le sue opere più famose includono Apollo che si incorona (1781, J Paul Getty Museum, Los Angeles), Teseo e il Minotauro (1781, Victoria and Albert Museum, Londra), Cupido e Psiche (1786-93, Louvre, Parigi), e Paolina Bonaparte Borghese come Venere Vittoriosa (1808, Roma, Villa Borghese). La sua tomba per papa Clemente XIV invita al confronto diretto con la concezione del Bernini del sepolcro papale; l'abbagliante policromia di quest'ultimo è stata sostituita dal marmo di Carrara non isolato di Canova, mentre le forme curvilinee e le forti diagonali sono state sostituite da un rigido sistema di orizzontali e verticali. Anche se in seguito la critica ha sostenuto che il classicismo di Canova ha portato ad una fatale perdita di vitalità artistica, i suoi contemporanei hanno assunto una visione più alta, elogiandolo per il suo superlativo sentimento per la scultura greca. Per esempio, gli spettatori che videro per la prima volta Teseo e il Minotauro erano sicuri che si trattasse di una copia di un originale greco e rimasero scioccati nell'apprendere che si trattava di un'opera contemporanea.

Carriera e formazione iniziale

Antonio Canova nasce il 1º novembre 1757 a Possagno , un piccolo paese della Repubblica di Venezia, dove erano presenti numerose e importanti cave di marmo. Figlio di uno scalpellino morto nel 176, non appena ebbe l'età giusta iniziò ad imparare i principi del disegno dal nonno, a sua volta scalpellino.

 Suo nonno aveva una buona conoscenza del disegno, delle opere ornamentali e dell'architettura. Canova scoprì rapidamente il talento per la scultura e, nello studio del nonno, scolpì diverse opere in marmo prima dell'adolescenza. Fu in questo studio che il giovane venne all'attenzione del senatore veneziano Falier, che sarebbe diventato un suo mecenate per tutta la vita. Il Canova fu posto dal suo mecenate sotto l'ala dello sculture Giuseppe Bernardi (noto anche come Giuseppe Torretto), all'epoca eminente scultore. Studiò sotto quest'ultimo per due anni prima di trasferirsi a Venezia per continuare gli studi all'età di quindici anni.

Nel 1775 Canova fondò il proprio studio a Venezia. Nel 1779 scolpì Dedalo e Icaro, commissionati dal Pisani, procuratore della Repubblica di Venezia; fu la prima opera importante del Canova. Di stile un po' rococò, le figure erano considerate talmente realistiche che lo scultore fu accusato di realizzare calchi in gesso da modelli vivi. Nonostante in seguito sia diventato un campione del neoclassicismo, le prime opere di Canova mostravano, com'è ovvio che fosse in quel periodo, elementi di arte barocca e rococò. Esempi di questo periodo sono le sue statue rococò di Orfeo (1776, Museo Correr, Venezia) ed Euridice (1775, Museo Correr) e le sue statue barocche Dedalo e Icaro (1777-79, Museo Correr).

Roma e il Neoclassicismo

Canova visitò Roma nel 1779 e nel 1781 e raggiunse una svolta nel suo stile. Studiò antichità e visitò gli studi dei restauratori romani Bartolomeo Cavaceppi e Francesco Antonio Franzoni. Fu anche influenzato dal neoclassicista inglese Gavin Hamilton e da altri artisti d'avanguardia. In un concorso Canova presentò una statua con Apollo che incorona se stesso (1781, Getty Museum, Los Angeles), uno dei grandi nudi maschili della storia dell'arte. L'opera venne a definire lo stile neoclassico e il suo successo permise al giovane scultore di ottenere un grande blocco di marmo per la sua opera successiva, Teseo  e il Minotauro (1781, Victoria and Albert Museum), che avrebbe contribuito a consolidare la sua reputazione. Rivoluzionaria nella sua severità senza compromessi, l'opera segnò la fine dell'era barocca nella scultura: da quel momento in poi, il nuovo stile greco subentrò gradualmente come stile ufficiale per tutti i monumenti e i grandi progetti scultorei.

Canova visitò Napoli e gli antichi siti archeologici di Ercolano, Pompei e Paestum. Tornò brevemente a Venezia, ma nel 1781 fu di nuovo a Roma, dove trascorrerà la maggior parte della sua vita. Qui divenne una figura attiva e influente nella vita artistica della città e fu sempre disponibile ad aiutare i giovani artisti e a trovare i loro mecenati.

Nel 1782 Canova ricevette la sua prima grande commissione, il Monumento a papa Clemente XIV (1782-7, Basilica dei Santi XII Apostoli, Roma). Quando fu esposto nel 1787, le folle accorrevano per vederlo. Nello stesso anno fu incaricato di eseguire il Monumento funebre a Papa Clemente XIII (1787-92, Basilica di San Pietro, Vaticano). Completata nel 1792, mostra una comprensione più sviluppata dell'estetica classica dell'antichità rispetto al suo monumento a Clemente XIV. Le tombe successive furono sempre più neoclassiche e combinarono moderazione e sentimento.

Un'altra statua in marmo di questo periodo è Cupido e Psiche (1786-93, Louvre, Parigi). Si tratta di una combinazione di stile classico ed erotico. Amore e Psiche sono rivolti l'uno verso l'altro in un amore sensuale, basato sulla mitologia greca. Importante anche la sua Maddalena penitente (1796, Palazzo Bianco, Genova), esposta per la prima volta al Salon di Parigi nel 1808 e considerata una delle più grandi sculture dell'epoca moderna. La Maddalena inginocchiata trafigge lo spettatore, mentre contempla una croce e un teschio in grembo.

Grazie al suo successo internazionale, Canova poté scegliere le sue commissioni, che gli permisero di rifiutare i monumenti funerari tradizionali a favore di figure classiche libere. Un bell'esempio è Ercole e Lica (1795-96, Gipsoteca, Possagno).

Sculture della famiglia Napoleone

Nel 1797 Canova si trasferì a Vienna Vienna dove lavorò alla tomba della duchessa Maria Cristina di Sassonia-Teschen (1798-1805, Chiesa Agostiniana, Vienna). Nel 1802, su iniziativa del Papa, accettò l'invito di Napoleone ad andare a Parigi, dove divenne scultore di corte e influenzò notevolmente l'arte francese. Trascorse parte del 1802 a Parigi lavorando ad un busto di Napoleone, e nel 1806 Giuseppe Bonaparte commissionò una statua equestre di Napoleone. Seguirono altre statue a figura intera, tra cui Napoleone come Marte Pacificatore (1803-09, Pinacoteca di Brera, Milano), Napoleone I (1811, Palazzo Brera, Milano) e un bronzo equestre per Napoli. Tuttavia, l'opera più nota del Canova è il ritratto della sorella di Napoleone, Paolina Bonaparte Borghese come Venere (1808, Roma, Villa Borghese), una delle numerose statue di membri della famiglia napoleonica basate su prototipi classici.

Ritorno a Roma

Canova nel 1805 fu nominato ispettore generale delle belle arti e delle antichità dello Stato Pontificio. Nel 1810 fu insignito del titolo di Presidente dell'Accademia di San Luca, la principale istituzione artistica di Roma. Dal 1812 al 1816 scolpì le sue famose Tre Grazie.

Dopo aver visitato Parigi per organizzare il ritorno dei tesori d'arte italiani saccheggiati dai francesi, si recò a Londra (1815) per dare il suo parere sui Marmi di Elgin (conosciuti anche come Marmi del Partenone e ancora oggi oggetto di controversia internazionale tra Grecia e Regno Unito). Il successo della sua missione a Parigi portò al riconoscimento del titolo di marchese d'Ischia da parte del Papa. A Londra, il principe reggente, poi Giorgio IV, commissionò un gruppo a grandezza naturale di Venere e Marte. Altre commissioni tardive includono il monumento Stuart a San Pietro (1819), l'alterazione e il completamento dell'equestre Napoleone in Carlo III di Napoli (1819), e un Monumento a George Washington (1820; distrutto da un incendio nel 1830), idealizzato in costume romano, eretto a Raleigh, N.C., nel 1821.

Canova era anche un pittore, ma i suoi dipinti (soprattutto nella Gipsoteca Canoviana di Possagno) costituiscono una parte minore delle sue opere. Si tratta di alcuni ritratti e ricostruzioni di dipinti antichi rinvenuti ad Ercolano.

Canova fu importante nello sviluppo dello stile neoclassico tanto quanto Jacques-Louis David nella pittura. La dominazione di Canova della scultura europea a cavallo tra il XVIII secolo e l'inizio del XIX secolo si riflette in innumerevoli adulazioni in memorie, poesie e giornali.

Nelle ultime opere rimaste del Canova, scolpì una statua di Venere e Marte (1816-22, Courtauld Institute Galleries, Londra) e stampi in cera per una statua equestre di re di Spagna Ferdinando VII di Borbone. Canova morì nel 1822, il suo cuore fu sepolto in una piramide di marmo da lui progettata come mausoleo per il pittore Tiziano nella chiesa di Santa Maria Gloriosa dei Frari a Venezia, oggi monumento allo scultore. Canova fu sepolto a Possagno in un tempio da lui stesso progettato a imitazione del Pantheon di Roma.


Perseo in Vaticano

Perseo e la testa di Medusa (1797-1801, Musei Vaticani, Roma). Su richiesta del pubblico questa statua fu collocata in una delle stanze del Vaticano - un onore finora riservato alle opere più preziose dell'antichità.

 

Eredità e critica

Non sempre dopo la sua morte e la fine del periodo neoclassicista Canova ha goduto di una buona critica. Gli aggettivi negativi si sono spesso sprecati quanto quelli positivi: artificiale, petulante, burocrate, fossile, imitatore, cementiere, figurinista alla moda, meccanico, tutte le varianti del freddo, frigido, congelato, mortuario, cimiteriale.

Concludiamo con due frasi su Canova, la prima di Stendhal che del grande sculture di Possagno diceva: "Finché Canova vive, l'immortalità si può comperare."; la seconda di uno dei più grandi storici dell'arte italini Roberto Longhi che una volta disse: " ... Antonio Canova, lo scultore nato morto, il cui cuore è ai Frari, la cui mano è all'Accademia e il resto non so dove. Da quel momento, più nulla da fare. E l'arte italiana, per più d'un secolo, è finita".

Vedere anche Ercole e Lica di Canova.

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazione interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ci offri una pizza :) ), così ci aiuterai ad andare avanti per quanto possiamo e a scrivere e offrire la prossima guida gratuitamente.:  Paypal

 

Torna su

 

Ostelli Possagno    Ostelli Italia   Auberges de Jeunesse Italie  Hotel Possagno

Carte Possagno      Karte von Possagno      Mapa Possagno     Map of Possagno

 Carte de Venetie Karte von Venetien Mapa Veneto     Map of Veneto

Carte d'Italie  Karte von Italien  Mapa Italia   Map of Italy

Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal