Sacra Lancia di Longino - Vienna
Sei qui: Cosa vedere a Vienna >

 

Sacra Lancia di Longino - Vienna 

 

La Sacra Lancia (tedesco: Heilige Lanze), conosciuta anche come la Sacra Lancia , Lancia del Destino, Lancia di Longino , è il nome dato alla lancia che, secondo le sacre scritture, trafisse il costato di Gesù mentre era sulla croce, secondo il Vangelo di Giovanni. La lancia è menzionato solo nel Vangelo di Giovanni (19, 31-37), e non in uno dei Vangeli sinottici. Il vangelo dice che i Romani aveva in programma a rompere le gambe di Gesù, una pratica nota come crurifragium, che era un metodo di anticipare la morte durante una crocifissione.

 

Poco prima di mettere in pratica i loro propositi, tuttavia, si resero conto che Gesù era già morto e che non c'era motivo di rompere le gambe. Per assicurarsi che fosse veramente spirato, un soldato romano (denominato nella tradizione extra-biblica come Longino ) lo pugnò nel fianco. Il nome del soldato che trafisse non è c'era nel Vangelo di Giovanni, ma in più antichi riferimenti nell'apocrifo Vangelo di Nicodemo del IV secolo e nell'appendice a questo, gli Atti di Pilato dove il soldato è identificato come un centurione Longino (facendo derivare probabilmente il nome dal nome latino della lancia Lancea Longini ).

La Sacra Lancia di Vienna si trova nel Tesoro Imperiale alla Hofburg a Vienna. Nel X secolo, il gli imperatori del Sacro Romano Impero entrarono in possesso della lancia, secondo fonti, del tempo di Ottone I (912-973). Nel 1000, Ottone III diede Boleslaw I di Polonia una replica della Sacra Lancia al Congresso di Gniezno. Nel 1084, Enrico IV aveva una fascia d'argento con la scritta "Chiodo di Nostro Signore". Questa era basata sulla convinzione che questa fosse la lancia di Costantino il Grande che era un chiodo utilizzato per la Crocifissione.

Nel 1273, la Sacra Lancia fu usata nella cerimonia di incoronazione. Intorno al 1350, Carlo IV aveva una manica d'oro messa su quella d'argento, con con l'incisione Lancea et clavus Domini ( Lance e unghie del Signore ). Nel 1424, Sigismondo che aveva una collezione di cimeli, tra cui la lancia, si trasferì dalla sua capitale Praga alla sua città natale, Norimberga, e qui decretò che la lancia sarebbe dovuta rimanere per sempre in questa città. Questa collezione è stato chiamato il Regalia imperiale (Reichskleinodien ).

Quando l'esercito rivoluzionario francese si avvicinò a Norimberga nella primavera del 1796 i consiglieri comunali decisero di sporare il Reichskleinodien a Vienna per mantenerlo al sicuro. La collezione fu affidata al barone von Hügel , che ha promise di restituire gli oggetti non appena le problematiche della guerra fossero finite. Tuttavia, il Sacro Romano Impero fu sciolto nel 1806 e il Reichskleinodien rimane nei possedimenti degli Asburgo. Norimberga richiese invano il Reichskleinodien più volte, ma ogni richiesta fu respinta.

Durante l'Anschluss, quando cioè l'Austria fu annessa dalla Germania nazista, il Reichskleinodien vennero restituiti a Norimberga e poi nascosti. Adolf Hitler, nel rifondare l’impero (Drittes Reich), si volle presentare come il continuatore di Ottone I, compreso il ruolo di condottiero della guerra contro i barbari dell’est. Per questo fece riportare la reliquia (scevra ormai d’ogni significato cristiano) da Vienna nuovamente a Norimberga, che era allora il centro principale del Partito Nazista. A Norimberga venne provvisoriamente collocata nella chiesa di Santa Caterina, (dove fu allestito un vero e proprio santuario mistico-esoterico) e presentata come simbolo della sacra missione germanica e collegandola nuovamente al mito della invincibilità. Dopo la disfatta tedesca di Stalingrado, la lancia venne portata in un bunker blindato sotto l'antica fortezza di Norimberga, ma dopo i terribili bombardamenti della città del 13 ottobre 1944 se ne persero le tracce. Qualche giorno dopo l'occupazione della città da parte degli alleati, avvenuta il 20 aprile 1945, in un'operazione di recupero guidata dal generale Patton, infine, la Lancia sacra fu rinvenuta, e nel 1946, infine, fu riportata a Vienna, dove tuttora si trova.

Nel 2003 Robert Feather, un ricercatore, ebbe il permesso di testare la lancia per un documentario. Non solo esaminò la lancia in un ambiente di laboratorio, ma gli fu permesso anche di testare le delicati bande d'oro e d'argento che lo tenevano insieme. Dopo le sue ricerche Feather è giunto alla conclusione, insieme ad altri esperti del mondo accademico, che la datazione più probabile della lancia sia intorno al VII secolo d.C. Tuttavia, lo stesso Feather ha dichiarato nella stesso documentario che un perno di ferro, che a lungo si è affermato essere un chiodo dalla crocifissione, è "coerente" con la lunghezza e la forma, di un chiodo romano del  I secolo.

Milano, che era stata la capitale dell'Impero Romano d'Occidente al tempo di Costantino, è stata la capitale dei re longobardi Pertarito e di suo figlio Cuniperto , che si convertirono al cristianesimo nel VII secolo. Così sembra possibile che la punta di ferro della lancia reale longobarda potrebbe essere stata rifusa nel VII secolo, al fine di sancire il legame con uno dei chiodi romani del primo secolo che Sant'Elena secondo la leggenda aveva trovato sul monte Calvario e portato a Milano, dando quindi una nuova aura sacra cristiana alla vecchia lancia reale pagana. Carlo Magno quando venne incoronato re dei Longobardi nel 774 aveva altresì incluso il suo attaccamento a questa lancia sacra o reale ormai cristianizzata. Questo spiegherebbe come sarebbe poi diventata il più vecchio elemento nelle insegne imperiali tedesco.

La Corona Ferrea (datata al VII secolo), che alla fine divenne il simbolo principale di regalità lombardo, prende il nome dalla tradizione secondo la quale conterrebbe uno dei santi chiodi della crocefissione. Per questo motivo la corona è venerata anche come reliquia, ed è custodita nel duomo di Monza nella Cappella di Teodolinda. Gregorio di Tours nei suoi Historia Francorum, la Storia dei Franchi, ci narra che nel 585 il  re merovingia Guntram designò erede il nipote Childeberto II porgendogli la lancia; è possibile che una lancia reale fosse un simbolo di regalità fra i re merovingi e che un chiodo dal Calvario fu successivamente incorporato nel VII secolo nella lancia reale, che alla fine sarebbe stata rappresentata nelle insegne imperiali tedesche.

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa guida vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

 

Dove si trova?

 

 

Torna su

 

Ostelli Vienna  Ostelli Austria   Hotel Vienna

Carte de la Autriche    Karte von Österreich   Mapa Austria  Map of Austria

Carte de Vienne      Karte von Wien   Mapa Viena   Map of Vienna