website
statistics

Mercato del Carmine

Sei qui: Lucca: cosa vedere >

Mercato del Carmine a Lucca  

 

La costruzione del Mercato del Carmine, se comparata agli storici edifici di Lucca, è molto recente (1933), ma l'origine del complesso da cui sorse, che comprendeva la Chiesa di Santa Maria del Carmine, per secoli conosciuta come Chiesa di San Piercigoli e dell'attiguo convento e chiostro in cui si insediarono i carmelitani (da qui il nome) risale a circa l'anno mille. Il tentativo degli anni '30 del secolo scorso di dotare la città di un mercato coperto purtroppo costarono l'abbattimento dell'antica chiesa, di cui resta testimone solo la torre campanaria.

Come racconta nella sua guida di Lucca di inizio '800 Tommaso Felice Trenta (Guida del Forestiere per la città e il contado di Lucca, 1820):

Antica Chiesa di San PiercigoliNon è improbabile, che questa Chiesa sia quella stessa che nel declinare dell'VIII secolo fondarono in Lucca due coniugi con un monastero di monache sotto l'invocazione dei SS Pietro e Gregorio; e gli avanzi della sua primitiva architettura ci fanno conoscere una grande antichità. Vuolsi che fosse denominata S Pier Cigoli da una Famiglia Cigoli, che la ristaurasse. Vi passarono nel 1342 i Padri Carmelitani della Congregazione di Mantova dalla Chiesa di S.Maria al Corso distrutta in quell anno stesso dai Pisani. La tavola della tribuna è opera pregiata di Pietro Perugino. La tela all'altare del Sagramento con i due Santi laterali sono di Giorgio Vasari e ne fa egli stesso menzione nella Parte III delle sue Vite alla pagina 992. (oggi le tre del Vasari si trovano nel Museo Nazionale Villa Guinigi) Nella navata che corrisponde a quest'altare il solo quadro che meritava attenzione altre volte, era la S. Teresa di Pietro da Cortona. Fu questa trasportata nella villa di Camigliano propria del patrono del suo altare la copia che ora ne tiene le veci è del Bertani. Nella navata a destra, il martirio di S.Lorenzo è del Lanfranchi. I quadri del Crocifisso e di S.Maria Maddalena sono di Gaspare Mannucci, l'ultimo porta la data del 1638, quello di S.Caterina presenta l'iscrizione Hieronimus Scaglia luceinsis faciebat 1667.  È pure dello Scaglia il quadro che sta sopra la porta della sagrestia nella quale conservasi una piccola ma graziosa Sacra Famiglia attribuita a Francesco Mazzuoli detto il Parmigianino. Nel Chiostro contiguo il Gherardi (Filippo Gherardi) dipinse nelle lunette le principali azioni di S. Maria Maddalena de Pazzi .


Mercato del Carmine a LuccaLe principali fasi di ampliamento e modifica della struttura conventuale nell'area dell'attuale Mercato del Carmine, risalgono al 1342, quando i Carmelitani ricevettero dal vescovo Guglielmo II la chiesa di S. Pier Cigoli e nel 1460, quando sovvenzioni pubbliche attestano il rinnovato impegno dei religiosi ad ampliare il convento.

 

Dopo la soppressione degli ordini religiosi il convento dopo il 1866 sembrava destinato ad ospitare varie funzioni pubbliche, quali la Pretura, l'accettazione dei soldati di leva e un mercato coperto dei cereali. L’inadeguatezza igienico sanitaria del precedente Mercato delle Vettovaglie di Piazza Anfiteatro spinse nel 1932 l'ufficio tecnico comunale ad elaborare un progetto di costruzione nel convento del Carmine e nella chiesa attigua di un mercato dotato di 31 negozi, 200 banchi di vendita, 30 banchi per il pesce, 6 magazzini all'ingrosso e due vani per la vigilanza sanitaria e l'amministrazione.

Come si può vedere da questo resoconto del Trenta, fu abbattuta una chiesa di una certa importanza, con una lunga storia e opere di pregio, per fare posto a un edificio il cui stile è quello tipico del periodo fascista, cosiddetta "razionalista".

Antica Chiesa di San PiercigoliIl 9 marzo del 1933 ebbe luogo una asta pubblica per la concessione della costruzione e dell'esercizio del mercato coperto. La ditta vincitrice, la Compagnia Fiduciaria di Lucca, completò i lavori e curò la gestione dell'immobile per 16 anni. Nel 1952, terminato il periodo di concessione, il bene tornò nelle mani del Comune che ne proseguì la gestione: il mercato si mantenne fiorente fino al 1974, quando le attività ambulanti connesse al mercato settimanale che si svolgeva nelle vie adiacenti e nella piazza del Carmine iniziarono a soffrire della non idoneità del contesto urbano.

Dopo anni di colpevole abbandono da tempo (troppo tempo) si hanno notizie circa possibili recuperi del mercato, sia per attività alimentari, sia come spazio per attività culturali e di spettacolo. Un vero peccato perché il luogo potrebbe diventare le "Les Halles" di Lucca o un nuovo Covent Garden.

 

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

 

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazione interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ci offri una pizza :) ), così ci aiuterai ad andare avanti per quanto possiamo e a scrivere e offrire la prossima guida gratuitamente.:  Paypal

 

Dove si trova?

 

Torna su

 

Ostelli Lucca   Ostelli Italia   Auberges de Jeunesse Italie   Hotel Lucca

Carte Lucques Karte von Lucca  Mapa Lucca Map of Lucca

 Carte de la Toscane     Karte von Toskana     Mapa Toscana     Map of Tuscany

Carte d'Italie  Karte von Italien  Mapa Italia   Map of Italy

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal