Franz Liszt

Advertisement

Vita di Franz Liszt - Biografia e opere  

Franz Liszt fu l'unico compositore contemporaneo a cui Richard Wagner riconobbe con gratitudine l'influenza sulla sua musica. La sua fama duratura fu un'alchimia di straordinaria capacità di virtuosismo al pianoforte, di un istinto senza pari per la spettacolarità, e di una delle fantasie musicali più moderne del suo tempo. Salutato da alcuni come un visionario, insultato da altri come un simbolo di eccessivo romanticismo vuoto, Franz Liszt riuscì a entrare nella storia della musica con il suo stile, realmente inimitabile.

Advertisement

Franz Liszt"Génie oblige" , il genio comporta obblighi e una certa responsabilità, questo fu il motto scelto da Franz Liszt, l'unico musicista ungherese nel XIX secolo ad essere universalmente riconosciuto come uno dei più grandi musicisti e compositori che il mondo abbia mai conosciuto: uno dei più importanti pianisti del suo tempo, un innovatore coraggioso nella composizione, un direttore d'orchestra, un insegnante e un influente scrittore sulla musica.

Franz LisztFranz Liszt nacque il 22 ottobre 1811, in una famiglia ungherese di lingua tedesca nel piccolo villaggio di Doborján (oggi Raiding) che ora fa parte del Burgenland austriaco, che allora faceva parte del distretto di Sopron nella confinante Ungheria, a circa 200 km da Budapest a 100km da Vienna. Il padre, Adam Liszt, era un intendente delle tenute principe Esterházy e un musicista di talento che fece di tutto per facilitare i progressi musicali di suo figlio, un figlio prodigio. La madre Maria Anna Lager (1788-1866) era originaria di Krems, in Austria. All'età di nove anni, il giovane Franz Liszt mostrò le sue straordinaria doti di pianista a Sopron (allora Pressburg) e a Bratislava (allora Pozsony).

Per un anno e mezzo, studiò a Vienna sotto Carl Czerny, un ex studente di Beethoven, e di Antonio Salieri (quest'ultimo che ebbe tra i suoi allievi anche lo stesso Beethoven, Schubert, lo stesso Czerny e Hummel). A dodici anni, suo padre decise di portarlo a Parigi, per entrare nel locale conservatorio, prendendo grossi rischi finanziari al fine di garantire ulteriormente avanzamento nell'educazione di suo figlio. Con i suoi concerti a Budapest nel maggio 1823, Franz Liszt si congedò dai suoi compatrioti per molti anni.

Franz LisztFin da giovane, Liszt dimostrò una naturale predisposizione al pianoforte, tanto che le cronache ne parlavano come uno dei più importanti prodigi del suo tempo. Cronache che descrivono la sua abilità di improvvisazione come abbagliante. Viceversa, il suo talento come compositore emerse solo in età adulta. Eppure, già all'età di undici anni, risultò essere il più giovane collaboratore del progetto commissionato dal pianista, compositore ed editore musicale Anton Diabelli, ricordato anche come fonte di ispirazione per l'ultimo capolavoro al piano di Beethoven. Un aneddoto che circolò molto - narrato dallo stesso Liszt decenni più tardi, ma forse non veritiero - vide Beethoven attendere fino alla fine di un concerto in cui compariva il giovane musicista, incoraggiandolo al termine dello stesso nel prosieguo della sua carriera.

Gli anni Parigi ebbero un effetto duraturo su di lui, anche se venne respinto dal conservatorio in quanto gli stranieri allora non erano ammessi. Prese quindi lezioni private con Anton Reicha. In ultima analisi, le sue origini ungheresi si dimostrarono una grande risorsa per la sua carriera, migliorando la sua aura di mistero e di esotismo e ispirando un ampio corpus di opere, tra le quali le famose Rapsodie ungheresi (1846-1885). Parigi gli lasciò anche un'altra cosa importante. Il francese fu infatti la lingua in cui preferì esprimersi per il resto della sua vita.

Franz LisztLa sua trasformazione in un artista maturo venne conseguita a forza di una grande quantità di dura pratica e di lettura estensiva. Il suo orizzonte venne ampliato dai suoi contatti con le correnti intellettuali del tempo (la filosofia sociale utopica di Saint-Simon e il cattolicesimo liberale di Lamennais), così come dalle sue amicizie con importanti artisti e scrittori come Victor Hugo, Alphonse de Lamartine, Alexandre Dumas, George Sand, Honoré de Balzac, Heinrich Heine e Eugène Delacroix. Fu ispirato a perfezionare la sua tecnica pianistica dal virtuosismo del suono del violino di Niccolò Paganini; le sue esplorazioni musicali furono incoraggiate dalla Symphonie fantastique di Hector Berlioz. Infine la sua amicizia con Fryderyk Chopin ebbe su di lui una grandissima e fondamentale influenza: considerava Chopin, (insieme a Robert Schumann), come il compositore per piano più importante del suo tempo.

Liszt divenne ben presto una figura di spicco nella società parigina, i suoi coinvolgimenti romantici fornirono molto materiale per il gossip di allora. Eppure, nemmeno i resoconti più succosi delle sue imprese amorose potevano competere con le cronache sulla sua bravura nelle performance al pianoforte. Ispirato da una tecnica sovrumana, insieme alla presenza scenica del violinista Niccolò Paganini, Liszt decise di tradurre queste qualità al pianoforte. Mentre la sua carriera come esecutore itinerante, direttore d'orchestra e insegnante fioriva, cominciò a dedicare una quantità crescente di tempo alla composizione.

Franz LisztLiszt, che godeva di grande popolarità nei salotti aristocratici incontrò la contessa Marie d'Agoult, nata Flavigny (1805-1876) nel 1833. Quest'ultima divenne il suo più grande amore e la madre dei suoi tre figli. Tra il 1835 e il 1839, visse per lo più in Svizzera e in Italia, viaggi che lo portarono a un ulteriore ampliamento dei suoi orizzonti intellettuali. I figli - Blandine (1835-1862), Cosima (1837-1930) e Daniel (1839-1859) - nacquero durante i loro anni di vagabondaggio, a Ginevra, Como e Roma, rispettivamente. I suoi "racconti di viaggio" di grande valore letterario (Lettres d'un Bachelier ès Musique), pubblicato dalla stampa di Parigi, appartengono a questo periodo. La sua identità nazionale ungherese, quasi dimenticata, si risvegliò nel 1838, quando ricevette la notizia della grande alluvione di Pest. Fece una serie di concerti di grande successo a Vienna, a beneficio delle vittime delle inondazioni; questo evento lo lanciò in  di tour di concerti che durò quasi dieci anni, durante i quali venne acclamato in quasi tutti i paesi d'Europa.

Più di ogni virtuoso del suo tempo, fu in grado di combinare la sua straordinaria tecnica e le sue doti di improvvisatore con una personalità unica e affascinante. Si potrebbe veramente parlare di un focolaio di "Lisztomania" tra i suoi ammiratori. Soddisfaceva la domanda del pubblico, offrendo fantasie virtuosistiche e parafrasi su popolari melodie operistiche e melodie popolari e fece numerose trascrizioni di canzoni; suonava anche musiche dei suoi predecessori e di musicisti contemporanei che stimava, come Beethoven, Schubert e Weber. Nel 1839, divenne il primo musicista eseguire una completa esibizione solista, quando la norma era che i concerti erano misti  ("Le Concert, c'est moi"). Liszt fu grado di trasmettere il suono di un'intera orchestra al pianoforte, delle sinfonie di Beethoven e Berlioz.

Quando Liszt tornò in Ungheria per la prima volta da artista maturo nel 1839-1840, ha fatto il suo debutto come direttore d'orchestra a Pest e Pozsony. Con i guadagni dai suoi concerti finanziò la causa del teatro nazionale ungherese e un conservatorio di musica da stabilire a Pest. Divenne uno dei simboli delle aspirazioni della nazionali ungheresi. Uno dei principali poeti ungheresi del tempo, Mihály Vörösmarty scrisse un'ode a Liszt. Il musicista sentiva un'atmosfera speciale in Ungheria: "In altri paesi, mi occupo del pubblico, ma in Ungheria mi rivolgo alla nazione!"

Franz LisztLiszt Compose la maggior parte dei suoi centinaia di lavori per pianoforte per uso personale; di conseguenza, questi sono spesso caratterizzati da esigenze tecniche che spingono gli esecutori ai loro limiti. I suoi Studi trascendentali (1851), per esempio, non sono un riferimento agli scritti di Emerson e Thoreau, ma una indicazione del livello di difficoltà delle opere. Liszt aveva già oltre 30 anni quando imparò i rudimenti dell'orchestrazione, ma si rifece del tempo  perduto producendo due sinfonie "letterarie" (Faust , 1854-1857, e Dante, 1855-1856) e una serie di saggi orchestrali (tra cui Les Préludes, 1848-1854), che segnarono la genesi del poema come un genere distinto.

Dopo una costante vita di sensazioni, Liszt trovò in qualche modo un suo punto di equilibrio nei suoi ultimi anni. Nell'ultimo decennio della sua vita si unì alla Chiesa cattolica e dedicò gran parte del suo sforzo creativo alla produzione di opere sacre.  La complessità della sua musica venne in qualche modo oscurata; le illuminazioni che aveva caratterizzato i suoi sforzi precedenti lasciarono il posto a un'introspezione peculiare, che si manifestò sforzi sorprendentemente originali e lungimiranti come Nuages gris (Nuvole Grige) del 1881. Liszt morì a Bayreuth, Germania, il 31 luglio 1886, dopo essere sopravvissuto al suo genero (aveva sposato in secondo nozze Cosima Liszt) e protetto Richard Wagner (che era morto a Venezia tre anni prima), il più grande beneficiario della sua creatività.

Copyright © Informagiovani-italia.com. Riproduzione riservata.

Se questa guida vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

 

 

Torna su

 

Ostelli Budapest   Ostelli Ungheria   Hotel a Budapest   Hotel in Ungheria

Carte de Budapest   Karte von Budapest   Mapa Budapest    Map of Budapest

Carte de Hongrie    Karte von Urgan    Mapa Hungría    Map of Hungary

Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal