GRAN BRETAGNA

VISITARE LA GRAN BRETAGNA INFORMAZIONI PICCOLA GUIDA

 

Gran Bretagna

Qual è la popolazione della Gran Bretagna? 67.545.757

Superficie della Gran Bretagna: 543.965 Km²
Densità: 278 ab/Km²

Guide delle città e regioni britanniche

 

Bath  ▪ BelfastBrightonBristol Birmingham Cambridge

CanterburyCardiff  ▪ CharingChilhamCornovaglia

EdimburgoGlanstoburyGlasgow  ▪ Inverness   ▪ Liverpool 

▪ LondraLeedsManchester  ▪ Norwich  ▪ Oxford 

PlymouthSalisbury Stirling  ▪ Stratford upon Avon  

StonehengeSt.Ives ▪ Tenby  ▪ York

L'eredità storica del Regno Unito ha portato la nazione a primeggiare in diversi campi, sociale e politico in particolare. Londra è l'asse intorno al quale ruota il presente e il futuro della nazione (così come è accaduto in passato).

Il mondo politico si concentra in soli due partiti, i Conservatori (Tories) e i Laburisti (Labour Party), i cui personaggi più rappresentativi, nel tempo, sono stati Margaret Thatcher per il primo e Tony Blair per il secondo. L'attuale Primo Ministro è Boris Boris Johnson, conservatore, ex sindaco di Londra, colui che ha traghettato la Gran Bretagna al di fuori dell'Unione Europa il 31 gennaio 2019 (la cosiddetta Brexit) dopo 47 anni. Di recente la politica dei Tories sta divenendo molto più mediatica sulla popolazione, grazie soprattutto al leader del partito David Cameron e al nuovo sindaco di Londra, Boris Johnson.

Il Regno Unito ha una società liberale e intelligente, legata alla tradizione e allo stesso tempo aperta verso nuove tendenze. Il credo religioso è liberalmente professato nelle varie chiese anglicane, cattoliche, nonché nei centri musulmani, ebraici, indù, sikh e buddisti, solo per citare i maggiori.

Per tradizione questa è una nazione aperta allo straniero e a tutto ciò che è oltre confine, nonostante il suo territorio insulare. Integrazione e tolleranza hanno contribuito a rendere grande questo Paese, con oltre 60 milioni di abitanti. Leader del potere industriale e marittimo del XIX secolo, la nazione si è da sempre distinta con grandi personaggi delle scienze, dell'arte e della politica.

Ancora oggi la Monarchia inglese è amata (e chiacchierata) da tutta la popolazione. L'attuale sovrano, la regina Elisabetta II, è il simbolo dell'unità nazionale, oltre che, ricordiamolo, capo supremo del Commonwealth. La società civile è molto sviluppata, all'avanguardia per senso civico e separazione dalla politica del Paese. Il rispetto del cittadino nei confronti delle istituzione e del prossimo è altissimo.

Sono state compiute negli ultimi anni grandi le operazioni di investimento infrastrutturale. In particolare, di notevole valore economico e sociale sono state quelle attuate in vista delle Olimpiadi di Londra del 2012. Il Regno Unito non è tuttavia solo Londra; diverse e altrettanto caratteristiche le numerose attrazioni turistiche presenti in tutto il suo territorio: Oxford, Cambridge, Brighton, Edimburgo, Scozia, Cornovaglia, solo per citarne alcune.

 

Geografia fisica

Il Regno Unito è una regione insulare di 243 mila Km², formata dalle grandi isole dell'Arcipelago Britannico. La nazione è tradizionalmente divisa in Inghilterra, Galles, Scozia e Irlanda del Nord (quest'ultima collocata nella parte nord-orientale dell'Irlanda). Numerose le piccole isole presenti, tra cui le Orcadi, le Shetland, le Ebridi, Angelsey e l'Isola di Man, l'Isola di Wight e le Channel Islands (nel Canale della Manica).

Il territorio è per la maggior parte pianeggiante e collinare, con poche montagne per lo più basse e levigate. Le cime più alte sono situate in Scozia.

Il clima notoriamente è piuttosto piovoso, mentre le temperature sono mitigate dalla corrente del golfo. Prati e brughiere costituiscono la vegetazione prevalente.


Storia

Il territorio britannico si separò dall'Europa continentale intorno al 6500 a.C. al termine dell'Era Glaciale, quando l'innalzamento delle temperature causò l'inondazione delle terre presenti lungo l'attuale Canale della Manica. Intorno al 2500 a.C. venne fondato il complesso di Stonehenge, mentre verso il 900 a.C. arrivarono le prime ondate celtiche. Seguirono le popolazioni provenienti dal Belgio, i Galli (200 a.C). Successivamente arrivarono i Romani, che da un piccolo villaggio celtico fondarono Londinium (Londra), che vi rimasero fino al V secolo d.C.

Nel VIII secolo ebbe inizio il periodo dei Vichinghi, seguito prima del X secolo dal potere britannico del regno di Danimarca, con Sweyn e con Canuto.

L'anno 1066 segna l'inizio del periodo anglo-normanno, punto cruciale nella storia inglese: Guglielmo il Conquistatore, dalla Normandia, invase il territorio sconfiggendo Aroldo d'Inghilterra. Nel 1189 Riccardo Cuor di Leone venne incoronato re d'Inghilterra. Nel 1349 la grande Peste bubbonica uccise 1/3 della popolazione inglese.

Nel XV secolo la Guerra civile delle Due Rose portò alla vittoria di Enrico Tudor, che salì al trono inglese con il nome di Enrico VII. Ha inizio il periodo dei Tudor. Enrico VIII suo successore è ancora oggi ricordato per la sua rivoluzione Protestante, che portò alla nascita della Chiesa Anglicana. Seguì il Secolo d'Oro del Regno Unito sotto la sovranità di Elisabetta I, periodo conosciuto con il nome di Età Elisabettiana. Prende avvio il periodo espansionistico del Regno Britannico. Tra il 1642 e il 1651 l'Inghilterra fu testimone di una serie di Guerre civili. Nel 1666 avvenne il grande incendio di Londra.

Con la legge Act of Union nel 1707 si ha l'ufficiale unione delle corone, scozzese e inglese. In precedenza, Giacomo I si potè già considerare il primo sovrano delle corone unite.

Con Elisabetta I, che non lasciò eredi, finisce il periodo Tudor e inizia l'Era degli Stuart. Carlo I e Carlo II sono i sovrani più rappresentativi del periodo. Seguì il periodo della Casa di Orange, con Guglielmo III e la regina Anna e quello della Casa Hannover-Coburgo (periodo Georgiano) con il re Giorgio I. Venne introdotta la carica di Primo Ministro in Parlamento.

Nel 1837 la regina Vittoria diede vita al grande periodo imperiale del regno, l'Età Vittoriana.

Nel XX secolo l'Inghilterra partecipò ad ambedue le guerre mondiali. Dal 1901 la Monarchia Inglese è rappresentata dalla Casa di Sassonia-Coburgo Gotha (dal 1917 Windsor). Il dopoguerra fu testimone della ripresa economica e del susseguirsi dei due partiti politici maggiori, i Conservatori (noti Tories) e i Laburisti (che vinse le sue prime elezioni proprio nel 1945).

Gastronomia del Regno Unito

La gastronomia del Regno Unito oggigiorno si può definire multi-etnica. Le diverse ondate migratorie succedutesi nel tempo hanno infatti creato un mix di profumi e sapori particolari. Accanto al piatto più tipico, il Fish & Chips troviamo quella indiana al Curry e quella altrettanto speziata dell'Arabia o del Messico.

Principalmente, la cucina britannica si basa su piatti a base di carne accompagnati da vegetali: accanto ai classici roast-beef e prosciutti del Yorkshire troviamo un ottimo agnello e maiale; raramente il vitello. Sono prediletti i contorni con piselli o patate fritte. Molto comune è anche il Pudding dello Yorkshire. Molto in uso sono anche le forti salse da condimento, come la Worcestershire sauce (agrodolce e leggermente piccante). Si accompagnano ai vari Bangers and Mash (salsicce e purè di patate), Cornish pasty (pasta sfoglia ripiena, da comprare al volo mentre si va al lavoro), Cottage pie (ricoperta da una sorta di purè di patate) e ancora le ottime Dumpling (una sorta di polpette di pane e spezie) e la Pork pie (tortina ripiena di carne di maiale) tra i formaggi inglesi si cita in particolare il famoso Cheddar Cheese e lo Stilton (una sorta di Gorgonzola maturo).

Infine, non mancate il solito English breakfast a base di uova sbattute, bacon, pomodori, salsiccia e toast.


SCHEDA RIASSUNTIVA DELLA GRAN BRETAGNA

Abitanti: 67.545.757

Superficie: 543.965 Km²

Densità: 278 ab/Km²

 

Governo: Monarchia Costituzionale

Divisione amministrativa: Nazioni costitutive Inghilterra, Scozia, Galles, Irlanda del Nord, suddivise in sub-sezioni come per esempio le contee inglesi o il governo metropolitano di Londra.

Territori d'oltremare: Isola di Man, Guernsey, Jersey, Gibilterra, Bermuda, Anguilla, Isole Cayman, Montserrat, Isole Turks e Caicos (Indie Occidentali), Isole Vergini Britanniche, S. Elena e dipendenze, Isole Falkland, Isole Chagos e Isola Diego Garcia (Oceano Indiano), Isole Pitcairn (Oceano Pacifico), parte dell'Antartide (comprese Isole Orcadi Australi, Shetland Australi, Georgia del Sud e isole Sandwich meridionali).

Capitale: Londra

Altre città: Birmingham, Glasgow, Liverpool, Edimburgo, Manchester, Leeds, Sheffield

Lingua: Inglese, gaelico

Gruppi etnici: Inglesi 79% Scozzesi 9% Gallesi 5% irlandesi (nord) 3% Indiani 1,8% Pakistani 1% africani (caraibici e africani) 0,8%, cinesi, altri

Religione: Protestanti 53,4% Cattolici 9,8% Musulmani 2,6%, altri

Paesi confinanti: Irlanda (ovest), Mare del Nord (est), Canale della Manica (sud), Mar d'Irlanda (sud-ovest)

Monti principali: Ben Nevis 1343 m (Scozia), Snowdon 1085 m (Galles), Scafell Pike 978 m (Inghilterra), Slieve Donard 849 m (Irlanda del Nord)

Fiumi Principali: Severn 354 Km, Tamigi 346 Km

Laghi principali: Lough Neagh 382 Km², Lower Lough Erne 109 Km², Loch Lomond 71 Km², Loch Ness 56 Km²

Isole: Isole Ebridi, Isole Shetland, Isole Orcadi, Anglesey, Isola di Arran, Isola di Wight

Clima: atlantico-temperato

Valuta: sterlina inglese

Unione Europea: no, membro dal 1973 al 31 Gennaio 2020

 

 

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ci offri una pizza :) ), così ci aiuterai ad andare avanti per quanto possiamo e a scrivere e offrire la prossima guida gratuitamente.:  Paypal

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

 

 

Torna su

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal