Perché la Torre Eiffel fu costruita in ferro e non in acciaio?

Adv.

Sei qui: Torre Eiffel >

Perché la Torre Eiffel fu costruita in ferro e non in acciaio? 

 

La costruzione della Torre Eiffel segnò anche la fine di una era della metallurgia. Perché la torre è di ferro e non di acciaio? La differenza tra questi due materiali non è sempre chiara per chi non se ne intende e può apparire trascurabile. In realtà ciò che distingue nettamente l'uno e l'altro è il contenuto di carbonio: basso nel ferro (inferiore allo 0,10 per cento), medio nell'acciaio (dallo 0,10 all'1,7 per cento; oltre questo limite si ha la ghisa).

Le differenze, però, sono molteplici, importanti e non facili da spiegare in poche righe. Ci limiteremo ad alcuni concetti essenziali. Il ferro inteso come metallo puro è difficile da ottenere e ha, inoltre, scarso interesse industriale. Ciò che comunemente chiamiamo ferro è, in effetti, una lega a base di ferro con piccole quantità di elementi vari tra cui il carbonio, il manganese, il silicio, lo zolfo e il fosforo (gli ultimi due sono inevitabili impurezze). Il ferro impiegato nella Torre era stato prodotto con una tecnica chiamata "puddellaggio": una pratica siderurgica nata alla fine del XVIII secolo, che consisteva nel decarburare - ossia nel ridurre il contenuto di carbonio mediante ossidazione ? la ghisa di partenza rimescolandola (dall'inglese "to puddle") in un forno a riverbero.

Interno Torre EiffelNella seconda metà del 1800 erano già disponibili acciai di varie caratteristiche determinate non solo dal tenore di carbonio ma anche da particolari elementi di lega come il nickel, il cromo, il molibdeno. L'impulso alla loro diffusione venne come conseguenza dell'invenzione del "convertitore" (recipiente basculante di ossidazione con insufflaggio di aria, brevettato da Bessemer nel 1855) o dei forni Martin-Siemens con recupero di calore.

Le caratteristiche meccaniche dell'acciaio sono migliori di quelle del ferro e consentono una certa economia di peso a parità di prestazioni. Quindi, perché quella scelta? Nel caso della Torre, Eiffel preferì impiegare il ferro per considerazioni puramente economiche che gli permisero di ottenere un risparmio del 25% sul costo totale. Dal punto di vista strutturale, il maggior peso non costituiva un inconveniente; anzi aumentava la stabilità dell'edificio. Teniamo presente anche il fatto che la quella che sarebbe diventata la Torre Eiffel doveva essere un'opera temporanea, per l'Esposizione Temporanea di Parigi del 1889  e poco oltre. Poi il suo successo clamoroso cambiò le cose.

Sotto l'aspetto metallurgico il ferro puddellato avrebbe dovuto manifestare una certa tendenza all'invecchiamento e una marcata suscettibilità alla frattura fragile; ma, a parte la dimostrazione di longevità della Torre, i pareri degli esperti sono molto cauti e controversi al riguardo. Resta il fatto che appena dieci anni dopo, con l'abbassarsi del prezzo dell'acciaio in seguito all'aumentata produzione mondiale, Eiffel avrebbe fatto una scelta diversa. La sua Torre può essere considerata, dunque, l'ultima grande opera architettonica in ferro; una sorta di monumento che segna un punto di transizione nella storia della metallurgia.

 

 

Dove si trova?

 

Torna su

 

Ostelli Parigi   Ostelli Francia


Carte de Paris     Karte von Paris Mapa Paris    Map of Paris

Carte de France  Karte von Frankreich      Mapa Francia     Map of France

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal