MUSEO D'ORSAY PARIGI

Advertisement

Sei qui: Guida di Parigi > Cosa vedere a Parigi > Musei a Parigi >

 

Museo d'Orsay

 

Impressionisti al D'Orsay Storia del d'Orsay Museo Louvre Storia del Louvre Musei a Parigi  

 

Il museo  d'Orsay sorge proprio in riva alla Senna, in quella che una volta era una stazione ferroviaria. La Gare d'Orsay è una splendida costruzione tipica dell'architettura Beaux-Arts francese, uno stile neoclassico così chiamato perché insegnato alla Scuola delle Belle Arti diParigi. Il museo è probabilmente meglio noto per la vasta collezione di capolavori dell'Impressionismo e Post-Impressionismo, attualmente indicata come la più grande del mondo.

Advertisement

L'architetturainterna della sala principale è sorprendente, comprende anche il grande orologio della facciata frontale ancora funzionante. La conversione della struttura da stazione ferroviaria a museo è opera dell'architetto italiano Gaetana Aulenti (detta Gae), alla quale si devono diversi altri lavori a Parigi.

 

Museo D'Orsay - Van GoghIl Museo d’Orsay, insieme al Louvre, è una delle tappe obbligate della visita a Parigi. E’ strano, se si pensa che il museo ospita per lo più opere rappresentative della stagione impressionista. E’ vero che attualmente la pittura di Manet, Monet, Renoir, Degas e compagni riesce a fare il pienone in tutti i musei che li mettono in mostra, ma quando esordirono gli impressionisti ebbero vita piuttosto difficile. Il nome stesso con cui sono tuttora conosciuti deriva dal commento negativo di un critico, Louis Leroy, che definì la loro una pittura effimera, legata all’“impressione? del momento, senza prestigio nel contenuto e senza rispetto per le regole accademiche nella forma.

D'OrsayAd inizio-metà Ottocento alcuni pittori avevano già tentato la via del cambiamento. Per esempio già nel 1819 Theodore Géricault aveva inserito alcuni elementi rivoluzionari in un soggetto storico, cioè uno di quelli che venivano presi più sul serio: nella famosa “Zattera della medusa? infatti aveva inserito alcuni dettagli realistici, come i piedi sporchi in primo piano, qualche nudità di troppo e dettagli poco nobili come i calzini sul corpo nudo nel cadavere in primo piano.

Anche i "realisti", auto-relegati nel 1855 nel Pavillon du Realisme, scandalizzarono con le loro tematiche sociali, Courbet con "Gli spaccapietre", ad esempio; per capire la portata della novità basti pensare alle parole che diceva lo stesso Courbet:

"Voglio rappresentare le idee, i costumi, l'aspetto della mia epoca, secondo il mio modo di vedere; essere non solo un pittore ma un uomo; in una parola fare dell'arte viva, questo è il mio scopo".

D'OrsayEra stato lo stesso Courbet a far costruire, a sue spese, il Padiglione del realismo in segno di protesta verso la giuria della I Esposizione Universale, da poco inaugurata a Parigi nel nuovo Palais de l'Industrie. La giuria, formata da pittori accademici della Scuole di Belle Arti, aveva infatti respinto i suoi due quadri più significativi: "Funerale ad Ornans" (foto), gigantesco manifesto pittorico del realismo (314,9 x 662,8 cm) e l'altrettanto grande "Atelier del pittore". Courbet non aveva voluto accettare passivamente il verdetto che condannava la sua pittura "democratica" ed aveva dunque deciso di sfidare il chiusissimo sistema dell'arte che non lasciava spazio a scelte divergenti da quelle che informavano il gusto accademico dominante.

Questi furono i primi germi del cambiamento dell’arte in senso realista e anti-accademico, di cui gli impressionisti si fecero definitivi portavoce.

Leggi anche 20 cose da fare per amanti dell'arte e dei musei

Quali le novità principali degli impressionisti? Scopriamole insieme.

Scopri il dipinto  Cattedrale di Rouen? di Claude Monet.

Il museo presenta un’antologia d’eccezione delle principali forme artistiche che si sono sviluppate a Parigi tra 1848 e 1914. In questo modo colma il gap cronologico che lasciano scoperto il Louvre ed il Pompidou, arrivando il primo alla metà del XIX secolo e partendo il secondo dalle prime forme di astrattismo ed avanguardia. La maggior parte degli oggetti in mostra all’Orsay sono sculture e dipinti, ma ci sono anche molti mobili, esempi di arte decorativa, testimonianze cinematografiche ed editoriali.

Il sito web del museo è fatto, come quello del Louvre, molto bene e spiega Le possibili chance per visitare il museo: biglietti singoli, biglietti per visitatori consueti (categoria da noi inesistente!!!), biglietti abbinati ad altri musei, laboratori per bambini e ragazzi di tutte le fasce d’età, per le scuole, per i professionisti ecc.

All’interno del museo c’è anche un auditorium, in cui si svolgono conferenze e lezioni in francese, oltre a concerti e varie altre iniziative culturali. Ovviamente c’è anche un bookshop ed una caffetteria, come ormai in molti altri musei moderni, del resto.

Per quanto riguarda la divisione spaziale delle collezioni, al pianterreno ci sono opere della II metà del XIX secolo (fino al 1870); al livello intermedio ci sono pezzi Art Nouveau dalla fine dell’800 agli inizi del 1900; il livello superiore è tutto dedicato a Impressionismo e Post-Impressionismo.

Al piano terra dominano opere come:
- il grande dipinto di Couture "I romani della decadenza", dall’atteggiamento molle, dal gusto tardo-classico, tra neoclassicismo e decadentismo (lo assocerei ad opere letterarie come "A rebours" di Huysmans);
- "La Source" di Ingres (1856), da sempre considerato in bilico tra neoclassicismo e Romanticismo, con la sua pennellata elegante, col suo disegno raffaellesco, ma con temi a volte pieni di suggestioni romantiche (come le storie di Ossian);

- la "Caccia ai leoni" di Delacroix (1861), turbolenta opera dalle suggestioni miste, eloquente dimostrazione dell’oramai affermato gusto occidentale per l’esotico, per l’Oriente, per il mistero, per l’avventura e la bellezza che questi portano con sé nell’immaginario collettivo;

- l’ "Olympia" di Manet (1863), che rientra anch’essa nello spirito orientaleggiante di cui parlavo, ma in altri termini: certi linearismi, certi dettagli, l’utilizzo spiccato del nero fanno pensare alle stampe giapponesi che sempre di più si diffondevano nella Parigi di tardo ‘800, per non parlare dello scandalo della nudità, giustificata e giustificabile se il soggetto apparteneva a contesti lontani (geograficamente, appunto, o storicamente o perché di fantasia), scandalosa se si trattava della nudità ostentata e sfacciata di una donna moderna, dal nome parigino, presumibilmente di facili costumi.

Al piano intermedio, invece, tra gli oggetti di Art Nouveau troviamo i gioielli di Lalique, i vetri e i disegni di Guimard, progettista delle tipiche entrate curvilinee della metropolitana di Parigi, e molto altro.

Il piano superiore ci apre finalmente gli occhi ed il cuore su un mondo magico, quello delle cromie e degli scintillii degli impressionisti e degli artisti che a loro si collegano per stile, epoca d’appartenenza o per semplici suggestioni.

Tra le opere principali, il festoso "Moulin de la Galette" di Renoir (1876), tutta le serie delle "Cattedrali di Rouen" di Monet, le "Ninfee" dello stesso (molte delle quali sono ora all’Orangerie delle Tuileries, ed al Museo Marmottan), le ballerine di Degas, le nevicate di Pissarro ecc., mentre per il post-impressionismo citerei l’ "Eglise d’Auvers" di Van Gogh; le opere di Cézanne, che dal gruppo si allontanò per tentare vie nuove, cercando sempre più di rinvenire e riprodurre forme geometriche, astraendole dalle immagini della natura e della vita quotidiana, aprendo sicuramente la via all’imminente astrattismo; e poi l’ortodosso puntinista Seurat, col suo "Le Cirque"; e ancora Gauguin con le sue donne polinesiane; poi Toulouse Lautrec, che vide e riprodusse il mondo parigino, con la sua varietà e contraddittorietà, mondano, luccicante, triste, vizioso e malato; e ancora, le meravigliose immagini naïf di Rousseau; e, per finire, "Luxe, Calme et Volupté", capolavoro di Matisse (ma ormai siamo a Novecento iniziato).

 

Musée d'Orsay

1 Rue de la Légion d'Honneur / Rue de Lille

Area: arrondissement 7e (lungofiume Senna, nel Quai Anatore France)

Tel: +33 01 40 49 48 48

Metro: Solférino, Assemblée Nationale‎

RER: Musée d'Orsay

Parigi

 

Orari: martedì-domenica dalle 9.30 alle 18.00 (chiuso il lunedì); fino alle 21.45 il giovedì

Note: entrata gratuita per i minori di 18 anni e per i minori di 26 anni (non compiuti) se cittadini UE; gratuito per tutti le prime domeniche del mese e se in possesso di adesioni specifiche.

Articolo di Laura Panarese

 

Dove si trova?

 

 

Torna su

Ostelli Parigi Ostelli Francia

Carte de Paris     Karte von Paris Mapa Paris Map of Paris

Carte de France Karte von Frankreich Mapa Francia Map of France

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal