Madonna del Cancelliere Rolin

Advertisement

Sei qui: Parigi > Cosa vedere a Parigi > Museo del Louvre >

 

Madonna del Cancelliere Rolin - Jan van Eyck 

 

La Madonna del Cancelliere Rolin è una grande tavola votiva commissionata a Jan van Eyck da Nicolas Rolin (1376/1380 - 1462), potente cancelliere del duca di Borgogna Filippo il Buono, e ne è anche protagonista, da cui il nome. Nel quadro, un ex voto, il protagonista sta accanto alle figure divine, dialogando con loro, sottolinea ancora di più il rango elevatissimo raggiunto dal committente. Poche persone, tra cui regnanti e ricchissimi mercanti, si potevano permettere di commissionare un quadro a Jan van Eyck (per esempio i Coniugi Arnolfini, ricchissimi mercanti di Lucca).

Advertisement

Madonna del Cancelliere Rolin - Jan van EyckIl dipinto proviene dalla cappella di famiglia della Chiesa di San Sebastiano (Saint-Sébastien de l'église Notre-Dame-du-Châtel) ad Autun, nella Borgogna francese a cui la vedova di Rolin lo donò dopo la morte del marito. Nicolas Rolin nacque in una famiglia modesta di Autun. Dovette la sua ascesa sociale alla fiducia che gli venne concessa da due duchi della casa di Valois Giovanni di Borgogna e Filippo il Buono. Avvocato, fu nominato cancelliere nel 1422. Nella chiesa di Notre-Dame-du-Châtel ad Autun, Rolin fu battezzato e qui erano sepolti i suoi antenati. Illuminato mecenate, il cancelliere si circondò, dopo avere raggiunto la sua preminente posizione sociale, dei più famosi artisti del suo tempo. Il suo nome collegato anche con opere di Rogier van der Weyden come il maestoso Polittico del Giudizio che oggi si trova ancora nell'Hospices de Beaune (anche chiamato Hôtel-Dieu), nell'omonima cittadina di Beaune rinomata per essere la capitale dei pregiati vini di Borgogna, e fondato proprio da Rolin nel 1443.

Madonna del Cancelliere Rolin - Jan van EyckLa Madonna del Cancelliere Rolin venne spostata da Autun nel 1793, a seguito della distruzione della chiesa di  Notre-Dame-du-Châtel durante i periodo della Rivoluzione Francese, da li a poco entro a far parte della collezione del Louvre. Nello spostamento, il dipinto perse la sua struttura originale che recava la firma del pittore e la data esatta di completamento.

Nel dipinto Rolin è ritratto in ginocchio con le mani giunte mentre,  la testa sollevata da un libro di preghiere, guarda di fronte a sé. La Vergine, seduta su un basso panchetto, rivolge verso di lui il Bambino Gesù, mentre un angelo in volo sopraggiunge con la grande corona che andrà a cingerle il capo. La composizione avviene nello scenario di un sontuoso salone, aperto sul fondo da tre arcate luminose che svelano un ampio panorama. Tutta l'opera è illuminata da una luce chiara e l'occhio di chi guarda viene catturato dai moltissimi particolari descritti minuziosamente, come era usuale nelle opere di van Eyck  che, nel loro dettagliato realismo, sono la rappresentazione vivida di una realtà spirituale. Questo è il primo esempio di un simile tipo di composizione, che riusciva ad avvicinare il fedele (un fedele molto benestante) all'immagine divina creando un piano comune di dialogo a metà tra la realtà terrena e il soprannaturale. La visione del mondo esterno data dal bellissimo paesaggio acquista un profondo significato spirituale, rappresentando la totalità della vita terrena e la sua partecipazione al miracolo della presenza divina nel mondo, che coinvolge ogni essere vivente.

Iconografia

Van Eyck mostra il cancelliere e suo committente inginocchiato davanti la Vergine col Bambino. Il carattere ostentato della figura del donatore, vestito di broccato d'oro e la pelliccia come un principe, riflette la volontà di quest'ultimo di essere percepito come un alto ufficiale della corte. La composizione è costruita su entrambi i lati di un'apertura formata da tre archi. Da un lato, il carattere terrestre in posizione di preghiera su un inginocchiatoio coperto con un panno di velluto e altre figure sacre. La Vergine è seduta su un trono di marmo e ha un grande ricamo e il mantello di pietre preziose. A sinistra i capitelli raffigurano scene del Vecchio Testamento che si concentrano sulle colpe dell'umanità: la cacciata dal paradiso, il sacrificio di Caino e Abele, Dio riceve l'offerta di Caino di uccidere Abele, Noè nell'arca. Tutto è configurato alla maniera di una "Sacra Conversazione" (tra i personaggi divini e terreni), che dopo Van Eyck sarà molto popolare in Italia.

Van Eyck e Ars Nova

Robert Campin e Jan Van Eyck sono stati i principali rappresentanti della nuova pittura che nasce nelle Fiandre durante gli anni tra il 1420 il 1430. La tecnica della pittura ad olio si stava diffondendo, per rendere la luce più luminosa e i dettagli naturalistici. Van Eyck fu uno è dei primi ad usare la pittura ad olio, anche se gli viene erroneamente attribuita l'invenzione. La composizione e il modo in cui caratteri sono parte dello spazio è anch'essa una importante novità pittorica. Le figure sono poste plasticamente in una stanza costruita alle regole della prospettiva. La profondità viene suggerita nell'utilizzo dell'architettura; infine il paesaggio è uno degli elementi più importanti della composizione.

Torna a una delle seguenti pagine:

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa guida vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

 

 

Torna su

 

Ostelli Parigi   Ostelli Francia


Carte de Paris     Karte von Paris Mapa Paris    Map of Paris

Carte de France  Karte von Frankreich      Mapa Francia     Map of France

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal