Père-Lachaise

Sei qui: Guida di Parigi > Cosa vedere a Parigi >

Cimitero di Père-Lachaise  

 

 

Avete mai sentito parlare del cimitero di Père-Lachaise, a Parigi? Quello che i parigini amano affettuosamente chiamare la cite des morts (la città dei morti)? Non si tratta di un luogo per appassionati di storie gotiche o necrofili, non è nemmeno il tipico luogo di riposo eterno. Siamo qui di fronte al cimitero più visitato al mondo, tante sono le personalità che vi sono sepolte, da Oscar Wilde, Chopin, Proust, Colette a Jim Morrison, Edith Piaf fino a Amedeo Modigliani e la sua compagna.

 

Cimitero di Père-LachaiseSenza dubbio il Cimetière du Père-Lachaise è il luogo più visitato del 20° arrondissement, il cimitero più esteso e sicuramente il più bello di Parigi. Venne realizzato nel 1804, e prende il nome al confessore di Luigi XIV, padre La Chaise, Père François de La Chaise, appunto, (1624-1709), che viveva nella casa dei gesuiti ricostruita nel 1682 sul luogo della cappella. Quando arriverete all’ingresso principale, situato nel boulevard de Ménilmontant, troverete una piantina del cimitero, che vi sarà utilissima per evitare di perdervi nella sua vastità e dove sono indicate le tombe dei personaggi più celebri che vi sono seppelliti.

La visita vi porterà in un luogo romantico e mistico, facendovi riflettere durante una suggestiva passeggiata tra natura e architettura. In quello che ufficialmente è conosciuto come cimetière de l'Est, gli stili dei monumenti funerari sono diversi, dai profili classici a quelli stravaganti e perfino erotici; le sculture che adornano le tombe dei grandi personaggi della politica, della letteratura, dell'arte e del mondo dello spettacolo, sembrano raccontare della vita terrena e dell'eredità lasciata ai posteri.

Tomba di Chopin - Cimitero di Père-LachaiseDicevamo, arrivati all'entrata di Père-Lachaise, e sorpassati con un'occhiata veloce i fioristi che costeggiano il boulevard Menilmontant, andate direttamente alla postazione del guardiano e chiedete una mappa dell'area, orientarsi diventa semplicissimo. Gli amanti della letteratura possono far visita alle tombe di Molière (Jean-Baptiste Poquelin), Jean de La Fontaine, Honoré de Balzac, Guillaume Apollinaire, Marcel Proust, Oscar Wilde e Gertrude Stein. Per chi ha la passione della si possono visitare le tombe di Fryderyk Chopin, Gioacchino Rossini, Georges Bizet e Maria Callas.

Lungo il viale principale, s'incontra per prima la tomba della scrittrice del celebre romanzo Gigi Colette e poco dopo, sulla destra, quella dei due innamorati Abelardo ed Eloisa. La leggenda racconta che, quando il corpo di Eloisa fu sepolto, Abelardo, grande esponente dell'Umanesimo, deceduto da vent'anni, aprì le braccia per accoglierla. Un'altra celebre coppia sepolta qui sono l'attore Yves Montand (Ivo Livi) e sua moglie anch'essa attrice, Simone Signoret, che riposano nella sezione numero 44.

Tra i pittori più noti sepolti qui troviamo: Eugène Delacroix, Jacques-Louis David, Jean-Baptiste Camille Corot, Amedeo Modigliani e Max Ernst.

Tomba di Jim Morrison - Cimitero di Père-LachaiseSicuramente la più affollata di tutte e la tomba di Jim Morrison, cantante dei Doors. Il cantante si trasferì con la sua compagna Pamela Courson a Parigi nel marzo 1971, con l'intenzione di dedicarsi unicamente alla poesia. Il 3 luglio dello stesso anno morì in circostanze misteriose nella casa in cui la coppia alloggiava da pochi mesi al n. 17 di rue de Beautreillis, nel quartiere Marais. Venne trovato "ufficialmente" privo di vita nella vasca da bagno da Pamela, ma probabilmente morì di ovedose di eroina nel locale parigino "Rock 'n' Roll Circus". La sepoltura, nel Cimitero di Père-Lachaise, avvenne tre giorni dopo, in un piccolo lotto situato alla confluenza dei settori 5, 6, 14 e 16, divenuto negli anni un vero e proprio "santuario" di fan vecchi e nuovi, visitatori, curiosi e turisti attirati dal suo mito, che suonano, lasciano poesie, graffiti, fiori, sigarette e perfino spinelli sulla semplice pietra della lapide. L'attuale tomba, un blocco di granito con epitaffio in greco antico, ha sostituito quella originale, che era sormontata da un busto marmoreo raffigurante lo stesso Morrison, opera dello scultore croato Mladen Mikulin. L'opera venne trafugata come reliquia dopo essere stata deturpata a più riprese con vernice, rossetto e graffiti. Nel 1995 gli eredi ripulirono la sua tomba e quelle circostanti, che erano state danneggiate dalla presenza di tanti visitatori e da atti di vero e proprio vandalismo. Allo stesso tempo stanziarono una somma per l'installazione di un sistema di sorveglianza permanente. Sulla lapide, su una lastra di bronzo l'iscrizione in greco "kata ton daimona eaytoy", ossia "fedele al suo spirito".

Inquietante, costantemente fiorita e affollata è la tomba di Allan Kardec, il fondatore dello spiritismo, frequentata soprattutto da brasiliani che vengono in visita per toccare il monumento funerario che pare sprigioni calore. Pare invece sia benefica per la fecondità la celebre tomba di Victor Noir, rappresentata con particolare realismo a grandezza naturale: sulla statua e sul suo prominente sesso, lisciato negli anni (tanto da cambiarne il colore), bisognerebbe appoggiare il ventre, o almeno la mano; la leggenda dice che solo così si possono avere maggiori possibilità di restare incinta. Credenze a parte, Noir, diventò più famoso da morto che da vivo: il giovane giornalista fu difatti ucciso dal cugino di Napoleone III, Pierre Bonaparte, durante un'intervista. Pierre venne scagionato per legittima difesa solo per via della parentela con l'imperatore. Le proteste che seguirono al fatto, con più di 100 mila persone al funerale di Noir, portarono lo stesso anno, il 1870, alla caduta di Napoleone III. Qui si trova anche la tomba del dottor Joseph-Ignace Guillotin, inventore di uno strumento passato alla storia come "ghigliottina".

Ogni tomba ha un suo stile, che in parte soggiace alla "moda" funeraria dei vari periodi. Una delle tombe più monumentali è quella dedicata ad Oscar Wilde, a forma di sfinge, realizzata da Jacob Epstein. Proprio in questa sezione si è accolti da una sensazione di pace e tranquillità, tanto che le ore passano quasi senza accorgersene. Tra i gatti, il cinguettio degli uccelli e la luce calda dei raggi di sole autunnali, si va alla ricerca dell'ultima dimora terrena dei nostri personaggi preferiti: dalle cantanti Edith Piaf e Maria Callas a Chopin. Di quest'ultimo si dice che, anche se il cuore è seppellito in Polonia, l'anima sia felice di stare a Parigi, città d'arte e di passioni. C'è poi la tomba del poeta Nerval, curata da appassionati che recitano le sue poesie, e quella di Honoré de Balzac. Semplicissima è la tomba dello scrittore Marcel Proust, amante del bello.

I visitatori di questa moderna necropoli superano i 2 milioni ogni anno; chissà se vi capiterà proprio in questo luogo di incontrare un vecchio amico perso di vista da tempo: la stessa passione per uno dei tanti artisti che qui riposano accomuna più gente di quanta si possa pensare.

Tra gli italiani sepolti a Père-Lachaise ci sono stati Vincenzo Bellini morto nel 1835 (la cui salma poi fu portata a Catania) Angelo Mariani morto nel 1838, il compositore fiorentino Luigi Cherubini morto nel 1842, il pittore Amedeo Modigliani morto nel 1920, Gioacchino Rossini morto nel 1868 e successivamente tumulato nella Basilica di Santa Croce a Firenze, Giulia Crisi morta nel 1869, il pittore impressionista di Barletta Giuseppe De Nittis morto nel 1880, la cantante lirica Marietta Alboni morta nel 1894, Virginia Oldoini, contessa di Castiglione morta nel 1899 e cugina di Cavour (si dice quest'ultimo la usò come affascinante intermediatrice nella causa italiana presso Napoleone III in Francia), la cantante lirica Adelina Piatti morta nel 1918, Piero Gobetti l'intellettuale antifascista morto nel 1926 a soli 25 anni e Cino Del Duca fondatore di riviste in Francia e in Italia del quotidiano, Il Giorno, morto nel 1967.

Vedere anche l'articolo 10 idee e consigli per visitare Père-Lachaise

Cimitero Père-Lachaise

Boulevard de Ménilmontant

20e arrondissement

Metro: Philippe Auguste (linea 2)

Stazioni metropolitana: Pere Lachaise o Gambetta.

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa guida vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

Dove si trova?

 

 

Torna su


Ostelli Parigi   Ostelli Francia


Carte de Paris     Karte von Paris Mapa Paris    Map of Paris

Carte de France  Karte von Frankreich      Mapa Francia     Map of France