Natale a Gubbio

Sei qui: Natale in Europa >

Natale a Gubbio

Arrivare la mattina presto a Gubbio in un giorno di foschia invernale sembra dare risalto alle atmosfere natalizie di questa parte d'Italia. Il paesaggio è tipico umbro, docili pendii e importanti orizzonti. A tenere il passo è un misto di emozioni curiose, che un po' ricordano i giorni passati, quando bambini madri e maestre raccontavano di un piccolo villaggio medievale ai piedi del monte, di un santo (Francesco) e di un lupo. Leggende e ricordi che oggi passano veloci nella mente e che in qualche modo preparano alla visita. Il Natale a Gubbio è effettivamente speciale, e lo è per diverse ragioni.

 

La città il ritmo è leggero, sereno. Come serene sono le piccole realtà casalinghe che ogni anno, da settembre e fino ai primi di gennaio, lavorano per far si che la tradizione non si perda nei meandri del tempo. Alla storia Gubbio unisce i decori, le illuminazioni, le scenografie più originali. Siamo nell'antico quartiere di San Martino ed è qui che ogni 7 dicembre si assiste alla creazione di qualcosa di speciale: statue a dimensione umana prendono posto lungo le vie, accanto agli usci delle case, nelle piazze; a vederle sembrano vivere in una dimensione vicina, come se si siano fermate di colpo in attesa dell'annunciazione divina. Il presepe qui considerato ha però una storia abbastanza recente. Nasce poco più di dieci anni fa grazie alla volontà e determinazione degli abitanti della città, riunitisi per creare un unico grande presepe cittadino. 'Riflettete o voi passanti, mentre passeggiate nella 'Via del presepe di Gubbio' (alias Largo Lando), sembrano voler dire i volti delle statue, considerando che al loro lato vengono riportate le frasi più significative del Vangelo.

Angoli segreti, autentici, dove anche la nuda pietra delle case sembra animarsi e prendere vita. La maestria scenografica è indiscutibile, i dettagli artigianali diventano arte nelle mani nobili di colui che li ha creati. Vengono rappresentate scene di vita quotidiana proveniente dal passato, ma poi non tanto diversa da quella presente. La Natività è ambientata nel largo Lando, comunemente noto come la 'piazzetta' di Gubbio, mentre nelle vie accanto prendono posto i Re Magi (in via Capitani del Popolo) e man mano gli antichi mestieri della Gubbio medievale, lo speziale, il fabbro, il falegname, il fornaio e poi l'ortolano (nella zona del mercato), la merciaia e il cordaro (in via del Loggione), le materassaie (in via Ondedei) e a seguire le lavandaie e tingitrici. Tutti animati al limite del vero in questo che è il più antico quartiere di Gubbio, ai piedi dei palazzi patrizi di un tempo (palazzo Consoli per esempio, che ancora oggi con la torretta e i suoi archi merlati sovrasta le case dai mattoni ambrati della pittoresca via Piccardi). Incuriosiscono le lanaiole, che con i loro costumi d'epoca raccontano di altri tempi, altre realtà, altre radici. Nel Seicento la lavorazione dell'arte della lana a Gubbio era una delle attività artigiane più importanti nell'economia eugubina, così come lo fu (e ancora lo è) quella della lavorazione della ceramica, tra le più antiche della città. A Gubbio la notizia più antica sulla lavorazione della ceramica e l'arte della maiolica risale al 1326, in un documento che elenca i vasai al lavoro nel Trecento e nel Quattrocento.

L'antico quartiere si rinnova ogni anno, ancora oggi. In una scenografia di mestieri di un tempo sfila l'odierno via vai fatto di gente comune, bambini e madri, casalinghe e impiegati, e giovani agli ultimi giorni di scuola prima delle grandi feste. Tradizioni che si tramandano di padre in figlio e che a Gubbio hanno trovato nuovi modi di espressione, autentici e originali. Ed è proprio questa la vita reale nel quartiere di San Martino, un presepe vivente che unisce passato e presente, teatro di protagonisti veri.

Il 7 e 8 dicembre è giorno di grande festa a Gubbio, sbandieratori, musicanti e cortei accendono l'inizio del Natale in città: le statue (preparate sin da settembre) ricevono la benedizione del parroco della chiesa di San Domenico, la più antica del quartiere di San Martino e probabilmente di costruzione antecedente al XII secolo. Un ulteriore premio per gli abitanti, che ricordiamolo sono tutti volontari, sarà poi quello di vedere la città e il quartiere arricchirsi ogni anno che avanza di un numero sempre maggiore di visitatori. Anziché costruire ognuno un proprio, piccolo, presepe (come accade in tante altre città italiane), a Gubbio si è così deciso di realizzarne uno, unico e grandioso.

Non solo, il 7 dicembre è anche il giorno dell'accensione di 750 luci molto caratteristiche. Perché ad essere grandioso non è solo il presepe, ma anche l'Albero di Natale di Gubbio. Grande e anche famoso, visto che più volte è stato premiato come l'albero di Natale più grande del mondo. Lo vediamo da lontano, dalle pendici del monte Ingino, quasi a proteggere e benedire la città. 750 luci colorate disseminate lungo la parete del monte in 750 metri di lunghezza e circa 450 di larghezza e disposte in modo tale da formare la sagoma di un tradizionale albero di Natale. Lo vediamo distendersi così in circa 130 mila metri quadri, dai piedi della Basilica di Sant'Ubaldo, in cima, e fino in giù, alle mura della città. Non manca la stella cometa, alla sommità dell'albero e quindi alla sommità del monte. Ci sono poi altri numeri da contare, niente meno che 8500 metri di cavi, 1350 tra spine e prese e 1900 ore di lavoro per l'allestimento

Nell'edizione del 2013, il 10 dicembre, Gubbio ha voluto rendere omaggio a Nelson Mandela spegnendo le luci del grande albero di Natale, 'listato a lutto', per – come si legge nella nota ufficiale del comitato – aver perso una delle ultimi grandi " stelle" che si sono battute per i diritti e l'uguaglianza tra gli essere umani.

Il Natale a Gubbio è speciale, lo è da sempre per i suoi cittadini, gente sincera, gentile, spontanea, e lo è stato per noi che abbiamo visto accese queste mille luci d'orgoglio e spontanea condivisione. Grazie Gubbio e buon Natale a voi.

Date e direzioni del Natale a Gubbio:

Dal 7 dicembre al 6 gennaio (qualche giorno in più di consueto per l'albero di Natale)

Gubbio presepe (Le Vie del Presepe: via Capitano del Popolo, via Ondedei, Largo Lando, Vicolo Lazzarelli, via del Loggione)

Gubbio Albero di Natale (dalla città o dai suoi dintorni, oppure con la funivia per visitare la Basilica di Sant'Ubaldo). La cerimonia ufficiale di accensione è in genere tenuta presso l'oratorio della Madonna del Prato, in un apposito spazio all'aperto.

Gubbio è una delle città più caratteristiche dell'Umbria, a breve distanza dalla sua città di provincia (Perugia) e raggiungibile in auto con la A14 (uscita Cesena) e con la E45 (direzione Perugia, uscita Gubbio); in treno fino alla stazione di Fossato di Vico-Gubbio e in pullman per una ventina di chilometri. L'aeroporto di Ancona-Falconara è il più vicino a Gubbio e dista circa 90 km dalla città.

 

Torna su

 

 

 

 

Ostelli Gubbio   Ostelli Italia   Auberges de Jeunesse Italie  Hotel Gubbio

Carte de Gubbio     Karte von Gubbio    Mapa Gubbio Map of Gubbio

 Carte de la Ombrie     Karte von Umbrien    Mapa Umbria     Map of Umbria

Carte d'Italie  Karte von Italien  Mapa Italia   Map of Italy